Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Oct 24, 2021 Last Updated 8:42 AM, Oct 24, 2021

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 grandi code di gambero sgusciate,
  • 200 ml di buon vino bianco aromatico,
  • 4 scalogni,
  • 4 filetti di orata da 125 g ciascuno circa,
  • 25 g di pinoli,
  • 1 mazzetto di maggiorana fresca,
  • carta da forno,
  • olio D.O.P. Riviera di Levante,
  • sale.

Le rosse ciliegie uno dei pochi frutti che ancora resiste alla stagionalità pura e che quindi ritroviamo solo per due mesi all’anno ci offre la possibilità di creare ottimi dessert in piena linea con il concetto di cucina del benessere.

In questo caso sono valorizzate al massimo dalla profumata menta che aromatizza il bianco yogurt in una crema delicata addolcita dallo zucchero di cocco uno dei dolcificanti migliori che possiamo scegliere dal punto di vista nutrizionale.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di ciliegie,
  • ½ limone,
  • 1 mazzetto di menta fresca,
  • 250 grammi di yogurt magro,
  • 60 g di pistacchi non salati,
  • 2-3 cucchiaini di zucchero di cocco,
  • vaniglia nera in polvere

Preparazione

  1. Lavare le ciliegie, dividerle a metà, togliere il nocciolo e metterle in una ciotola, spremere il limone e mescolarlo con un pizzico di vaniglia nera in polvere, versare sulle ciliegie e mescolare.
  2. Lavare con cura le foglie di menta, asciugarle e tritarle velocemente mescolandole subito con lo yogurt, sgusciare i pistacchi e tritarli grossolanamente.
  3. Distribuire le ciliegie con il loro liquido in 4 coppette, mettere sopra lo yogurt profumato alla menta e cospargere con lo zucchero di cocco.
  4. Completare con i pistacchi tritati e decorare con altre foglie di menta.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 zucchine medio piccole,
  • 250 g di fagiolini verdi,
  • 2 patate piccole,
  • 2 carote medie,
  • 4 pomodori maturi grandi,
  • 1 cucchiaino scarso di buccia di limone grattugiata,
  • 250 g di lupini in salamoia,
  • 20 semi circa di anice verde,
  • 90 g di olive nere,
  • buon origano,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare le zucchine e i fagiolini, pelare e lavare le patate, pulire le carote, tagliare tutte queste verdure in cubetti e stenderle in un cestello per la cottura a vapore.
  2. Cuocerle per circa 10-15 minuti fino a renderle tenere ma non sfatte, quindi trasferirle in un vassoio e condirle subito con un pizzico di origano, poco sale e 1 cucchiaio abbondante di olio.
  3. Pulire i pomodori separando al parte interna con i semi (conservatela per preparare una salsa di pomodoro perché è ottima e un peccato sprecarla), tagliare la sola polpa a cubettini e condirla con poco sale, la buccia di limone grattugiata e 1 cucchiaio di olio.
  4. Sciacquare e eliminare la pellicina dai lupini, disporli in una ciotola e condirli con poco olio in cui si sarà lasciata disperdere la polvere dei semi di anice tritati o pestati finemente.
  5. Riunire insieme le verdure cotte a vapore con i pomodori, i lupini e le olive nere, aggiungere un altro pizzico di origano, regolare di sale e versare a piacere un altro poco d’olio.

Un ottima combinazione da primo piatto in cui uno dei cereali in chicchi più prestigioso, il colorato riso rosso, incontra i preziosi ceci e l'unione tra cereali e legumi porta a una sinergia proteica molto salutare, il tutto completato con l'ottimo dressing realizzato con gli ottimi carciofi e il cui uso può andare ben oltre questa ricetta!

