Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Feb 28, 2021 Last Updated 12:00 AM, Sep 16, 2021

L’impasto dei gnocchi di patate si presta a tante ottime varianti in cui magari compensare almeno un poco con elementi di salute più rilevanti il suo sostanzioso impatto glicemico.

Per questo motivo gnocchi di questa composizione non vanno consumati molto spesso, ma quando è possibile vale davvero la pena di trovare soluzioni di gusto, piacere e benessere.

Qui aiutano in parte i sani pistacchi, ma più che altro la ricetta voleva celebrare un buon formaggio molto particolare come la caciotta al timo prodotto in alcune aree di montagna e proprio il timo presente in veste doppia è l’altro elemento prezioso che troviamo in questa ricca ricetta!

Ingredienti per 4 persone:

  • 750 g di patate a pasta bianca possibilmente di uguali dimensioni,
  • 2 cipolle bianche,
  • 2 foglie di alloro,
  • 1 mazzetto di timo fresco,
  • 125 g di caciotta al timo,
  • 150 g di pistacchi,
  • 225 g di farina bianca,
  • poco latte,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mettere le patate lavate in una casseruola, coprirle di acqua fredda e dal momento dell'ebollizione lessarle per 20-25 minuti circa fino a renderle tenere ma non sfatte.
  2. Sbucciare le cipolle e tagliarle in sottili spicchi, metterle in una padella dal fondo spesso insieme a 4 cucchiai di olio e le foglie di alloro lavate, salare leggermente, coprire e rosolare a calore basso per 15-20 minuti fino a rendere tenera la cipolla, se serve bagnare con poca acqua.
  3. Lavare e asciugare il timo fresco, sfogliarlo completamente, tagliare la caciotta in piccoli dadini, togliere le foglie di alloro dalle cipolle e aggiungere la caciotta, sempre a fuoco basso lasciarla sciogliere delicatamente, frullare cipolle e formaggio allungando con il latte sufficiente a ottenere una salsina.
  4. Unire il timo fresco, trasferire in un pentolino e scaldare per meno di 1 minuto regolando di sale, spegnere e conservare al caldo.
  5. Sgusciare i pistacchi togliendo se possibile anche la pellicina interna, frullarli fino a ridurli in polvere, sbucciare le patate ancora calde e passarle allo schiacciapatate raccogliendo la purea su una spianatoia, aggiungere i pistacchi, un pizzico di sale e la farina, impastare velocemente gli ingredienti senza lavorarli a lungo.
  6. Dividere la pasta in piccoli pezzi, arrotolarli con le mani formando dei rotoli simili a salsicce, tagliarli in cubetti lunghi 1 cm circa, infarinarli e stenderli su un vassoio a riposare.
  7. Gettarli in abbondante acqua bollente salata e lessarli fino a che non ritornano a galla, scolarli con una schiumarola adagiandoli nei piatti già ricoperti con la salsina al timo, decorare con altri pistacchi, rametti di timo e la stessa salsa di formaggio.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2,5 g di lievito di birra,
  • 50 ml circa di acqua,
  • 60 g di farina 0,
  • 140 g di farina integrale,
  • 1 cucchiaio di semi di chia,
  • 2 cucchiai rasi di semi di canapa,
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo,
  • 2 piccole carote,
  • 150 g di cimette di cavolfiore pulite,
  • 150 g di barbabietola cotta,
  • 12 semi di anice,
  • zenzero in polvere,
  • pepe,
  • semi di chia, noci sgusciate e semi di canapa per decorare,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mescolare il lievito nell'acqua tiepida fino a scioglierlo completamente, aggiungere la farina 0 e una volta formata una pastella coprirla e lasciarla riposare per 1 ora fino a quando non triplica circa del volume iniziale.
  2. Mescolare la farina integrale con un pizzico di sale, i semi di chia e quelli di canapa, disporla a fontana, nel mezzo mettere la pastella riposata, unire poco olio e il malto, mescolare fino a ottenere un impasto uniforme e morbido unendo se serve altra acqua, inciderlo con una croce e metterlo in un largo e alto contenitore con coperchio, lasciarlo lievitare per 2 ore circa.
  3. Nel frattempo pulire le carote e tagliarle in piccoli pezzi, lessarle in acqua bollente per 10 minuti abbondanti fino a renderle tenere, scolarle con una schiumarola e nella stessa acqua lessare le cimette di cavolfiore per altri 10 minuti.
  4. Scolare anche il cavolfiore conservando l'acqua di cottura, frullare le carote con i semi di anice macinati fini, un pizzico di sale e 1 cucchiaio di olio, frullare il cavolfiore con un pizzico di zenzero in polvere, poco sale e 1 cucchiaio di olio, frullare la barbabietola sbucciata con 1 cucchiaio di olio, poco sale e una macinata di pepe.
  5. Dividere l'impasto in 12 piccole palline di eguale peso e lasciarle lievitare per altri 30 minuti circa, quindi cuocerle a vapore a calore alto per 20 minuti circa.
  6. Raffreddarle e accompagnarle con la crema di cavolfiore decorata con dei semi di chia, quella di carote con delle noci tritate e quella di barbabietole con dei semi di canapa oliando a piacere.

