Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Mar 29, 2020 Last Updated 10:58 AM, Mar 26, 2020

Giallo come il sole è un auspico di gioia, felicità, salute e benessere che mai come in questo periodo ci serve a fronteggiare una situazione di forte difficoltà collettiva dove anche ogni singola azione buona contribuisce a superare meglio il tortuoso percorso.

Il sole porta benessere, il giallo lo caratterizza da sempre, molti alimenti ne rappresentano sulla terra il grande potere concentrando in se nutrienti particolarmente protettivi e ricchi di salute.

È il caso del limone che troneggia sulla copertina del nuovo numero di Cucina Naturale diventando il motivo conduttore di tutta la rivista e che lasciateci dire ci offre anche solo alla vista un benessere immediato.

A tavola possiamo fare veramente molto per la nostra salute e lo possiamo fare con gioia, gusto e a volte anche sano divertimento.

Tornando alla rivista segnaliamo in particolare il servizio sul limone dello Chef Giuseppe Capano nella sua rubrica “Nessuno spreco” e di cui vi elenchiamo le tre ottime ricette affiancate da consigli più che preziosi:

  • Insalata di limoni all’Ischitana
  • Tofu bianco e affumicato al limone con asparagi alle nocciole
  • Crostatine friabili di grano saraceno al limone

Lo chef firma anche il servizio su “Come lo conservo” dedicato allo stagionale e squisito asparago nelle sue diverse varietà.

Per il resto potete consultare la presentazione ufficiale del numero di aprile di Cucina Naturale che trovate di seguito, mentre una visione più completa potete trovarla a questo link diretto del sito di Cucina Naturale!

Cucina Naturale di aprile: l’energia del colore giallo
Non è un caso che il limone sia il principale protagonista del numero in edicola della nostra rivista. Questo frutto ha davvero infiniti pregi, e molti sono preziosi proprio in questo particolare periodo che stiamo tutti vivendo. Come ci racconta la nostra Barbara Asprea, giornalista e dietista, è un frutto con azione antisettica, depurativa; è vitaminico e favorisce l’assorbimento del ferro. In cucina la sua personalità caratterizza tanti piatti diversi, come quelli raccolti da chef Kumale dalle cucine tradizionali di tutto il mondo.
Del limone in agricoltura parlano le Donne dell’ortofrutta - associazione di imprenditrici che ogni mese ci sanno avvicinare al mondo della produzione agricola, anche con consigli pratici - insieme all’asparago, di stagione in questo mese. Troverete questi germogli saporiti in diverse ricette e anche nel servizio dedicato alla conservazione.
Sempre nutrita la nostra sezione di informazioni sui prodotti in vendita, per scegliere nel modo più consapevole. Avrete tutte le info per acquistare le passate di pomodori migliori e più fresche, le combinazioni più equilibrate di piatti di cereali pronti per il consumo, scoprirete quanti volti può avere il semplice seme di anacardo e diventerete esperti nel distinguere le piadine più sane. Le piadine sono la base delle ricette superveloci, una selezione della Settimana Naturale, il format che offre ogni giorno piatti veg veloci che sta avendo tanto successo.
Chi vuole approfittare del fatto che si cucina di più a casa e allo stesso tempo vede rischi per la propria linea ha a disposizione il menu settimanale light di stagione, questo mese tutto gluten free.

Cucina Naturale è disponibile in edicola (a 3,40 euro) o in abbonamento nella tradizionale versione cartacea, oppure in PDF, sempre a 3,40 euro, per una comoda e immediata lettura e archiviazione su supporti digitali.

La “rugiada del mare” come poeticamente chiamavano i latini il rosmarino è una delle piante aromatiche più importanti e usate un tempo in tutto il mediterraneo e ora diffuso a ogni latitudine possibile.

Malgrado da tradizione poetica sia strettamente legato al mare dal punto di vista della pratica di cucina è stato abbinato più a prodotti come carne e verdura che al pesce in se, probabilmente grazie anche alle sue proprietà di conservazione oggi in buona parte riconosciute dalla moderna scienza.

L’utilità del rosmarino in cucina è esaltata dalle sue spiccate virtù digestive che favoriscono il rilassamento dei tessuti muscolari dell’apparato digestivo aiutando ad assimilare meglio le preparazioni più complesse, pur essendo il profumo e l’aroma la vera e preziosa essenza di questa pianta dai molteplici utilizzi.

Il rosmarino è un arbusto o cespuglio sempreverde perenne appartenente alla famiglia delle Labiate, largamente diffuso nelle regioni mediterranee allo stato spontaneo e ampiamente coltivato nel resto del mondo.

Le numerose foglie piccole e strette hanno colore verde scuro nella pagina superiore e sfumature argentate nell’inferiore, i fiori sono azzurro-violetto, l’altezza arriva e supera i 150 cm.

