Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa questa pagina

La scelta del coltello da cucina

Pubblicato in Utensili da Cucina
Letto 375 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)

I coltelli sono strumenti vitali per cuochi e semplici appassionati, la loro forma può essere di diverso tipo, ma per la maggior parte delle operazioni ci si può basare su uno specifico coltello da cucina di cui analizziamo le caratteristiche salienti.

Nella scelta del coltello o del gruppo di coltelli professionali o domestici da utilizzare in cucina dobbiamo fare delle scelte ben precise che ci consentono di operare in sicurezza e allo stesso tempo facilitarci in tutti i numerosi compiti svolti da questo strumento.

Se proprio non vogliamo acquistare un intero set dobbiamo porci l’obbiettivo che almeno il coltello da cucina classico chiamato spesso trinciante e quello per le verdure come lo spelucchino siano forgiati e di buona qualità.

Come prima caratteristica principale un buon coltello deve essere perfettamente bilanciato, ovvero non deve essere più pesante sulla punta o sul manico, lo potete verificare facilmente tenendo il coltello nel mezzo e osservando se si sbilancia più da una parte che dall’altra.

Il secondo aspetto che per la sicurezza è molto importante riguarda l'impugnatura, quella di un buon coltello da cucina deve essere ergonomica, i rivetti, se presenti, devono essere ben arrotondati, di un materiale facilmente pulibile e non deteriorabile da acqua e umidità.

In questo senso i moderni materiali in plastica speciale sono più affidabili dei più tradizionali manici in legno per quanto più belli da vedere e toccare.

I migliori coltelli, a parte quelli in ceramica che meritano un separato e specifico approfondimento, sono quelli con la lama in acciaio e un alto contenuto di carbonio a garanzia della inossidabilità; più elevata sarà la presenza di carbonio, maggiore sarà la capacità della lama di durare a lungo e mantenere la lucentezza.

Le lame si distinguono principalmente in due tipologie principali in base alla lavorazione con la quale vengono realizzate.

Le lame forgiate vengono ricavate da una semilavorato, sono bilanciate ed affusolate, mentre le lame stampate sono ottenute dal taglio di una lamiera e sono piatte, sottili e meno efficienti.

Per quanto riguarda la forma le variabili sono molteplici e articolate e vedremo di approfondirle in un successivo intervento, in linea generale possiamo ricordare che il coltello deve avere la lama almeno della stessa lunghezza del manico, al quale è fissato per mezzo di ribattini o rivetti.

In attesa di analizzare nello specifico ogni coltello o gruppi di coltelli da cucina, vediamo un prezioso e utile decalogo sulla loro gestione.

  • Utilizzare sempre il coltello adatto all’operazione da svolgere, usarne uno costruito per un altra esigenza porta ad almeno tre conseguenze negative non auspicabili: la compromissione del risultato dell’operazione di taglio, la durata e tenuta della lama nel tempo, l’aumento delle probabilità di incorrere in infortuni e ferite anche pericolose.
  • Non avere timore dei coltelli affilati, più lo sono meno sono pericolosi in quanto solo così garantiscono di tagliare in sicurezza, in maniera efficace, senza sforzo e con precisione.
  • Per verificarne l’effettiva affilatura però non passare mai i polpastrelli delle dita sulla lama del coltello, al momento del taglio si capirà benissimo l'efficienza reale e la necessità o meno di affilatura.
  • Eseguire una manutenzione costante dei coltelli senza trascurare tutti gli aspetti fondamentali, solo così dureranno nel tempo garantendo efficienza e sicurezza!
  • Una volta usati pulire con cura i coltelli e metterli in un cassetto, valigetta, armadietto sterilizzato o altro dove siano sempre ben visibili e non nascosti da altri oggetti o strumenti.
  • Evitare di lavare i coltelli, magari immersi in un lavello coperti di acqua e schiuma, insieme ad altri utensili con cui possono confondersi o non vedersi.
  • Passare un coltello a una seconda persona porgendolo sempre dalla parte del manico e non con la lama all’esterno.
  • Non prendere al volo un coltello accidentalmente fatto cadere per quanto sia pregiato e costoso, il pericolo di ferite è troppo elevato.
  • La funzione del coltello è elusivamente quella di tagliare, non può fungere da apriscatole, cacciavite, batticarne ecc.
  • Tenere i coltelli molto lontano dai bambini e da persone non autorizzate o in grado di usarli.