Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Feb 18, 2019 Last Updated 10:23 AM, Feb 16, 2019

Un ipotetica riconsiderazione sul ruolo del sale rispetto all'ipertensione

Pubblicato in Ipertensione
Letto 3280 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto

Come gli zuccheri possono diventare ben più pericolosi rispetto all'indiziato numero uno, il sale.

Una nuova ricerca sembra ricalcare in parte le tesi della precedente notizia che abbiamo posto in risalto in questa sezione mettendo in discussione le responsabilità dell'assunzione di sale rispetto alle dinamiche che ruotano intorno alla pressione sanguigna.
Se nell'analisi uscita sull'American Journal of Hypertension si evidenziava come i fattori più critici rispetto all'ipertensione fossero il sovrappeso e la cattiva alimentazione, la ricerca pubblicata sull'American Journal of Cardiology mette sotto accusa direttamente gli zuccheri consumati quotidianamente.

Intendendo come zuccheri tutte le sostanze dirette come i dolcificanti classici e quelle (molto più pericolose) assimilate che passano dalle bevande gassose alla moda, ai succhi di frutta, ai cibi industriali, ai dolci e a molto altro.

Mentre è bene ricordare a grandi caratteri che gli zuccheri offerti dalla natura tramite frutta, verdura, cereali e legumi hanno tutt'altra influenza sull'organismo e sono, invece, assolutamente indispensabili e da incentivare nel consumo.

La tesi sostenuta in questa ricerca condotta negli Stati Uniti presso il Saint Luke's Mid America Heart Institute di Kansas City è che lo zucchero, inteso come genere alimentare più che come alimento diretto, potrebbe essere il responsabile di un eccessivo stimolo dell'ipotalamo con un conseguente aumento del battito cardiaco e della pressione.

Leggendo il report della ricerca dal titolo "An Unsavory Truth: Sugar, More than Salt, Predisposes to Hypertension and Chronic Disease" si conclude come il consumo elevato e generalizzato di zuccheri dovuto a un alimentazione disordinata, improvvisata e poco curata porta non solo a pericolosi picchi glicemici, ma anche a elevati livelli di ipertensione.
E questo si sostiene nello studio con un effetto più marcato rispetto all'influenza diretta di un eccesso di sale.

Anzi la tendenza a premunirsi consumando più cibi confezionati e industriali a basso contenuto di sodio potrebbe indurre l'organismo a stimolarne ancora di più il consumo aumentando pericolosamente le quantità di calorie, grassi e zuccheri ben poco salutari.
In ultima analisi questa ultima ricerca sembra indicare che la priorità in caso di ipertensione andrebbe data prima alla riduzione degli zuccheri complessivi preoccupandosi solo in un secondo momento dell'apporto di sale.

Una tesi particolare che aspetta altre conferma e che nel complesso non convince completamente, i danni del sale sono tangibili e ben documentati.
Dal nostro punto di vista ribadisce piuttosto l'estrema importanza di seguire un alimentazione quotidiana curata e attenta che privilegi in primo luogo tutta la categoria degli alimenti vegetali, possibilmente biologici, il più frequentemente a crudo e quando cucinati seguendo metodi rispettosi della composizione nutrizionale e preventiva del cibo.

Come gli zuccheri possono diventare ben più pericolosi rispetto all'indiziato numero uno, il sale.

Una nuova ricerca sembra ricalcare in parte le tesi della precedente notizia che abbiamo messo in risalto in questa sezione mettendo in discussione le responsabilità dell'assunzione di sale rispetto alle dinamiche che ruotano intorno alla pressione sanguigna.

Se nell'analisi uscita sull’American Journal of Hypertension si evidenziava come i fattori più critici rispetto all'ipertensione fossero il sovrappeso e la cattiva alimentazione, la ricerca pubblicata sull'American Journal of Cardiology mette sotto accusa direttamente gli zuccheri consumati quotidianamente.

Intendendo come zuccheri tutte le sostanze dirette come i dolcificanti classici e quelle (molto più pericolose) assimilate che passano dalle bevande gassose alla moda, ai succhi di frutta, ai cibi industriali, ai dolci e a molto altro.

Mentre è bene ricordare a grandi caratteri che gli zuccheri offerti dalla natura tramite frutta, verdura, cereali e legumi hanno tutt'altra influenza sull'organismo e sono, invece, assolutamente indispensabili e da incentivare nel consumo.

La tesi sostenuta in questa ricerca condotta negli Stati Uniti presso il Saint Luke's Mid America Heart Institute di Kansas City è che lo zucchero, inteso come genere alimentare più che come alimento diretto, potrebbe essere il responsabile di un eccessivo stimolo dell'ipotalamo con un conseguente aumento del battito cardiaco e della pressione.

Leggendo il report della ricerca dal titolo "An Unsavory Truth: Sugar, More than Salt, Predisposes to Hypertension and Chronic Disease" si conclude come il consumo elevato e generalizzato di zuccheri docuto a un alimentazione disordinata, improvvisata e poco curata porta non solo a pericolosi picchi glicemici, ma anche a elevati livelli di ipertensione.

E questo si sostiene nello studio con un effetto più marcato rispetto all'influenza diretta di un eccesso di sale.

Anzi la tendenza a premunirsi consumando più cibi confezionati e industriali a basso contenuto di sodio potrebbe indurre l'organismo a stimolarne ancora di più il consumo aumentando pericolosamente le quantità di calorie, grassi e zuccheri ben poco salutari.

In ultima analisi questa ultima ricerca sembra indicare che la priorità in caso di ipertensione andrebbe data prima alla riduzione degli zuccheri complessivi preoccupandosi solo in un secondo momento dell'apporto di sale.

Una tesi particolare che aspetta altre conferma e che nel complesso non convince completamente, i danni del sale sono tangibili e ben documentati.

Dal nostro punto di vista ribadisce piuttosto l'estrema importanza di seguire un alimentazione quotidiana curata e attenta che privilegi in primo luogo tutta la categoria degli alimenti vegetali, possibilmente biologici, il più frequentemente a crudo e quando cucinati seguendo metodi rispettosi della composizione nutrizionale e preventiva del cibo.

Altro in questa categoria: Proteine e ipertensione »

Verifica e controllo dei valori della pressione arteriosa

 ipertensione cat

 

Il controllo periodico dei valori della pressione arteriosa è la premessa fondamentale per avere consapevolezza e verifica di uno dei parametri base del proprio stato di salute. Come sottolineto nella pagine del libro: "La diagnosi di ipertensione arteriosa viene stabilita dal medico dopo aver rilevato i valori della pressione. Il medico tiene conto esclusivamente dei valori che rimangono elevati dopo una fase di riposo e dopo ripetute misurazioni.

 

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di cancro del colon-retto nei giovani Americani

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina a crudo

L’evoluzione del percorso per una cuci…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Cucina mediterranea senza Glutine

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Friggere bene

Friggere bene

Maggio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il frit...

Le ricette del mese

Polpette di cavolo verza con indivia belga e salsa di pomodoro

Polpette di cavolo verza con indivia bel…

16-02-2019 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 5-600 g circa di cav...

Clementine in insalata con radicchio rosso, broccoletti, mandorle e emulsione al pepe rosa

Clementine in insalata con radicchio ros…

13-02-2019 Insalate

Ingredienti per 4 persone: 500 g di broccoletti...

Crema densa di lenticchie rosse con tisana di finocchietto e cavolo nero

Crema densa di lenticchie rosse con tisa…

11-02-2019 Minestre e Zuppe

Ingredienti per 4 persone 2 cucchiai di semi di...

banner