Ti trovi qui:Home»Letture»Cucina Natutale la Rivista di cucina»Articoli 2016»Cucina Naturale Aprile 2016

Cucina Naturale Aprile 2016

Giovedì, 31 Marzo 2016 10:19

Gli articoli dello Chef.  

Con il nuovo numero di aprile di Cucina Naturale entriamo pienamente in primavera prendendo tutto il bello che questa energizzante stagione ci porta.
Una energia positiva che si riflette pienamente anche nei servizi all'interno del giornale dove le erbe spontanee trovabili in prati e boschi e presenti solo in questi mesi di risveglio la fanno da padrone in molti articoli.
Un'altra sorpresa crediamo piacevole è la presenza di nuovi autori che portano nuova linfa, idee e prospettive diverse sul mondo della cucina, dell'alimentazione e del buon gustare il cibo.
A firma dello Chef Giuseppe Capano c'è un articolo nella rubrica "Scuola di cucina" tutto dedicato alla ricotta, un prodotto che lo Chef ama molto per via della sua estrema poliedricità e le infinite possibilità che consente in cucina.
E giusto per ironizzare un po' dovete sapere che questa predilezione per la ricotta gli è valsa l'onorificenza di "maniaco della ricotta" da parte di alcuni "amici"!!!!!!!!
In ogni caso la ricotta appartiene alla categoria dei latticini, ma di per se non è un formaggio nel vero senso del termine poiché tradizionalmente la sua produzione è diversa e usa come base principalmente il siero del latte, la componente ricca d'acqua della cagliata che rimane a fine lavorazione dei formaggi veri e propri.
E la materia prima di base lascia intuire come la ricotta sia un alimento generalmente poco calorico e grasso.
Questo è vero in particolare per le ricotte fresche tradizionali e locali, mentre spesso le ricotte confezionate a livello industriale usano come base anche elementi più grassi come la panna, hanno un profilo nutrizionale più ricco in calorie, una cremosità e morbidezza accentuata, una struttura meno compatta.
Tutte le varietà, prodotte non solo con siero vaccino ma anche di pecora e capra, hanno comunque il pregio di una agevole lavorazione e trasformazione che consente di combinarle con facilità in moltissime preparazione, sia salate che dolci.
Nel articolo dello Chef troverete di che sbizzarrirvi!
E per scoprire il resto vi lasciamo alla presentazione ufficiale della rivista!

 

 

Cucina Naturale di aprile: Dal prato al piatto

Tema centrale del numero di aprile è la quinoa, con le sue tante luci e qualche ombra (ne parliamo nell'editoriale). Le Ricette di stagione, realizzate dalla chef Diletta Poggiali, sono un ricco menu che la vede presente in ogni piatto. Ma la vera protagonista del mese è la primavera, con le erbe spontanee, come ortica, tarassaco, i fiori di calendula, alla base dei piatti del servizio di Cucina Veloce curata questo mese da Claudia Renzi; ritroverete le erbe spontanee anche in altri servizi del mese.
Vi piace il pan brioche ma non avete mai osato farlo perché lo considerate difficile e a base di farina e zucchero raffinati? Allora non dovete perdere questo numero perché lo troverete in 4 ricette a base di sfarinati alternativi e, soprattutto, corredate da una lunga carrellata di fotografie che vi spiegano come realizzare facilmente questo amato dolce per la prima colazione. Bel lavoro, Marianna Franchi!
A proposito di dolci, vi segnaliamo un servizio di dessert 100% vegan e il Dulcis in fundo di Simone Salvini.
La dieta di questo mese, sempre a cura di Barbara Asprea, è un menu settimanale light ed alcalinizzante, per riportare il rapporto acido/base dell'organismo in equilibrio.
Tra i tanti altri servizi segnaliamo la Scuola di cucina di Giuseppe Capano con tutte ricette a base di ricotta, la rubrica di autoproduzione di Chiara Frascari che propone idee per sughi pronti casalinghi e l'articolo di Stefania Colombo che, con l'aiuto di un'esperta veterinaria, racconta come far mangiare il cane e il gatto.

 

 

 Cucina Naturale è disponibile in edicola (a 3,40 euro) o in abbonamento nella tradizionale versione cartacea, oppure in PDF, sempre a 3,40 euro, per una comoda e immediata lettura e archiviazione su supporti digitali.

 

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook