Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aug 15, 2020 Last Updated 9:14 PM, Aug 12, 2020

Pizza zucca porcini fetta 1 500x340La Pizza sta subendo un'evoluzione, non più riferibile solo alle classiche Margherita o Quattro stagioni, poiché ogni pizzaiolo è sempre alla costante ricerca di gusti nuovi e di nuove esperienze professionali.

Dopo la mia partecipazione al campionato mondiale della pizza a Salsomaggiore ed al Simposio all'università della pizza a Padova, è nata in me l'idea di stabilire precise regole che portino al rispetto della stagionalità dei prodotti che la natura offre, sempre al fine di procedere ad un progressivo innalzamento della qualità della Pizza.

Il primo passo è stato quello di cominciare ad usare farine macinate a pietra, con tutte le sue componenti, utilizzando ingredienti di stagione e sfruttando le varietà ortofrutticole presenti nel nostro territorio.

L'accostamento di erbe aromatiche, condimento con olio extra vergine di oliva, non solo in cottura, ma anche a crudo, hanno fatto il resto, come nota finale.

Sulla base dell'esperienza maturata e facendo leva sulla mia passione ho creato nuove farce o creme, senza mai ricorrere all'uso di prodotti industriali.

In questo modo è sorta l'idea della pizza che vi proporrò in questa occasione: approfittando sempre di madre natura ho raccolto nel mio orto una zucca e con l'ausilio di un piccolo robot da cucina ho creato una crema semplice nella preparazione ma che si presta a tutte le varie sfaccettature del nostro gusto.

La combinazione con altri profumi, tipo la salvia e il rosmarino, che in questo periodo hanno ripreso vigore dopo le sofferenze estive, contribuirà ancor più a valorizzare questo piccolo tesoro passando poi attraverso i funghi porcini che trifoleremo con del burro (anche se sarebbe interessante usare un buon olio extravergine d'oliva profumata, cosa che vedremo di sperimentare presto!).

Nella ricetta dell'impasto che vi darò questa volta cominceremo un nuovo cammino usando una sorta di lievito madre (la biga), molto più semplice nella preparazione, che non necessita di mantenimenti lunghi e dispendiosi ma che allo stesso tempo garantirà un buon profumo della pasta nonché una ottima digeribilità.

1° Passo/la biga:
farina integrale 200 g - acqua 90 g - lievito compresso 3 g
Impastare gli ingredienti con acqua fino ad ottenere un impasto grezzo, lasciarlo riposare in un contenitore chiuso ermeticamente per 16-18 ore ad una temperatura di 18-20 gradi.

2° Passo/l'impasto finale:
farina integrale macinata a pietra 700 g - acqua 490 g - sale 20 g - olio di oliva 30 g
Dopo aver preparato la biga e aver lasciato trascorrere le 18 ore, prepariamo in una spianatoia (o per chi ce l'ha nell'impastatrice) la farina integrale e aggiungiamo nell'ordine l'acqua a temperatura ambiente e la biga, che nel frattempo avrà triplicato il suo volume; dopo aver lavorato la pasta, mettiamo il sale e l'olio evo e lasciamo riposare per 30 minuti: l'impasto dovrà risultare liscio, omogeneo e con una buona elasticità. Formare, poi, la pezzatura dell'impasto a secondo del tipo di pizza che vogliamo realizzare e, dopo aver fatto riposare per 4-6 ore a temperatura ambiente (24-26 gradi), stendere e condire a proprio gusto.

biagioCome già segnalato per la farcitura utilizzeremo una zucca: dopo averla pelata, metterla in forno per almeno 30 minuti, oppure in un robot da cucina che cuoce anche per 25 minuti, con l'aggiunta di olio evo; successivamente frullare il tutto per creare un'ottima crema che utilizzeremo per infarcire.
A parte trifolare dei funghi porcini con una noce di burro (o olio) e metterli sopra la pizza condita già con la crema di zucca, aggiungere, poi, un po di mozzarella fior di latte.
Inserire tutto in un forno caldissimo e all'uscita condire la pizza con della salvia e del rosmarino (anche questi freschi).

