Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aug 08, 2020 Last Updated 10:18 AM, Aug 7, 2020

Ingredienti per 4 persone:

  • 90 g di ceci neri secchi messi a bagno per 36 ore e lessati per almeno 90 minuti,
  • 250 g d'orzo perlato,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 125 ml di buon vino bianco,
  • 4 foglie di alloro,
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere,
  • 2 l circa di buon brodo pronto,
  • 300 g di cavolo rosso,
  • 1 grande cipolla rossa,
  • 15 semi di finocchio,
  • 50 g di mandorle sgusciate e pelate,
  • olio extra vergine d'oliva,
  • sale

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di orzo perlato,
  • 250 g di pomodorini,
  • 200 g di ceci lessati,
  • 1 cucchiaino di rosmarino fresco tritato,
  • ½ cucchiaino di buccia di limone grattugiata,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

L’orzo è stato uno dei primi cereali ad essere usato come base di sostentamento dall’uomo evoluto nel momento in cui ha cominciato a praticare su vasta scala l’agricoltura.
Rimane ancora oggi una fonte privilegiata di carboidrati nobili portando per altro con se una lunga serie di sostanze benefiche e utili per la prevenzione.
In cucina poi, in particolare nella forma perlata, consente di spaziare nella preparazione di numerose ricette garantendo sempre un alta digeribilità e portando una sensazione di freschezza complessiva molto gradevole e piacevole.
Ne analizziamo insieme le prerogative e alcuni spunti molto utili di conoscenza generale.

L'orzo è tra le più antiche colture di graminacee impiegate dall'uomo in cucina essendo entrato a far parte dell’alimentazione umana da più di 12.000 anni.

La sua origine viene fatta risalire alla zona dell'Asia occidentale e dell'Africa nord orientale, ma la sua coltura si è poi diffusa molto rapidamente in tutta Europa ed in tutto il mondo grazie alla resistenza della pianta alle diverse condizioni climatiche presenti e alle avversità naturali come la siccità o il freddo.

Attualmente l’orzo è uno dei cereali economicamente più importanti e allo stesso tempo a più ampio spettro di utilizzo essendo all’origine di numerosi derivati molto differenti gli uni dagli altri:

  • è la base di surrogati del caffè oggi molto apprezzati e di prodotti specifici per la prima colazione;
  • da quello germogliato si ricava il malto relativo che è un elemento fondamentale anche per la produzione di tutti gli altri malti di cereali;
  • una volta fermentato si presta alla produzione della birra e di alcuni dei distillati più famosi;
  • la sua farina è utile in alcuni tipi di prodotti tradizionali da panificazione (pane, biscotti e focacce);
  • può sostituire il grano duro in alcune varianti del couscous e si presta bene anche per la produzione dei fiocchi.

Ma la forma in chicchi è certamente quella che consente di spaziare di più nelle preparazioni di cucina, per altro con la prerogativa esclusiva di far sentire al meglio le sue qualità organolettiche non condizionate da trasformazioni successive.

Si trova in tre tipologie principali, orzo integrale o Mondo, decorticato e perlato con un colore che va dal marrone scuro, a chiaro a bianco.

Le prime due varietà sono più ricche di elementi nutritivi e fibra e necessitano di ammollo preventivo (lungo quello mondo, breve quello decorticato), ma sono allo stesso tempo meno flessibili e adattabili alle diverse preparazioni di cucina che nella cucina Italiana sono innumerevoli.

L’orzo perlato è meno ricco di sostanze nutrizionali, porta però con se una serie di vantaggi, dalla cottura più breve all’adattabilità in numerose ricette, che non ha paragoni rispetto alle prime due varianti.

Può presentarsi in chicchi grandi o medio piccoli e ha la prerogativa di gonfiarsi molto in cucina, a livello nazionale le regioni a maggiore produzione sono Emilia Romagna, Umbria, Basilicata, Marche e Lombardia.

Con l’orzo perlato si preparano ottime zuppe con le quali si riescono a valorizzare anche molte erbe aromatiche stagionali locali in abbinamento con olio d’oliva extravergine di qualità.

Sostituisce anche ottimamente il riso in uno dei piatti Italiani più famosi, il risotto; si ottengono cosi ricette chiamate orzotti che a fronte di un tempo di preparazione più lungo non hanno il problema della tenuta di cottura e risultano molto più gestibili da parte di chi non ha dimestichezza con questa tipica preparazione della cucina Italiana.

