Ti trovi qui:Home»Salute in Cucina»Diabete»Diabete, le nuove linee guida su alimentazione e stili di vita

Diabete, le nuove linee guida su alimentazione e stili di vita

Venerdì, 18 Ottobre 2013 21:52 Scritto da 
Diabete, le nuove linee guida su alimentazione e stili di vita - 4.3 out of 5 based on 16 votes

Evidenziati alcuni punti fermi essenziali su qualità del cibo consumato, quantità e abitudini di vita. 

Si è respirata una certa aria di novità sul diabete al recente congresso dell'Easd, l'associazione europea per lo studio del diabete, tenuto a Barcellona che ha focalizzato la sua attenzione sull'influenza che alimentazione e comportamenti individuali hanno su sviluppo, nascita o decrescita della patologia.
Prima cosa mangiare meno, meglio e scegliere con precisa cognizione di causa quali alimenti privilegiare e quali no sapendo che alcuni in particolare possono giocare un ruolo strategico e profondo, in particolare se associati a stili di vita adeguati.

Anche perché il diabete si sta delineando sempre di più come una vera e propria epidemia: attualmente sono 371 milioni i malati nel mondo e la prospettiva concreta è quella di vedere salire questo numero in poco più di quindici anni a 552 milioni.

In Italia questa patologia interessa 3 milioni e settecento mila italiani, per la stragrande maggioranza affetti da diabete di tipo 2 notoriamente collegato con un alimentazione squilibrata sommata a errori comportamentali quotidiani protratti nel tempo.
Il presidente della Società Italiana di Diabetologia e vicepresidente dell'Easd, Stefano Del Prato, mette in evidenza come oltre a una certa predisposizione famigliare un notevole peso sulla malattia lo ha la mancanza di attività fisica e il sovrappeso.

Ma veniamo alle novità o per meglio dire conferme arrivate dal congresso.

Molte di queste derivano dall'esperienza fatta da Interact, lo studio osservazionale prospettico che ha coinvolto circa 24 mila persone in otto paesi europei tentando di dettare linee guida su quella che dovrebbe essere l'alimentazione più corretta da seguire.

  • Limitare il consumo di calorie e preferire alimenti a basso potere energetico senza però demonizzare alcun alimento specifico, vale più la regola che più che escludere totalmente è meglio consumare con molta moderazione.
  • Ricordare che la dieta di riferimento rispetto alla prevenzione del diabete rimane quella mediterranea.
  • Impegnarsi a consumare frutta e verdura in abbondanza (almeno 5 e possibilmente 7 porzioni al giorno) preferendo nel caso specifico vegetali a foglia verde (spinaci, cardi, indivia, cavoli, ecc.) e ortaggi a radice ( carote, radicchio, barbabietole, etc.)".
  • Sforzarsi di porre un attenzione particolare alle varietà orticole locali e alla loro effettiva stagionalità.
  • Aumentare nel complesso l'apporto di fibra tramite cibi integrali, vegetali e legumi in modo da aumentare il senso di sazietà, rallentare la digestione e l'assorbimento degli zuccheri, ridurre i picchi di glicemia dopo i pasti.
  • Guardare a frutta e verdura come a preziose riserve di vitamine, sali minerali e sostanze anti-ossidanti, elementi determinanti per ridurre l'infiammazione e migliorare la sensibilità all'insulina.
  • Ricorrere ai carboidrati che non provocano grandi escursioni glicemiche come l'accoppiata legumi e pasta limitando quelli ad elevato indice glicemico come pane bianco e pizza.
  • Limitare al minimo il consumo di carne soprattutto quella rossa e gli insaccati, questi ultimi in particolare favoriscono non solo l'insorgenza di diabete ma anche di ipertensione e ipercolesterolemia.
  • Preferire dal punto di vista proteico il pesce che pur non avendo un effetto protettivo diretto nei confronti del diabete apporta elementi molto utili alla salute in generale come gli acidi grassi omega-3.
  • Consumare tra i latticini preferibilmente derivati fermentati come lo yogurt poiché si sono rivelati utili alla prevenzione del diabete e aiutano a ripopolare l'intestino di benefici batteri lattici efficaci per la riduzione delle sostanze tossiche presenti con il riflesso di una migliore sensibilità all'insulina.
  • Circoscrivere il consumo di uova a 1-2 volte a settimana.
  • Escludere il più possibile bibite e soft drink responsabili certi di un aumento del rischio di sviluppare il diabete.
  • Bere tè e caffè coscientemente e senza esagerare sapendo che il consumo moderato di caffè e tè ha secondo diversi studi un discreto effetto protettivo rispetto all'insorgenza del diabete di tipo 2.

A corollario di questo elenco piace ricordare due elementi fondamentali da tenere ancora prima in considerazione: la necessità assoluta di eseguire una regolare attività fisica e la considerazione che una buona alimentazione non contempla nelle sue indicazioni alimenti buoni e alimenti cattivi, ma li inserisce con saggezza in un quadro complessivo relativo alle condizioni del soggetto e i suoi stili di vita.

Vota questo articolo
(16 Voti)
Google Plusfacebooktwitterflickrfeedcontattinewsletter

Il libro consigliato

A tavola con il Diabete

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Dietologa, dietista e chef si alleano per migliorare il cibo quotidiano dei diabetici Accanto ai consigli di comportamento generale, cento ricette e le idee per abbinarle in gustosi menu. In Italia colpisce quasi 3.000.000 di persone.È il diabete, una mala

media partner

partner-tecnichenuove partner-cucinanaturale partner-aiab partner-corriere-della-sera partner-olioofficina partner-olioofficinaff partner-legambiente partner-festambiente partner-cambiamenu partner-mandacaru

Facebook