Buon appetito!!!

 

 

Pizza con fave e asparagi Biagio 500x340 CSContinua il nostro cammino alla ricerca del mangiar bene e sano attraverso la pizza:
i mesi di maggio e giugno a noi Pizzaioli stimola molto la fantasia con il ritorno di quei prodotti che la terra ci dona molto ricchi di sostanze nutritive e (cosa che a noi non guasta) di colori e profumi che rinnovano i nostri menù.

E' vero che siamo quasi agli sgoccioli come produzione ma le Fave di questo periodo sono ancora buone per le farciture delle nostre Pizze.

Dopo averle mangiate crude nei primi periodi quando erano più tenere dalle nostri parti insieme ad un buon pane e della ventricina (carne magra e grassa di maiale macinata e insaporita con aglio, peperoncino fresco, rosmarino, finocchietto e buccia di arancia) adesso ben si prestano alla preparazione di risotti e primi piatti.

Ovviamente non potevo non usare le fave per la preparazione delle farciture delle mie Pizze e quindi ho preparato un piccolo soffritto con una cipolla rossa di tropea che non mi copre molto il sapore delle fave e le ho spadellate un po' fino a cottura ultimata.

Gli asparagi invece li sbollentiamo un po' prima e poi anch'essi vanno spadellati leggermente con un po' di olio e aglio rosso.

Ovviamente l'impasto che prepareremo e che spiegherò dovrà essere integrale al fine di esaltare ancor di più il nostro topping per la pizza.

Impasto "indiretto con biga":
Per la biga (preimpasto o lievitino):
Farina integrale macinata a pietra 100 grammi, acqua 45 grammi, lievito di birra compresso 2 grammi.

  1. Impastare gli ingredienti e riporre in un contenitore chiuso x 16-18 ore a temperatura ambiente; trascorse queste ore prepariamo una fontana con 500 grammi di farina integrale alla quale uniremo 350 grammi di acqua a temperatura ambiente , 3 grammi di lievito compresso ,15 grammi di sale e 20 grammi di buon olio di oliva.
  2. Porzioniamo le palline del peso desiderato (a secondo della grandezza della teglia o se la cuociamo sul mattone) e le facciamo lievitare per almeno 5-6 ore aspettando almeno il raddoppio della pasta.
    Trascorso questo periodo di riposo stendiamo l'impasto su di una spianatoia e lo mettiamo in una teglia unta con un po di olio e facciamo fare una piccola precottura in forno a 240 gradi.
  3. Tiriamo fuori la teglia e aggiungiamo le fave, gli asparagi e la mozzarella e la rimettiamo in forno fino a quando la riteniamo pronta, a cottura ultimata se vogliamo possiamo aggiungere del buon pecorino (dalle nostre parti quello di Farindola è il più appropriato) e buon appetito!

 

Foto Biagio nuova 500x340

 

 

 

In questo articolo in cui utilizziamo per la farcitura prodotti tipici dell'autunno come i fichi, ma che cambiando stagionalità possono essere sostituiti con altri tipi di alimenti, faremo un salto nel passato, sia come tipologia di farina che andremo a conoscere meglio e sia come farcitura della pizza che realizzeremo.

Iniziamo, come al solito, dalla farina che, in questo caso, è il controverso e discusso Kamut marchio inizialmente commerciale che ora individua una particolare qualità di farina riconducibile in realtà all'ottima e antica varietà di grano khorasan.

Fichi verdi aperti 500x340Le opinioni sull'opportunità di utilizzare il termine kamut sono molto discordanti, si sono fatte e si fanno molte speculazioni assecondando interessi vari, in una separata sede vedremo magari di portare una serie di dati oggettivi che possano dare dei chiarimenti corretti.

In ogni caso se confrontato con altri tipi di grani moderni, il Kamut ha un più elevato contenuto di proteine e sali minerali e una maggiore quantità di lipidi.

