Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Nov 27, 2022 Last Updated 10:20 PM, Nov 24, 2022

Il profumato e aromatico riso basmati questa volta si presenta nella sua pregevole versione integrale ricca di fibre e altre sostanze normalmente perse, considerando la presenza delle lenticchie e dei carciofi la dose di fibre è in questo modo di alto livello per un pieno di vero benessere!

Ma anche il gusto non scherza e questo piatto siamo sicuri soddisferà in pieno, le lenticchie rosse si trasformano in una intrigante salsa colorata che prende forza anche dall’aggiunta finale della maggiorana.

Come del resto succede anche ai carciofi trifolati in padella, questa erba aromatica, infatti, nella versione secca in particolare è estremamente preziosa nella cucina della salute perché grazie alla sua aromaticità naturale aiuta a contenere sia i condimenti grassi che il sale in genere sempre troppo nella nostra dieta!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di riso basmati integrale,
  • 2 chiodi di garofano,
  • 2 foglie di alloro fresco,
  • 2 piccoli porri,
  • 100 g di lenticchie rosse,
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro,
  • 5 carciofi,
  • ½ limone,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • maggiorana secca,
  • pepe,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Sciacquare il riso basmati e metterlo in una pentola insieme a 750 ml di acqua, aggiungere i chiodi di garofano e le foglie di alloro fresche, coprire e cuocere per 25-30 minuti circa fino a far assorbire dal riso tutta l'acqua
  2. Mondare i porri e affettarli finemente, in una casseruola rosolarli per 5 minuti circa insieme a un poco di olio d’oliva, aggiungere le lenticchie rosse, insaporire qualche minuto, unire il concentrato di pomodoro sciolto in 1 bicchiere di acqua e cuocere 5 minuti.
  3. Versare altri 2 bicchieri di acqua e portare a ebollizione, abbassare la fiamma e cuocere per 20 minuti abbondanti salando solo negli ultimi 5 minuti, una volta pronte e tenere frullare le lenticchie (versare un altro poco di acqua se troppo asciutte) fino a formare una crema densa da profumare con un poco di maggiorana secca.
  4. Nel frattempo pulire con cura i carciofi e affettarli mettendoli in acqua acidulata con poco succo di limone, sbucciare e tritare l’aglio, rosolarlo velocemente in una padella insieme a 2-3 cucchiai di olio, aggiungere i carciofi ben scolati, salare, pepare, coprire e cuocere per 10 minuti abbondanti profumando sempre con della maggiorana secca.
  5. Una volta pronto il riso eliminare l'alloro e i chiodi di garofano, condirlo con la crema di lenticchie rosse, tritare grossolanamente i carciofi trifolati, pressare in stampi tondi ad anello uno strato di riso con sopra uno strato più sottile di carciofi, sfilare e decorare a piacere.

Con la pregevole spirulina si riescono a preparare anche delle buone varietà di pasta pronta, a dire il vero le proprietà della spirulina in gran parte si perdono in cottura, ma il colore rimane molto affascinante e attraente come anche il gusto.

Il condimento di questo primo piatto è diviso in due parti, da un lato un profumato e aromatico olio con pinoli tostati, dall’altro una salsa di carote esaltata al massimo dalla maggiorana fresca.

L’insieme vincente si adatta anche ad altri formati di pasta sia secca che fresca e pensandoci bene anche ad accompagnare dei ravioli ripieni magari con qualche erbetta di campo primaverile!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 carote medie,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 30 g di pinoli,
  • 1 cucchiaio abbondante di semi di papavero,
  • 1 mazzetto di maggiorana fresca,
  • 320 g di tagliatelle alla spirulina,
  • poco latte (anche vegetale),
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Pulire bene le carote e affettarle, sbucciare e tritare l'aglio, mescolare i due ingredienti insieme a poco olio e un pizzico di sale, metterli in una padella antiaderente, coprirli e cuocerli per 20-25 minuti fino a rendere tenera la verdura e bagnando con poca acqua se necessario.
  2. A parte tostare separatamente nel forno caldo a 160 gradi i pinoli e i semi di papavero per 5 minuti circa, raffreddarli, tritare i soli pinoli e mescolarli con 2-3 cucchiai d'olio.
  3. Lavare, asciugare e sfogliare la maggiorana, metterla in un frullatore insieme alle carote cotte e un poco di olio, frullare il tutto versando il solo latte necessario a ottenere una fluida salsina e regolarla di sale.
  4. Lessare le tagliatelle alla spirulina al dente in abbondante acqua bollente salata, scolarle non troppo asciutte, condirle con l'olio ai pinoli, distribuirle nei piatti, mettere nel mezzo la crema di carote, cospargere la superficie con i semi di papavero e servire.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4-5 finocchi,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 150 g di spinaci freschi,
  • 150 g di radicchio rosso,
  • ½ cucchiaino di maggiorana secca,
  • 4-5 cucchiai di concentrato di pomodoro,
  • ½ cucchiaino di basilico secco,
  • 1 cucchiaio abbondante di paté di olive nere,
  • 1 cucchiaio di agaragar mescolato a 1 cucchiaio di maizena o amido di riso,
  • 200 ml di brodo vegetale freddo,
  • 50 g di germogli misti,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 semi di cardamomo,
  • 300 g di riso basmati,
  • 60 g di nocciole sgusciate e tostate,
  • 7-800 g circa di cavolo romanesco,
  • 1 cucchiaino raso di maggiorana secca,
  • 1 cucchiaino di buccia di arancia grattugiata,
  • coriandolo in grani,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Una simpatica preparazione al profumo intenso e soave di maggiorana che di per se è un primo piatto anche se come si intuisce in dosi più circoscritte del solito vista la sua accoglienza nello spazio presente delle belle melanzane.

