Ti trovi qui:Home»Gusto e Benessere»Cucina per i Bimbi»Cibo, bambini e influenza emotiva

Cibo, bambini e influenza emotiva

Lunedì, 24 Agosto 2015 21:16 Scritto da 
Cibo, bambini e influenza emotiva - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Evitare di far diventare il cibo un premio fin dai primi anni di età.

L'influenza della sfera emotiva sul consumo di cibo e l'alterazione percettiva della sensazione reale di fame in favore di un surrogato che poco ha a che fare con le reali esigenze dell'organismo è la base di ogni degenerazione comportamentale alimentare.

Un meccanismo ben conosciuto che ha portato al diffondersi in maniera esponenziale il problema dell'obesità e in generale del sovrappeso, a loro volta responsabili di una lunga serie di patologie.

Ma da quando si instaura in un individuo questa alterazione visto che è difficile credere nasca già predisposto a questo?

Una prima risposta interessante, anche se da confrontare e approfondire, arriva da uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition.

 

A un gruppo di oltre quaranta unità formate da genitori e figli sono stati forniti una serie di questionari e sono stati osservati con l'intenzione di capire tra i dati scritti dagli stessi e i comportamenti osservati quanto l'emotività legata al momento di consumo del cibo arrivava a influenzare i bambini stessi e soprattutto da che età cominciavano a instaurarsi i primi danni permanenti.

Si è visto in maniera preoccupante come già dai tre anni di età il fatto di legare il consumo del cibo ai comportamenti che i genitori volevano indurre nei bambini (tipico esempio la concessione di un dolce carico di zuccheri e grassi in cambio di un preciso atteggiamento comportamentale) portava nel giro di poco tempo a devianze alimentari ben più gravi.

Così tra i 5 e i 7 anni i sintomi di fame nervosa incontrollata che porta a consumare cibo senza avere realmente fame possono già essere palesi e variamente gravi portando direttamente poi sulla strada dell'obesità e sovrappeso.

La conclusione degli studiosi è stata che i genitori che controllano eccessivamente l'assunzione di cibo per bambini potrebbero involontariamente insegnare ai bambini stessi a contare su cibi gradevoli per far fronte alle emozioni negative, superare difficoltà emotive momentanee o accontentare persone a loro superiori.

Considerando poi che gli stessi genitori responsabili di questa devianza sono poi gli stessi che rimproverano ai loro figli le scelte alimentari sbagliate c'è da riflettere molto sul comportamento da tenere con i bimbi fin dai primi anni di età cercando di coinvolgere il meno possibile il cibo nella sfera emotiva e comportamentale.

 

Vota questo articolo
(1 Vota)
Google Plusfacebooktwitterflickrfeedcontattinewsletter

Il libro e le ricette

La Cucina per i Bimbi

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Coinvolgere i bambini nelle preparazioni di cucina è un'operazione più semplice di quanto si possa pensare e spesso

Pesci, cuori, stelle, alberi di semola colorati

Ingredienti per 2 persone: 150 g (90+60) di carote, 200 g (120+80) di spinaci o erbette, 3 cucchiai colmi (2+1) di passata di pomodoro, ½ cucchiaino di m

Finto gelato di riso con pomodori e piselli

Ingredienti per 2 persone: 100 g (60+40) di riso integrale, 2 foglie di alloro, 3 (2+1) pomodori maturi medio piccoli, 1 mazzetto di maggiorana fresca, 1

media partner

partner-tecnichenuove partner-cucinanaturale partner-aiab partner-corriere-della-sera partner-olioofficina partner-olioofficinaff partner-legambiente partner-festambiente partner-cambiamenu partner-mandacaru

Facebook