Per questi motivi esso è ritenuto molto energetico e adatto per i bambini e gli sportivi e considerato che spesso la sua produzione è di origine biologica risulta adatto a chi ha particolari sensibilità al frumento e al nichel, anche se non permesso ai celiaci visto l'alta percentuale di glutine.

Il chicco è stato classificato come "Triticum turgidum" (grano duro) e si presenta molto più grande di quello del grano tenero; risulta più dolce e dal sapore simile alle noci; la farina si presta bene per la preparazione dei dolci considerato il suo gusto delicato e per nulla amaro.

Dal punto di vista della mia professione è ottimo per la panificazione e produzione di pizze per l'alto contenuto di glutine, conferisce anche un bel colore giallo ai prodotti lavorati.

Alcuni ricordi mi portano indietro nel tempo agli autunni passati dai miei nonni, quando ero bambino, l'inizio della scuola, della vendemmia e le indimenticabili merende che preparava mia nonna.

Raccoglieva i fichi e li spalmava sul pane, fatto in casa, creando una specie di marmellata e, a volte, il tutto veniva arricchito con dell'ottimo prosciutto crudo nostrano.

Questi gustosi ricordi mi hanno indotto ad osare (oramai lo ripetiamo da tempo che la pizza non ha limiti) degli accostamenti arditi che creano profumi coinvolgenti e provocatorie fragranze sulla pizza che andremo a fare con l'ausilio della farina di kamut biologica.

Impasto per 6 persone:

  • 1 kg di farina di kamut,
  • 700-750 grammi di acqua,
  • 3-4 grammi lievito secco istantaneo>
  • 30 grammi di sale,
  • 30 grammi di olio evo
  • Fichi freschi
  • Prosciutto crudo
  • Stracciatella

Preparazione:

  1. Prepariamo una fontana con la farina (se non abbiamo un robot per l'impasto) e aggiungiamo il lievito mischiandolo alla farina, versiamo gradualmente l'acqua, perché il kamut assorbe i liquidi diversamente dalla farina classica, e quando il composto ancora non è liscio aggiungiamo il sale e l'olio.
  2. Quando diventa omogeneo lo copriamo con della pellicola e lo facciamo riposare per circa un'ora. Trascorso il tempo della puntata (così si chiama il periodo che l'impasto riposa), prepariamo i panetti, se facciamo la singola pizza, oppure delle palline più grandi in base alla grandezza della teglia. Facciamo lievitare i panetti per almeno 5-6 ore o al raddoppio dell'impasto stesso.
  3. Preparazione della pizza: stendiamo e farciamo il disco con la mozzarella e aggiungiamo i fichi opportunamente lavati e tagliati a rondelle, cuociamo la pizza e all'uscita aggiungiamo del prosciutto crudo stagionato e dei fiocchi di stracciatella.

Foto Biagio nuova 500x340

 

 

Fare il pane può sembrare una cosa semplice, ma non è così, richiede tempo, conoscenza delle farine migliori e delle tecniche di impasti, valutazione dei relativi tempi di maturazione e lievitazione.

Saper "leggere" un impasto, infatti, è il primo passo per poter preparare un buon pane a casa o riconoscere, quando andiamo dal panettiere, il tipo di prodotto che vogliamo mangiare.

Il lavoro del panettiere, così come quello del pizzaiolo, ora è cambiato molto... Ricordo che da bambino, a Cologna Paese dove sono nato, abitando vicino ad un forno sentivo i profumi del pane appena sfornato che si propagavano attraverso tutto il borgo.

Solo adesso capisco che il Panettiere, in quel caso, aveva captato il termine della lievitazione al momento giusto e aveva infornato il pane.

Successivamente prendeva il furgoncino e andava a fare le consegne a domicilio del pane appena sfornato, faceva il giro nelle campagne per consegnare i propri prodotti a chi, precedentemente, aveva consegnato il grano della propria terra.

Prima si faceva così, e ricordo ancora che per noi bambini ogni volta era una festa.

Expo 2015   grano   8686   500x340 CSIl grano: ecco, partiamo proprio da questo cereale che i contadini producevano nelle proprie campagne, mietevano in estate preparando i covoni per poi portarli nell'aia dove, con una trebbiatrice, si separavano i chicchi dalla paglia.