Ricordiamo infine alcune delle prerogative nutrizionali e preventive appannaggio di questo cereale:

  • la sua facilità di assimilazione e digeribilità che lo rende adatto al consumo in ogni fascia d'età (dai bambini agli anziani);
  • la sua ricchezza in silicio (utile al cervello ed al sistema nervoso) e il suo apporto di buone percentuali di fosforo, potassio, magnesio, ferro, calcio, vitamina PP e vitamina E;
  • le capacità di prevenzione rispetto alle affezioni polmonari e cardiovascolari;
  • la tradizionale proprietà galattogena di stimolo alla produzione di latte materno;
  • la capacità di rinfrescare l’organismo a prescindere dalla forma di consumo scelto.

Mettere insieme le virtù di più varietà di cereali in chicchi è senza dubbio un’ottima idea dal punto di vista dei contributi di salute e del benessere intestinale.

Se poi si riesce, come in questa ottima ricetta, a preparare una fresca insalata estiva molto gustosa e piacevole allora abbiamo raggiunto il massimo che una buona cucina può esprimere.

I cereali sono accompagnati dagli stagionali pomodori e zucchine, arricchiti in proteine e grassi preziosi dai pinoli ed enfatizzati nel gusto da origano e buccia di limone per un vero godimento a tavola!!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 60 g di pinoli,
  • 3 zucchine medie,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 200 g di riso nero lessato,
  • 150 g di riso integrale lessato,
  • 150 g di orzo perlato lessato,
  • 150 g di farro perlato lessato,
  • 6 pomodori medi,
  • 1 cucchiaio di buccia di limone grattugiata,
  • origano secco,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. In una piccola padella tostare i pinoli a calore molto basso per 5-10 minuti mescolandoli spesso e a parte lavare le zucchine tagliandole in piccoli cubetti.
  2. Sbucciare e tritare finemente l’aglio, metterlo in padella con 2 cucchiai abbondanti di olio e rosolarlo velocemente, aggiungere le zucchine insieme a un pizzico di sale e trifolarle per 10 minuti scarsi cercando di lasciarle abbastanza sode.
  3. Lavare i pomodori, dividerli a metà eliminando i semi interni e tagliarli in cubetti simili alle zucchine, condirli con 2 cucchiai di olio, poco sale e abbondante origano sbriciolato al momento.
  4. Riunire in una grande ciotola i 4 cereali e unire i pomodori, le zucchine, i pinoli e la buccia di limone, mescolare a lungo e lasciare profumare per almeno 30 minuti prima di servire i cereali a temperatura ambiente.

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 foglie grandi di cavolo verza,
  • 250 g di pomodori pelati,
  • 3 spicchi d'aglio,
  • 250 g di ceci lessati,
  • 140 g di orzo perlato,
  • 100 g di parmigiano stravecchio 36 mesi in un pezzo unico,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare le foglie del cavolo verza e in abbondante acqua bollente scottarle per 5 minuti scarsi travasandole poi in un acqua fredda, conservare l'acqua di cottura.
  2. Pulire i pomodori pelati dai semi e tagliarli a filettini, sbucciare e tritare l'aglio, metterlo in una pentola per zuppe insieme a 4 cucchiai di olio e rosolarlo velocemente, aggiungere i pomodori e i ceci lasciando cuocere 5 minuti.
  3. Unire l'orzo sciacquato, insaporire brevemente, versare 1,2 l circa di acqua di cottura della verza e cuocere per 35 minuti circa salando poco e solo in ultimo.
  4. Tagliare le foglie di verza in grossi quadrettoni e il parmigiano in scaglie spesse, unirli al minestrone di orzo versando anche altra acqua di cottura della verza se necessario e cuocere a calore basso per altri 5 minuti scarsi, distribuire nei piatti e unire un poco di olio a crudo.

Ultimi articoli

Orzo cereale antico di sorprendente modernità

Orzo cereale antico di sorprendente mode…

21-07-2020 Mangiare sano

L’orzo è stato uno dei primi cereali ad essere ...

Basilico, la pianta regale per eccellenza

Basilico, la pianta regale per eccellenz…

16-07-2020 Erbe aromatiche

La pianta regale per eccellenza, tale è il signif...

Noci: vero elisir per la pelle

Noci: vero elisir per la pelle

13-06-2020 Mangiare sano

Le noci vantano un lunghissimo elenco di sostanze ...

Libri in Primo Piano

Cucina a Vapore

Cucina a Vapore

Ottobre 01, 2012

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Possiam...

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

A tavola con il Diabete

A tavola con il Diabete

Gennaio 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Dietolo...

Invito alla Lettura

Erbe istruzioni per l'uso

Erbe istruzioni per l'uso

20-02-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Recensiamo con un par...

La mente al servizio della cucina

La mente al servizio della cucina

17-12-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Un libro ricco di consigli utili per aprire la men...

banner