A livello aromatico si caratterizza per un forte sentore di canfora e pino piacevole, aromatico e intenso, da dosare con attenzione a seconda degli alimenti, sia in cotture prolungate che come tocco finale ai piatti, si ritrova in numerose ricette regionali Italiane.

Se non si ha la fortuna di avere un terreno con la pianta allo stato naturale non è per nulla difficile riuscire a trovarlo sul mercato in forma di rametti, i costi sono però spesso ingiustificati per cui quando possibile è fortemente consigliabile se non in piena terra almeno la coltivazione in vaso in modo da prelevare via via solo lo stretto necessario per la cottura e usufruire al meglio delle sue caratteristiche.

Volendo conservare nel tempo si possono sia seccare le foglie, perdendo però gran parte della fragranza da fresco, sia tenere singoli rametti freschi in vasetti colmi d’acqua fino a una settimana.

Precauzioni: in forte dosi è controindicato alle donne in gravidanza, l’assunzione di olio essenziale causa facilmente problemi gastrici, intestinali e renali.

Profilo organolettico in breve

  • Caratteristiche: arbusto dalle numerose foglie piccole e strette con colore verde scuro nella pagina superiore e sfumature argentate nell’inferiore, i fiori sono azzurro-violetto, l’altezza arriva e talvolta supera i 150 cm.
  • Aroma: prevale un caratteristico sentore di canfora e pino piacevole e aromatico per quanto a alta intensità, per questo motivo è da dosare con attenta calibrazione in base alla tipologia di cibo in cui viene aggiunto.
  • Uso: generalmente si aggiunge intero a rametti a inizio cottura per fare in modo che rilasci gradualmente gli aromi interni, tritato, specialmente le foglie giovani e piccole, è comunque un ottimo insaporitore finale per molte pietanze.
  • Abbinamento: se tradizionalmente è abbinato sovente con i piatti di carne il rosmarino sa esaltare al meglio molti altri alimenti come verdure, legumi, salse per primi piatti, zuppe, pizze, focacce, dessert, dolci secchi.

 

Assaporate il suo aroma in queste ricette

Tra i fattori predisponenti l’aggravamento dei sintomi da Covid-19 quello che registra la più alta percentuale è l’ipertensione, una patologia spesso silenziosa e per questo ancora più pericolosa strettamente collegata con la dose di sale consumata quotidianamente e per questo contrastabile in maniera efficace con una cucina senza sale fatta di gusto e tanta soddisfazione organolettica.

Analizzando la tabella riassuntiva dell’istituto superiore di sanità che potete consultare a questo link contestualizzata ai dati disponibile fino al 20 marzo 2020 si possono cogliere spunti interessanti riguardo al rapporto tra fattori predisponenti e letalità dell'ormai famoso corona virus o Covid-19.

È abbastanza evidente come un organismo già debilitato da situazioni di forte squilibrio per quanto gestite e tenute sotto controllo in qualche modo da una terapia medica si trovi in una situazione di pericolosa debolezza nel momento in cui entra in contatto con questo virus e probabilmente con i virus in generale.

Senza andare in campi che non sono di stretta competenza di questo sito bisogna quindi constatare che sarebbe meglio cercare di prevenire determinate patologie piuttosto che pensare che poi ci sarà comunque una terapia che consentirà di gestirle perché in ogni caso il nostro organismo si può trovare poi in una situazione di seria difficoltà quando messo sotto pressione da fattori esterni a carattere invasivo.

Leggendo il rapporto colpisce molto come tra i fattori predisponenti quello che registra la più alta percentuale è l’ipertensione, una patologia spesso silenziosa e per questo ancora più pericolosa, subdola e come si vede con una potenziale incidenza nefasta molto alta.

La prevenzione dell’ipertensione diventa allora estremamente importante e la si può attuare con diverse strategie possibili tutte collegate al personale stile di vita e all’attenzione posta alla dieta seguita quotidianamente.

Possiamo tranquillamente affermare che il più potente mezzo che abbiamo a livello di alimentazione per prevenire in maniera efficace la pressione alta è la riduzione drastica della percentuale di sale consumato a tavola.

Il comune sale da tavola è una combinazione di due sostanze specifiche, il sodio e il cloro nella proporzione di 40% e 60% rispettivamente, elementi assolutamente indispensabili all’organismo quando rimangono nei limiti funzionali, altrimenti il loro eccesso crea una serie di problematiche, fra cui la principale è proprio l’ipertensione.

In genere si parla prevalentemente di sodio perché è proprio questa sostanza che se in eccesso causa una lunga serie di conseguenze negative, le indicazioni scientifiche più attendibili e verificate evidenziano come la necessità media di un adulto può essere circoscritta a solo poco più di 100 mg di sodio al giorno che viene portata a 500 mg/giorno tenendo presente le variabili dei diversi stili di vita, l’ambito geografico e climatico, le differenti necessità fisiologica di ogni ceppo umano.