Mio nonno Antonio, uomo buono e saggio, come quasi tutti i nonni, con tanta pazienza curava ogni piccolo dettaglio di quella che era, a quei tempi, per noi bimbi una festa ma che per gli adulti era una forma di sostentamento per tutto l'anno e per questo si raccoglieva fino all'ultimo chicco per rispetto della natura.

Il grano poi veniva portato al mulino, macinato a pietra dove il chicco veniva trasformato in farina senza essere stressato molto e senza privarlo delle sue componenti migliori.

La crusca, parte esterna del chicco, ricca di sali minerali e fibre che a volte veniva riconsegnata a parte tanto era ed è il suo alto valore nutritivo; la mandorla o parte bianca con tutte le sue proteine e il germe, parte piccola e oleosa, ricca di vitamine e grassi.

Io solo adesso, con il lavoro che svolgo, capisco l'importanza dell'uso di farine "buone" sia per la pizza che per il pane, farine grezze all'aspetto visivo ma molto ricche di sostanze nutritive.

Pane lievito madre in forma plum cake 11   500x340 CSRitengo, infatti, che un buon pizzaiolo debba saper fare anche un buon pane (d'altronde la pizza da un pezzo di pane è nata) ed è per questo che in pizzeria mi diletto a preparare del pane e delle "spianate" cotte nel forno a legna.

Prepararsi il Pane a casa non è molto semplice e nemmeno tanto economico (visti i costi di luce e gas) ma con un buon metodo, con buone farine possibilmente integrali e una buona manualità possiamo creare un buon prodotto e prenderci delle belle soddisfazioni!

Ricetta pane classico
Per il poolish: (preimpasto da preparare 12 ore prima)

  • 600 gr di farina (anche integrale se piace)
  • 10 gr di lievito di birra o, se ne disponiamo, 100 gr. di pasta madre
  • 1 litro di acqua a temperatura ambiente
  • Impasto finale:
  • 900 gr. di farina
  • 20 gr. di lievito di birra o 200 gr. di pasta madre
  • 30 gr di sale marino
  1. Una volta preparato il preimpasto e fatte trascorrere le 12 ore di fermentazione del poolish, unire tutti gli altri ingredienti.
  2. Dopo aver formato le pagnotte del peso voluto (consiglio di fare delle pezzature di 700 grammi), facciamo lievitare ancora due ore.
  3. Inforniamo con forno caldo per 15 minuti a 230 gradi, poi abbassiamo la temperatura per altri 45 minuti a 180 gradi e...buon pane!

*Consentitemi di dedicare questo articolo a mio nonno: sarebbe stato molto felice di leggerlo e, per me, sarebbe stato ancor più bello ascoltare i suoi consigli!

Finalmente è tornata la primavera, la voglia di stare all'aria aperta e di mangiare fuori. Finalmente è tornata la stagione dello "street food" o cibo da strada!

Avevo sentito parlare di questo fenomeno attraverso i media, ma la mia curiosità è aumentata quando ho scoperto che addirittura "il gambero rosso" ha dedicato a questo evento anche una guida.

Lo street food altro non è che il cibo di strada, il cibo preparato per un consumo immediato, informale e soprattutto, di questi tempi, anche economico.

Focaccia zucchine 500x340 CSE lo "street food" italiano non poteva non essere eccellente e variegato, proprio come la nostra tradizione gastronomica, coinvolgente, fantasioso e, a volte, può essere di esempio per grandi Cuochi che poi personalizzano e trasformano in piatti gourmet.

Il grande Gualtiero Marchesi dice che il "cibo da strada è la storia di un paese". I maccheroni e la pizza, simboli della cucina Italiana, sono nati sulla strada.

Ma ci sono anche molti altri piatti che testimoniano questo fenomeno: le piadine romagnole, le arancine della Sicilia, la porchetta di Ariccia, i vari panini farciti con le trippe, le tigelle nell'Emilia, le varie sfaccettature a Roma e dintorni del "quinto quarto", cioè tutto quello che rimane della vitella e dell'agnello (trippe, fegatini, corate, ecc..) e che servivano per la preparazione di tanti piatti tipici della cucina povera.