Ingredienti per 8 persone:

  • 125 g di yogurt intero,
  • 80 g di zucchero,
  • 4 cucchiai di olio di girasole,
  • 1 cucchiaio abbondante di buccia di arancia grattugiata,
  • 1 uovo,
  • 60-70 ml di latte,
  • 1 bustina di lievito per dolci,
  • 200 g di farina tipo 2 o semintegrale,
  • 3 mele gialle,
  • 60 g di gocce di cioccolato,
  • 30 g di pinoli,
  • zucchero a velo

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 g di farina 0,
  • 40 g di farina di grano saraceno,
  • 40 g di farina di riso,
  • 2 uova,
  • 500 g di rosolaccio dei campi o altra erba selvatica a scelta,
  • 2 spicchi d’aglio,
  • 20 semi di anice,
  • 3-4 rametti di timo fresco,
  • 60 g di mandorle sgusciate,
  • 1 cucchiaino di buccia di limone grattugiata,
  • 150 g di ricotta soda e asciutta,
  • 1 mazzetto di erba cipollina,
  • paprica rossa,
  • bevanda vegetale all’avena,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Impastare le tre farine disposta a fontana su una spianatoia con le uova, un pizzico di sale e la poca bevanda vegetale sufficiente a formare un composto omogeneo da lasciare riposare per un'ora circa ben coperto da un panno umido.
  2. Mondare con molta cura il rosolaccio eliminando radici, terra e foglie appassite, metterlo in una pentola con poca acqua e lessarlo per almeno 5 minuti.
  3. Quando appassito e pronto scolarlo e lasciarlo intiepidire, quindi strizzarlo in dall’acqua in eccesso e tritarlo grossolanamente.
  4. Sbucciare l’aglio e tritarlo finemente insieme ai semi di anice e al timo sfogliato, metterlo in una padella insieme a 2 cucchiai di olio, rosolarlo velocemente, aggiungere il rosolaccio e lasciarlo insaporire alcuni minuti.
  5. Tostare le mandorle in un pentolino per 5 minuti circa a calore basso mescolandole spesso, raffreddarle e tritarle, raffreddare il rosolaccio e mescolarlo con la ricotta, la metà delle mandorle e la buccia di limone.
  6. Stendere la pasta fresca in sfoglie sottili, porre su ogni sfoglia a distanza regolare un cucchiaino di ripieno, ricoprire con un'altra sfoglia e aiutandosi con un tagliapasta formare dei ravioli quadrati eliminando con cura l'aria interna.
  7. Lessare i ravioli per 3-4 minuti circa in abbondante acqua bollente salata, nel frattempo lavare l’erba cipollina, tagliuzzarla finemente con la forbice, mescolarla con 3 cucchiai abbondanti di olio scaldandolo molto leggermente.
  8. Scolare i ravioli con una schiumarola disponendoli direttamente nei piatti e condirli con l’olio all’erba cipollina e le mandorle rimaste decorando con un pizzico di paprica.

Creare dolci biscotti proteici è diventato molto più facile da quando l’industria alimentare ha messo a disposizione di tutti con facilità le eccellenti farine di legumi.

Portano con se tutti i pregi dei legumi rimanendo però molto più pratiche e dando lo spunto per la creazione di numerose ricette dove è possibile aumentare utilmente la quota proteica e diminuire fra tutti l’invadente carico glicemico che spesso deriva dall’utilizzo delle classiche farine di cereali.

Non solo questo perché i vantaggi sono molti altri, qui ne vediamo un ottimo esempio tramite l’utilizzo della farina di piselli per preparare gustosi biscotti proteici impreziositi come tocco finale dal cioccolato fondente, assolutamente da provare!!!

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 1 limone,
  • 1 uovo,
  • 50 g di zucchero di canna,
  • 5 g di lievito per dolci,
  • 40 g di farina di piselli,
  • 60 g di farina 0,
  • 50 g di farina di riso,
  • 50-60 g di cioccolato fondente,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare il limone e grattugiare la buccia mescolandola subito con 4 cucchiai di olio d'oliva.
  2. In una ciotola sbattere a lungo l’uovo con lo zucchero di canna, aggiungere l'olio profumato al limone e continuare a sbattere in modo da ottenere una base cremosa soffice.
  3. Unire un pizzico di sale, il lievito per dolci setacciato, la farina di piselli, la farina bianca e la farina di riso, continuare a mescolare con un cucchiaio di legno e successivamente con le mani fino a ottenere una massa compatta.
  4. Dividerla in pezzi uguali grandi come una piccola noce, arrotondarli e schiacciarli leggermente, mettere i biscotti in una teglia rivestita con carta da forno teglia e cuocerli a 170 gradi per 10 minuti circa.
  5. Raffreddarli e accompagnarli con il cioccolato fondente in scaglie o sciolto a bagnomaria e colato sopra.