Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Sep 19, 2018 Last Updated 10:30 AM, Sep 19, 2018

Cotture a alte temperature pericolose per la salute

Pubblicato in Pesce & Vedure
Letto 2305 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Non solo la carne, ma anche il pesce e le verdure cotte male alla griglia portano più effetti negativi che positivi. 

Che le alte temperature in cottura siano nemiche giurate della salute lo si sa da tempo, sorprende spesso però che malgrado l'allarme e le evidenze in questo senso non pare vi sia una reale presa di coscienza e almeno un tentativo di attenuare questi effetti nefasti.

Le tecniche più invasive sono la grigliatura su carbone o legna, la frittura, la cottura alla piastra su fornello tradizionale e la cottura in forno a alte temperature superiori ai 200 gradi abbondanti.

A queste condizioni ci sono modifiche sostanziali in negativo della struttura naturale di grassi e proteine e la produzione di sostanze ben poco sane a prescindere dal tipo di alimento anche se è chiaro che cibi fortemente proteici e grassi come carne e pesce sono i più esposti.

Quindi tra ammine eterocicliche e idrocarburi policiclici aromatici passando attraverso un'altra lunga serie di sostanze nocive i danni che possiamo fare con una gestione sbagliata delle cotture possono essere ingenti.

Per questo è importante conoscere le tecniche corrette e dove possibile apportare quelle modifiche di metodo che consentono di godere del piacere di una cottura, pensiamo alla quasi irresistibile frittura, senza incorrere in problemi per la salute.

Ma nell'ambito domestico e in parte professionale la tecnica più difficilmente controllabile rispetto al raggiungimento di alte temperature è certamente la cottura alla griglia dove gli effetti sono purtroppo spesso nefasti a prescindere da cosa si griglia.

Branzino al cartoccio con pomodori e timo 700x500 CSQuesto perché quasi sempre si considera questa tecnica come estremamente semplice e alla portata di tutti senza conoscerne le regole e i limiti operativi.

Se oggi al centro dell'attenzione c'è spesso la carne rossa (con ragione ovviamente) cotta con questa tecnica è frequente credere che tutto il resto cotto alla griglia (in maniera errata) sia invece meglio.

Così non è perché più che l'alimento che ci si prepara a cucinare conta molto il metodo, le attenzioni, le precauzioni, la giusta tecnica, la prassi preventiva messa in atto oppure no.

Questo vuol dire che gli stessi composti cancerogeni che si formano su una bistecca cotta malamente alla griglia si formano su pesce e verdure (o anche frutta) e a volte in quantità anche maggiori.

Ne ha dato rilevanza una ricerca condotta dall'Università di porto pubblicata su Food and Chemical Toxicology che ha messo a confronto due tipi di alimenti proteici diversi, la classica carne rossa e il pesce, nell'immaginario di molti sempre più sano della carne a prescindere dalla cottura usata.

I risultati hanno, invece, messo in evidenza il contrario ovvero pesce grasso come il salmone cotto maldestramente alla griglia produceva più sostanze cancerogene della comune fetta di carne rossa.

Ciò per via, ipotizzano i ricercatori, di una più elevata percentuale di grassi presenti nel salmone, ma per esperienza diretta possiamo ritenere che più dei grassi ciò che prevale come effetto nefasto è la cattiva gestione della cottura specifica.

Questo perché effetti negativi ci sono, e non pochi, anche nelle verdure cotte male alla griglia e li grassi praticamente non ne esistono a meno di non mettere erroneamente prima a marinare in olio gli ortaggi da grigliare, pratica da sconsigliare salvo specifiche eccezioni.

Per evitare molti di questi problemi ci sono metodi complementari che pur usando gli stessi strumenti di cottura pongono una sorta di barriere agli effetti più deleteri.

Il principale è la pratica del cartoccio che si può applicare sia sulla piastra tradizionale appoggiata sul fornello che nel classico forno come raccontato in questa ottima ricetta.

Pesce & Vedure, La sana alleanza

 pesce verdure foto p

 

Si pensa sempre al pesce e alla verdura come due soggetti distinti che possono comparire casualmente all’interno di uno stesso menu o uno stesso piatto, ma che di fatto fanno parte di destinazioni diverse, di modi di alimentarsi alternativi. Nella cucina classica poi, la verdura è sempre la cenerentola di turno, è sempre in funzione di alimenti discutibilmente più "nobili", come la carne e nel caso del pesce, quando compare è il semplice sottofondo al protagonista principale.

 

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Pesce e Verdure

Agosto 01, 2006

Un'unione gustosa e salutare Descrizione: 28 pes...

La Cucina a Crudo - terza edizione

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Siamo a...

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Le ricette del mese

Crocchette con farina di lupini e zucchi…

17-09-2018 Antipasti

Ingredienti per 4 persone: 500 g di patate, 40...

Sorgo con crema di peperoni gialli e ver…

14-09-2018 Primi

Ingredienti per 4 persone 3-4 scalogni, 2 gran...

Peperonata rossa con cubetti di frittata…

13-09-2018 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 2 cipolle rosse, 3 ...

banner