Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Sep 20, 2018 Last Updated 8:23 PM, Sep 19, 2018

L’importanza di una dieta varia per la salute del corpo e del cervello

Pubblicato in Alimentazione
Letto 2473 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Per mantenersi in buona salute, efficienza e prontezza il cervello ha bisogno del più ampio spettro di nutrienti perché già da molto tempo si sa che anche la mancanza di un piccolo elemento può determinare delle problematiche.

Naturalmente il discorso coinvolge tutto l'organismo, ma essendo il cervello il regista di moltissime funzioni organiche è abbastanza chiaro che una sua non perfetta efficienza determina conseguenze complessive gravi generando patologie che in apparenza non sono collegate.
Per questo motivo rimane saldo il cardine di variare il più possibile la dieta essendo l'unico metodo certo per introdurre e donare al cervello lo spettro più ampio di nutrienti.
Anche quelli oggi condannati a priori come "veleni" senza sapere praticamente spesso nulla di alimentazione e nutrizione, estrapolando solo frasi e parole da discorsi di esperti che moltissime volte volevano dire e dimostrare tutt'altro.

È il caso ad esempio dello zucchero "il più grande veleno della storia" come tristemente si sente leggere e raccontare distorcendo la realtà oggettiva.
Sicuramente è vero che nella dieta quotidiana zucchero bianco, farine raffinate e diverse altre cose simili sono da circoscrivere e limitare usandole solo in minima parte perché un eccesso produce moltissimi danni all'organismo.
Questo è un dato, altro dato è sapere che tutto serve all'organismo, in questo caso specifico al cervello, e affermare che un alimento è veleno è un distorsione propagandistica che crea solo grande confusione.

Antipasto ricco con cotto di fagiolini e zucchine e crudo di pomodori e cetrioli 700x500 CSIl cervello ad esempio pur pesando solo il 2% del corpo ha un'esigenza di consumo di glucosio del 20% rispetto a tutto quello ingerito dall'organismo.
Glucosio tratto in larga parte in modo sano da frutta, verdura, legumi e cereali, ma se serve anche da elementi "meno nobili" che comunque una loro piccolissima utilità hanno sempre.
In ogni caso variare la dieta, cambiare spesso tipo di alimenti consumati e preparati, utilizzare il più possibile ingredienti del regno vegetale è la strategia più consigliata per mantenere sana e sveglia la mente.
E renderla sufficientemente lucida da saper distinguere con cognizione di causa anche non essendo esperti del settore le esagerazioni esasperate dai reali consigli utili alla salute.

Grazie a uno studio recente pubblicato su Geriatrics and Gerontology International ad opera di alcuni ricercatori giapponesi si è appurato che chi consuma cibi, ricette, preparazioni o semplici alimenti cercando di essere il più possibile vario e lontano dalla monotonia riceve in cambio un rischio del 44 per cento inferiore, tantissimo, di andare incontro al declino cognitivo dell'età.
Quindi variare la dieta non è solo un presupposto, forse il primo presupposto in assoluto, per mantenersi in salute in generale e prevenire il più possibile le patologie legate al cibo, serve in concreto anche per mantenere sano il cervello evitandone l'invecchiamento precoce.
I ricercatori analizzando quali erano le mancanze di nutrienti probabili responsabili dell'aumento del rischio di demenza negli anziani (tendenzialmente vitamine C ed E, beta-carotene, acidi grassi omega 3) hanno voluto confrontare questo deficit con la tendenza e consumare sempre pochi e unici cibi.
Trovando relazioni molto strette in questo senso a conferma di come l'alimentazione ha un ruolo strategico e importantissimo sempre, da quando si nasce e bisogna costruire le basi per un futuro in salute a quando si sono superati parecchi decenni e bisogna limitare i danni dell'invecchiamento.

E per variare la dieta non serve ricorrere a ricette complesse e articolate, spesso è sufficiente rimanendo nella semplicità compositiva saper combinare in maniera accattivante colori, consistenze e profumi come nell'esempio di questa gradevolissima ricetta!!!

Fonte: Corriere della Sera – Nutrizionista Carla Favaro.

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Ottobre 01, 2016

Le guide di Natura e Salute La riscossa dei cerea...

La cucina a basso indice glicemico

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Cosa significa seguir...

Pesce e Verdure

Agosto 01, 2006

Un'unione gustosa e salutare Descrizione: 28 pes...

Le ricette del mese

Crocchette con farina di lupini e zucchi…

17-09-2018 Antipasti

Ingredienti per 4 persone: 500 g di patate, 40...

Sorgo con crema di peperoni gialli e ver…

14-09-2018 Primi

Ingredienti per 4 persone 3-4 scalogni, 2 gran...

Peperonata rossa con cubetti di frittata…

13-09-2018 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 2 cipolle rosse, 3 ...

Invito alla Lettura

Antiossidanti nel piatto

26-05-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Ci possono essere tan...

Mangiare vegetariano

27-11-2011 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Ci possono essere mol...

banner