Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa questa pagina

Fave secche: utilizzi, vantaggi e esempi in cucina

Pubblicato in Mangiare sano
Letto 191 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Le fave secche sono un eccellente legume che abbiamo la possibilità di trovare tutto l’anno e mettere in dispensa con tranquillità vista la loro lunga durata e stabilità.

La versione senza buccia esterna dal colore giallo sbiadito forse non invita molto al consumo, ma oltre che buona risulta estremamente pratica e utile per molte preparazioni in cucina.

Dobbiamo poi anche considerare che le fave hanno notevoli proprietà nutritive e tutto sommato la loro quota calorica non è poi così alta se pensiamo che fanno parte della famiglia dei legumi alimenti energizzanti per eccellenza.

Tante virtù e effetti benefici in campo alimentare dicevamo fra cui una spiccata azione di riduzione del colesterolo e un aumento dell'equilibrio dello zucchero ematico nei diabetici, caratteristiche comuni un po' a tutte le leguminose, ma le fave secche senza buccia hanno il grosso vantaggio di consentire in cucina, più di tutti gli altri legumi, la preparazione di salse, vellutate e minestre di verdura senza la necessità che queste siano rese artificialmente cremose.

L'uso tipico è per minestre e creme di verdure come si può vedere in questa ricetta, molte ricette regionali del resto basano la loro bontà proprio sulla presenza delle fave come il famoso macco.

È possibile però creare anche molto altro come delle buone salse da condimento la cui prima fase consiste nel lasciare il legume in ammollo in acqua a temperatura ambiente per una notte o dal giorno prima per più comodità.

In seguito si fanno cuocere in semplice acqua e foglie di alloro fresche fino a ridurre il fondo di cottura e in ultimo si frullano fino a ottenere la consistenza di una salsa, un magnifico esempio di questo utilizzo lo trovate qui.

Condimento di questo tipo sono perfetti per accompagnare pasta e cereali in chicchi a cui basterà aggiungere un filo di buon olio e una fresca erba aromatica di stagione e in questa ottica forse la più intonata potrebbe essere la maggiorana fresca o in alternativa secca se proprio non si trova.