Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa questa pagina

Il cioccolato fondente come micro aiuto contro i remumatismi

Pubblicato in Reumatismi
Letto 2577 volte
Vota questo articolo
(5 Voti)
Etichettato sotto

Un incontro a Perugia sugli effetti antinfiammatori del cacao. 

Nella più recente edizione di Eurochocolate si è svolto un incontro molto curioso organizzato in collaborazione con Roberto Gerli, ordinario di Reumatologia dell'Università di Perugia, l'Associazione Malati Reumatici Umbria e Cittadinanzattiva.
Tema avvincente e coraggioso: "I benefici effetti che il cacao ha sulla cura e sulla prevenzione delle malattie reumatologiche".

E per cacao vista la manifestazione non si poteva altro che parlare di cioccolato, ossia uno degli alimenti più golosi esistenti, oggetto negli ultimi anni di numerosi studi un po' su tutti i fronti viste le sue peculiari componenti che sembra abbiano un influenza diretta su molte patologie, se non altro in chiave preventiva.

Al centro dell'attenzione i flavonoidi contenuti nel cioccolato e le loro capacità antiossidative e antinfiammatorie, aspetto questo che interessa direttamente chi soffre di problemi reumatici visto che la patologia nella stragrande maggioranza dei casi è direttamente collegata a una alterazione infiammatoria.

La questione è certamente allettante, ma non deve spingere a ingurgitare ogni giorno dosi cospicue di cioccolato, sia perché le ricerche a supporto hanno bisogno di approfondimenti e ulteriori verifiche sia perché allo stato attuale delle conoscenze i benefici del cioccolato sono riferiti a micro quantità e evidenziano che un eccesso di cioccolato può avere il risultato esattamente opposto con effetti negativi preponderanti rispetto a quelli positivi.

Si parla per ora di una quantità settimanale di 50 g di buon cioccolato fondente, l'unica versione che garantisce gli effetti benefici senza l'influenza di altre componenti come il latte.
Una quantità effettivamente bassa, diciamo più un punto di partenza che arrivo, altri studi andranno incrociati perché come detto il cacao sembra avere interessanti effetti su molte altre patologie come l'ipertensione.

Una buona ricetta come contributo all'assunzione di cioccolato la trovate qui, veramente notevole considerando anche la potente presenza dell'olio da olive con tutte le sue immense positività.