Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jan 26, 2021 Last Updated 12:00 AM, Sep 16, 2021

Ingredienti per 4 persone:

  • 2-3 cipollotti freschi,
  • 150 g di piselli sgusciati,
  • 2 foglie di alloro,
  • 100 g di pomodorini,
  • 150 g di spinaci freschi,
  • 100 g di ricotta soda di pecora,
  • 320 g di cavatelli,
  • buccia di limone grattugiata,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 limoni,
  • 3-4 avocadi molto maturi,
  • 1 mazzetto di erba cipollina,
  • 200 g di pasta sfoglia pronta,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Spremere il succo dei limoni, sbucciare gli avocadi, dividerli e metà eliminando il grosso seme, tagliarli a pezzi e bagnarli subito con parte del succo dei limoni.
  2. Ritagliare una serie di fili di erba cipollina lunghi circa 7-8 cm e conservarli, tritare finemente i restanti, aggiungerli all'avocado insieme a un pizzico di sale e 2-3 cucchiai d'olio.
  3. Frullare fino a ottenere una soffice crema unendo a piacere altro succo di limone e regolando di sale.
  4. Stendere sottilmente la pasta sfoglia e ricavare 12 piccole sfoglie rettangolari, cuocerle nel forno caldo a 200 gradi per 10 minuti circa e lasciarle raffreddare.
  5. Comporre nei piatti le millefoglie sovrapponendo una sull'altra tre sfoglie spalmate con la crema di avocado, decorare infine con i filini di erba cipollina tenuti da parte.

Gli agrumi che tramite il succo e la polpa ci regalano ottime dosi di Vitamina C, Potassio e tante altre sostanze preziose per la salute dell’organismo portano in dote anche gli intensi profumi della loro buccia che in cucina si rivelano una grande opportunità per profumare piatti e ricette!

Gli agrumi sono frutti dalle mille virtù a cominciare naturalmente dalla polpa e dal succo di arancia che nell’immaginario di tutti rappresentano una bella risorsa e riserva della salutare e indispensabile Vitamina C o dell’altro altrettanto prezioso sale minerale, il potassio, entrambi da assimilare ad esempio con gustose spremute.

Frutti e cibi terapeutici quindi che sono oggi parte vitale di una buona dieta, ma ancora di più lo erano in passato quando lo scorbuto, una pericolosa forma di avitaminosi, impazzava tra alcune categorie di persone come i marinai e che poteva essere combattuto e prevenuto semplicemente assimilando almeno 10 mg al giorno di Vitamina C di cui come dicevamo agrumi e arance sono ricchi.

Se ci fermassimo a considerare solo la parte interna di limoni, arance, mandarini, cedri, bergamotti, chinotti, pompelmi, mandaranci, lime commetteremmo però un grande errore perché molte virtù di grande importanza si celano nella loro scorza o buccia come si preferisce chiamare.

Dobbiamo tenere sempre in grande considerazione le bucce degli agrumi intendendo in questa ottica solo gli agrumi biologici che come ben sappiamo sono gli unici a garantirci l’assenza di residui chimici finali.

In particolare limoni, lime, mandarini e arance, perché sono estremamente utili quando in cucina si vuole esaltare il gusto delle pietanze che si stanno preparando senza doverle infarcire di grassi, condimenti artificiali o altre sostanze poco salutari.

Le arance sono strettamente stagionali anche se con le diverse varietà tra Navel, Tarocco, Ribera, ecc, riescono a coprire diversi mesi dell’anno, i limoni invece hanno la peculiarità di avere più raccolti durante il corso dell'anno e essere così stagionalmente più presenti, ma non sempre nella loro migliore versione.

Per avere allora sempre a disposizione bucce di agrumi buone pronte all'uso vi suggeriamo di approfittare dei periodi dell'anno quando questi frutti sono nella loro forma migliore, farne una buona scorta, grattugiare la buccia dopo aver lavato la frutta con attenzione e metterla via in piccoli barattoli conservandola in congelatore.

L'avrete così a disposizione sempre, fate solo attenzione a non pressarla nei barattoli in modo che poi sia facile prelevare la dose singola necessaria grattandola con un semplice cucchiaino.

Ingredienti per 4 persone:

  • 40 g di mandorle sgusciate e pelate,
  • 800 g di cime di rapa,
  • 8 filetti di acciughe sottolio,
  • 1 cucchiaino di buccia di limone grattugiata,
  • olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Tostare leggermente per 5 minuti a calore basso le mandorle, in una piccola padella a calore basso mescolandole di continuo o nel forno caldo a 160 gradi.
  2. Una volta pronte raffreddarle completamente e solo dopo tritarle con un coltello, in alternativa frullarle senza renderle troppo fini.
  3. Mondare dalla parte finale dura e dalle eventuali foglie più deteriorate le cime di rapa, lavarle con cura e lessarle per 5 minuti circa con poca acqua.
  4. Scolarle, intiepidirle, strizzarle leggermente e tritarle grossolanamente, preparare a parte la buccia di limone. Spezzettare le acciughe sottolio e metterle in una padella con 3-4 cucchiai di olio, scioglierle appena, unire le cime di rapa e lasciarle insaporire 5 minuti.
  5. Aggiungere la buccia di limone, disporle nei piatti a forma di nido e cospargerle con le mandorle tritate decorando a piacere.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 scalogni,
  • 225 g d'orzo perlato,
  • 125 g di passata di pomodoro,
  • 1,5 l circa di buon brodo pronto,
  • 1 limone,
  • 1 mazzetto di basilico fresco,
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato (facoltativo),
  • olio extra vergine d'oliva dal fruttato intenso e leggero,
  • olio vergine d'oliva,
  • sale