Fa la sua scena bisogna dirlo, ma se siete degli adoratori della pasta con le verdure certo può essere un po’ poco per cui nulla vi vieta di trasformare il tutto in un sontuoso e ricco piatto di pasta raddoppiando o quasi le dosi previste in origine servendo il tutto freddo o caldo come preferite.

Raccomandiamo solo di non buttare e tanto meno sprecare le preziose melanzane e soprattutto la loro potente e salutare buccia, piuttosto riducete a tocchetti e friggete come è uso in Sicilia seguendo le indicazioni sagge che trovate in questo libro dello Chef Giuseppe Capano!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 peperone giallo medio,
  • ½ cucchiaino di maggiorana secca,
  • 1 spicchio d'aglio,
  • 2 piccole zucchine,
  • 1 mazzetto di maggiorana fresca,
  • 200 g di pomodorini a ciliegia,
  • 200 g di calamarata,
  • 2-3 cucchiai di olive taggiasca,
  • 25 g di mandorle in scaglie,
  • 2 grandi e lunghe melanzane,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare e mondare dal picciolo e dai semi il peperone, tagliarlo a dadini e condirlo con poco olio, la maggiorana e un pizzico di sale, metterlo in una padella e rosolarlo per meno di 10 minuti.
  2. Nel frattempo sbucciare e tritare l'aglio, lavare le zucchine e tagliarle a dadini, togliere il peperone dalla padella e nel fondo rimasto mettere l'aglio con un altro poco d'olio, rosolarlo brevemente, aggiungere le zucchine, salarle e trifolarle per 10 minuti.
  3. A parte, lavare, asciugare e sfogliare la maggiorana fresca, lavare i pomodorini e tagliarli in piccoli spicchi, in una piccola padella tostare leggermente le scaglie di mandorle a calore basso.
  4. Lessare la calamarata molto al dente in abbondante acqua bollente salata, scolarla e raffreddarla passandola sotto l'acqua corrente, quando pronta mescolarla subito con la maggiorana fresca, le olive, poco olio e le scaglie di mandorle.
  5. Travasare le zucchine in un piatto, lavare le melanzane, eliminare il picciolo verde e tagliarle in due parti per il lungo, con un piccolo coltellino svuotare delicatamente la polpa interna, tagliarla a dadini, metterla nella padella delle zucchine insieme a 1-2 cucchiai d'olio, cuocerla per 5 minuti a calore medio e infine salarla leggermente.
  6. Unire alla pasta fredda i pomodorini, i peperoni, le zucchine e la polpa di melanzane tiepida, mescolare regolando eventualmente di sale, riempire le barchette di melanzane, adagiare nei piatti, decorare con delle fettine di limone, delle foglie di basilico e altre mandorle in scaglie.

Ultimi articoli

Pera Abate, bontà e creatività in cucina

Pera Abate, bontà e creatività in cuci…

23-11-2022 Mangiare sano

  Conosciamo meglio una delle varietà di pe...

Ridurre i rischi di diabete mangiando meno carboidrati

Ridurre i rischi di diabete mangiando me…

15-11-2022 Diabete

È una regola conosciuta da tempo e che ancora un ...

Datteri: i preziosi e nutrienti frutti la cui forma a dito ha dato origine al nome

Datteri: i preziosi e nutrienti frutti l…

08-11-2022 Mangiare sano

Sembra infatti che il nome derivi in origine dal t...

Libri in Primo Piano

Dolci senza glutine

Dolci senza glutine

Aprile 06, 2016

Le guide di Natura e Salute La sorpresa di quanto...

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Ottobre 01, 2016

Le guide di Natura e Salute La riscossa dei cerea...

Olio: crudo e cotto

Olio: crudo e cotto

Marzo 01, 2012

Le guide di Natura e Salute La multidirezionalit...

Invito alla Lettura

Con gusto senza glutine

Con gusto senza glutine

10-06-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Cucina appetitosa per la celiachia Lo abbiamo let...

Alimentazione naturale dallo svezzamento all'adolescenza

Alimentazione naturale dallo svezzamento…

15-09-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

I prodotti biologici sulla tavola del bambino Il ...

banner