Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Oct 18, 2018 Last Updated 9:13 AM, Oct 13, 2018

Prima di entrare in cucina

Letto 1703 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto

Una cucina così attenta all’uso dei grassi e al consumo degli alimenti a crudo non può non soffermarsi nell’analizzare attentamente i passi che precedono l’atto di cucinare; l’acquisto, la conservazione, la pulizia.

Intanto è qui più che mai essenziale ricercare il più possibile alimenti freschi di origine biologica, visto che in molti casi si utilizzano nella loro interezza e ne possiamo così godere appieno i grandi vantaggi organolettici evitando di ingerire corpi estranei alla natura dell’alimento, come pesticidi, additivi, conservanti o altro.

Il rispetto graduale dei ritmi stagionali e la scelta di prodotti che naturalmente sono presenti nei mesi di effettiva maturazione, lontano dalla forzatura della serra, è un altro criterio fondamentale. Nel moderno mercato globalizzato dove si trova sempre di tutto sembra uno sforzo scomodo e inutile, eppure nessuna persona di buon senso si sognerebbe di vestirsi del solo costume da bagno sotto la neve di dicembre e questo dovrebbe farci riflettere bene sull’incongruenza di consumare alimenti fuori stagione.

Non è solo la nostra pelle ad essere sensibile al clima, ma tutto il nostro organismo per il quale la non sintonia alimentare è sempre un significativo elemento di disturbo. Senza considerare che spesso il gusto di un prodotto maturato secondo natura ha un sapore e un aroma unico e irripetibile.

la cucina a crudoNella scelta dei singoli prodotti freschi bisogna dare la preferenza a quelli integri e privi di ammaccature sospette, tagli, lacerazioni o zone di colore non uniforme e naturale, mentre la presenza di terra, la pezzatura non uguale o la forma un po’ strana, non sono necessariamente elementi negativi ai fini della qualità finale. In ogni caso meglio consumarli nel minor tempo possibile, dato che molte sostanze nutritive sì perdono naturalmente con il passare delle ore, e evitare di fare scorte esagerate.

Attenzione anche a erbe aromatiche e spezie; le prime quando possibile è meglio coltivarle in proprio, magari sul balcone, per godere appieno della loro freschezza e del loro aroma, le seconde a dispetto della loro consistenza secca si deteriorano ugualmente nel tempo e perdono aromi e profumi.

Gli elementi da tenere in maggiore considerazione per una corretta conservazione sono la luce, il calore, l’aria e in generale il luogo dove si conservano gli alimenti deve essere chiuso, lontano dalla luce, al riparo da correnti d’aria, da sbalzi improvvisi di temperatura, da zone polverose o umide.

Per maggiori informazioni e schede più dettagliate consultare il libro "La Cucina a Crudo"

Altro in questa categoria: L’Olio extravergine d'oliva »

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

La Cucina Mediterranea delle Verdure

Settembre 01, 2003

Consigli e ricette di uno chef Descrizione: Nuov...

Friggere bene

Maggio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il frit...

Le ricette del mese

Torta di mele con farina di azuki e cann…

13-10-2018 Dolci e Dessert

Ingredienti per 4-6 persone: 1 uovo grande, 50...

Salsa di fave secche, funghi e timo

12-10-2018 Conserve e Salse

Ingredienti per 4 persone: 150 g di fave secche...

Crespelle con farina di lenticchie e rip…

05-10-2018 Primi

Ingredienti per 4 persone 3 uova, 120 g di far...

banner