Da noi, in Abruzzo, come in tante altre regioni, la pizza la fa da padrona, ma non mancano piatti tipici da poter consumare "sulla strada" come gli arrosticini di pecora, la stessa porchetta preparata nel chietino e dalle parti di Campli (dove addirittura fanno una sorta di gara), il pesce fritto che trova nelle moltissime sagre estive la sua massima espressione e, per finire con il dolce, ovviamente, non possiamo dimenticare le ferratelle (dette anche neole) che troveremo senz'altro nei tantissimi forni artigianali sparsi in tutti i borghi e paesini dell'entroterra abruzzese.

Io però vorrei proporvi uno "street food" diverso dal solito molto adatto alle gite fuori porta (le scampagnate) tipiche ad esempio del periodo pasquale, ma non solo!

Prepareremo una focaccia, come sempre con una farina non convenzionale, infatti questa volta useremo farina di farro di tipo biologico.

Il mio augurio di rilassanti scampagnate con tanti manicaretti da "asporto" come questa squisita focaccia!!!!

Focaccia farcita da asporto

Ingredienti

Per il lievitino:

  • 200 grammi di farina di tipo 0,
  • acqua 100 grammi,
  • lievito di birra compresso 5/7 grammi,

Per l'impasto finale:

  • farina di farro spelta bio 1kg,
  • acqua circa 700 grammi,
  • 20 grammi di sale,
  • 20 grammi di olio di oliva
  1. Prepariamo un piccolo impasto iniziale (lievitino) e, una volta formato il panetto, lo mettiamo in un contenitore capiente con dell'acqua abbondante a 25-27 gradi.
  2. Appena messa nel recipiente, la pallina andrà a fondo ma, dopo circa 10/15 minuti, quando il lievitino sarà pronto, tornerà a galla e, quindi, lo uniremo insieme agli altri ingredienti e formeremo delle pagnottelle secondo la grandezza della teglia.
  3. Facciamo riposare 4/5 ore, o aspettiamo almeno il raddoppio della pasta, e lo stendiamo nella teglia unta facendo fare ancora un'altra lievitazione (30 minuti) e mettiamo in forno caldo a 200 gradi per circa mezz'ora.
  4. Per la farcitura: carne macinata mista, cucinata in padella con un filo di olio e sale, insalata mista, pomodoro a fette e fontina; tagliamo la focaccia con dei tagliapasta tondi e farciamo tipo hamburger.
  5. Per chi volesse mantenere la tradizione, consiglio invece di farcire le focaccine con le nostre mozzarelle e delle fettine di uova sode o in estate delle zucchine.

Foto Biagio nuova 500x340

 

 

Ultimi articoli

Orzo cereale antico di sorprendente modernità

Orzo cereale antico di sorprendente mode…

21-07-2020 Mangiare sano

L’orzo è stato uno dei primi cereali ad essere ...

Basilico, la pianta regale per eccellenza

Basilico, la pianta regale per eccellenz…

16-07-2020 Erbe aromatiche

La pianta regale per eccellenza, tale è il signif...

Noci: vero elisir per la pelle

Noci: vero elisir per la pelle

13-06-2020 Mangiare sano

Le noci vantano un lunghissimo elenco di sostanze ...

Le ricette del mese

Involtini di melanzane al forno con pomodorini e salsina all’erba cipollina

Involtini di melanzane al forno con pomo…

12-08-2020 Antipasti

Le melanzane sono regine dell’estate soprattutto...

Quattro cereali ai profumi estivi con pinoli, zucchine e pomodori

Quattro cereali ai profumi estivi con pi…

07-08-2020 Primi

Mettere insieme le virtù di più varietà di cere...

Crema di zucchine con datterini marinati e ceci al curry

Crema di zucchine con datterini marinati…

03-08-2020 Minestre e Zuppe

Due ingredienti estivi di stagione, pomodori e zuc...