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di riso rosso,
  • 4 foglie di alloro fresco,
  • 2 carciofi,
  • 10-15 semi circa di anice verde,
  • ½ limone,
  • 200 g di ceci lessati,
  • ½ cucchiaino di maggiorana secca,
  • 2 cucchiai di semi di sesamo bianco,
  • 1 cucchiaio di erba cipollina tritata,
  • brodo vegetale,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mettere il riso rosso in una pentola con 700 ml di acqua e le foglie di alloro fresco, coprire e lasciare cuocere per 30 minuti abbondanti a fuoco medio basso fino a far assorbire dal cereale il liquido di cottura.
  2. Pulire i carciofi tenendo solo il cuore tenero, affettarli sottilmente e disporli in una piccola padella con 2-3 cucchiai di olio e i semi di anice pestati o tritati finemente.
  3. Aggiungere un pizzico di sale, coprire e rosolare a calore basso per 10 minuti circa.
  4. Intiepidire e frullare con il brodo vegetale o semplice acqua sufficiente a ottenere una fluida salsina da correggere di sale e completare con poche gocce di succo di limone.
  5. Stendere il riso cotto a intiepidire in un vassoio eliminando le foglie di alloro, quindi mescolarlo con i ceci e la maggiorana distribuendolo in 4 fondine.
  6. Completare con i semi di sesamo lievemente tostati, l’erba cipollina tritata e il dressing ai carciofi.

L’idea di base per questa personale interpretazione del classico pesto ligure era quello di innalzare di un po’ la quota proteica del condimento senza aumentare la quantità di formaggio, ma con l'utilizzo di un legume che più di altri è sembrato intonato alla preparazione a cominciare dal colore.

L’elaborazione ha convinto molto ed è risultata a nostra avviso molto buona, i sapori sono più delicati, la consistenza particolarmente cremosa e avvolgente, il colore acquisisce tonalità di verde chiaro molto accese e invitanti, il profumo è quello tipico del pesto tradizionale.

Le noti dolci portate dai piselli sono state equilibrate dall’uso di un parmigiano a più lunga stagionatura e si sono integrate alla perfezione con aglio, pinoli e soprattutto l’ottimo basilico DOP Genovese Storico.

Ingredienti per circa 4-6 persone in base all’uso finale:

  • 80-90 g di piselli freschi sgusciati,
  • 1 mazzo di basilico DOP Genovese Storico,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 cucchiaio abbondante di pinoli,
  • 1 cucchiaio di pecorino fiore sardo,
  • 2 cucchiai di parmigiano a lunga stagionatura,
  • olio ligure o dal fruttato leggero,
  • sale

Preparazione

  1. Per prima cosa lessare i piselli in acqua bollente fino a renderli molto teneri, in base alla tipologia il tempio medio di cottura è di circa 10-15 minuti, una volta pronti travasarli in acqua ghiacciata e raffreddarli, quindi asciugarli il più possibile e passarli al setaccio in modo da raccogliere la sola polpa interna e scartare le bucce.
  2. Mondare le foglie di basilico conservando eventualmente solo i rametti più teneri, immergerle in acqua fredda lasciando depositare sul fondo la terra smuovendole con delicatezza, adagiarne poche per volta in una centrifuga e asciugarle cercando di non rovinarle troppo.
  3. Mettere in un mortaio l’aglio insieme ai pinoli e iniziare a lavorare con il pestello, ottenuta una pasta di base grezza unire prima una parte del formaggio insieme a poco sale e successivamente le foglie di basilico (anche in più riprese) iniziando a pestarle con un dolce movimento rotatorio del pestello sulle pareti riportandosi ogni tanto al centro.
  4. Quando la pasta di base grezza assume un bel colore verde e il basilico ha rilasciato le sue essenze aggiungere il restante formaggio e la polpa dei piselli, una volta amalgamati questi ingredienti versare a filo l'olio extravergine d'oliva preferibilmente ligure o comunque dal fruttato leggero nella quantità
  5. sufficiente a ottenere una sorta di pesto molto cremoso e di colore verde chiaro brillante.
  6. Se non utilizzata subito riporre la crema condente in un vasetto sterilizzato coperto con un filo d’olio e conservarlo in frigorifero per al massimo 5-6 giorni.