Ora dobbiamo sapere che ogni grammo di sale ci porta 0,4 grammi di sodio quindi per rimanere nei parametri corretti sarebbe sufficiente usare circa 1,2 g di sale al giorno, mentre le statistiche ci ricordano che mediamente una dieta considerata relativamente salutare come quella mediterranea degli Italiani apporta ben 12 grammi di sale al giorno, in pratica dieci volte le reali necessità.

Il paradosso è che la porzione standard giornaliera di sodio viene normalmente raggiunta attraverso un’alimentazione varia e salutare senza alcun problema, per cui virtualmente del sale non ci sarebbe alcuna necessità fisiologica, se non fosse che l’uso del sale porta con se un’immensa potenza di esaltazione sensoriale e conservativa cementata da secoli di pratica culinaria.

Viviamo di fatto in uno stato di esaltazione della sapidità naturale del cibo raramente necessaria dal punto di vista del nostro organismo e che in apparenza sembra non possibile riportare a un livello accettabile tanto le nostre abitudini sono diventate così radicate e forti intorno all’uso del sale.

Eppure i danni dell’eccesso di sodio sono concretamente rilevanti come vediamo nel caso della pressione alta che predispone purtroppo all’insorgenza di numerose altre patologie devastanti o è essa stessa sintomo di preoccupanti alterazioni funzionali dell’organismo, ma lo spropositato uso del sale è diretto responsabile anche di alcuni tipi di tumori come quello allo stomaco e della perdite di calcio nelle ossa che favorisce l’insorgenza dell’osteoporosi, giusto per limitarsi a citare due delle altre problematiche più frequenti.

Precisiamo un aspetto importante: la problematica di un eccesso di sodio nella dieta non è imputabile solo al nostro agire in cucina che può influenzare la quantità assimilata fino a circa un 35%, una fetta più consistente intorno al 55% deriva da prodotti pronti che compriamo a cominciare dall’usuale pane che insieme ad altri prodotti da forno molto usati come biscotti, cracker e grissini si rivela la principale fonte di sale introdotto ai pasti.

Mezza Copertina def libro sale fronte per CS

Serve allora una guida autorevole e importante che ci possa direzionare verso una cucina di gusto, gioia e bontà pur facendo a meno quasi del tutto del sale raccontandoci tutte le numerose possibilità che abbiamo per esaltare ugualmente i nostri piatti e le nostre ricette quotidiane.

Niente di meglio allora che consultare, leggere e acquistare il nuovo e prezioso libro dello Chef Giuseppe Capano veramente ricchissimo di contenuti utili e tante buone e belle golosità, per stare bene in salute pur deliziandoci in cucina!!!

Lo trovate in vendita a questo link!

Ultimi articoli

Rosmarino, la “rugiada del mare” celebrata dai poeti dall’anima fortemente mediterranea

Rosmarino, la “rugiada del mare” cel…

24-03-2020 Erbe aromatiche

La “rugiada del mare” come poeticamente chiama...

Ipertensione, Covid-19 e sale

Ipertensione, Covid-19 e sale

23-03-2020 Ipertensione

Tra i fattori predisponenti l’aggravamento dei s...

Pasta integrale e moderna cucina della salute

Pasta integrale e moderna cucina della s…

17-03-2020 Alimentazione

La pasta integrale ha raggiunto un livello qualita...

Libri in Primo Piano

A tavola con il Diabete

A tavola con il Diabete

Gennaio 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Dietolo...

Ipertensione: curarla a tavola

Ipertensione: curarla a tavola

Aprile 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il ruol...

La Cucina Mediterranea delle Verdure

La Cucina Mediterranea delle Verdure

Maggio 02, 2006

Consigli e ricette di uno chef Descrizione: Nuov...

Le ricette del mese

Sformatini agrumati di catalogna con olio profumato all'arancia

Sformatini agrumati di catalogna con oli…

14-03-2020 Secondi

Ricetta presente nel nuovo e imperdibile libro del...

Indivia scarola alle olive e arancia con carpaccio di funghi all’erba cipollina in olio

Indivia scarola alle olive e arancia con…

14-03-2020 Antipasti

Ricetta presente nel nuovo e imperdibile libro del...

Riso rosso ai ceci con dressing ai carciofi

Riso rosso ai ceci con dressing ai carci…

10-03-2020 Primi

Un ottima combinazione da primo piatto in cui uno ...

Invito alla Lettura

Tutto sul pane fatto in casa

Tutto sul pane fatto in casa

17-10-2011 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Parliamo volentieri d...

Il sovrappeso nei bambini

Il sovrappeso nei bambini

01-03-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Natura e Salute Questo è un libro che ci sarebbe...