Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aug 23, 2019 Last Updated 9:21 AM, Aug 22, 2019

Linee guida per la prevenzione, le 7 regole di base

Pubblicato in Tumori
Letto 3121 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto

Seguire una dieta ipocalorica ed evitare il sovrappeso

Il contenimento delle calorie complessive consumate quotidianamente è la più efficace tecnica di prevenzione dei tumori oggi conosciuta, una semplice verità spesso troppo sottovalutata. Il segreto non è non mangiare e limitare l'investimento economico nell'alimentazione, ma piuttosto mangiare bene e pesare meno dando preferenza a una dieta costituita da carboidrati com­plessi e fibre, alimenti ipocalorici, poco raffinati e ricchi in micronutrienti.

Consumare molta verdura e frutta

La seconda regola è altrettanto basilare e per capirne la reale importanza basta riflettere sul dato ottenuto dal confronto di una serie di studi e ricerche scientifiche il cui risultato è stato che "le persone che consumano quantità maggiori di frutta e verdura fresca sviluppano mediamente la metà dei tumori rispetto a quanti consumano quantitativi inferiori."
Ridurre i cibi raffinati, consumare molte fibre, preferire gli alimenti integrali, seguire un'alimentazione ricca di micronutrienti.
Come è facile capire questa regola è direttamente collegata alla precedente, ma specifica meglio alcuni importanti aspetti. Si parla di certezze oramai, certezze che evidenziano come "un'alimentazione ricca di frutta e vegetali svolge un ruolo protettivo, sia per il contenuto in fibre, sia per l'abbondanza di micronutrienti."
Certezze che arrivano da lunghi anni di ricerche e studi che hanno portato a una progressiva valorizzazione e a un chiarimento sul ruolo svolto dalle fibre alimentari nella prevenzione del cancro. Ad esempio esiste di fatto una relazione diretta tra riduzione di tumori dell'intestino e della mammella in popolazioni con elevato consumo di fibre vegetali.

Ridurre i grassi animali e assumere grassi buoni

Colpevoli di essere tra i responsabili principali del sovrappeso, dell'aumento di resistenza all'insulina, delle malattie cardiovascolari, delle neoplasie. Questa la chiara accusa, sempre ben documentata e provata, rivolta all'eccesso di grassi saturi nell'alimentazione. Le fonti prevalenti sono tutti i prodotti di origine animale (latte, formaggi, salumi, ecc), carni rosse, prodotti di pasticceria, gli acidi grassi trans generati dall'idrogenazione degli oli (un esempio di prodotto è la margarina) e molte altre sostanze. Tutte da evitare o limitare il più possibile.

Fare movimento con regolarità. Esporsi al sole con prudenza

Come per molte altre patologie il movimento regolare e assiduo è un potente fattore di prevenzione e immagazzinamento di risorse di energia positiva la cui efficacia è veramente alta.
Questo elementare fattore strettamente collegato alla struttura organica umana è in grado di assicurare un prolungamento della durata della vita media e un miglioramento dello stato di salute, mantiene giovani e tonifica i tessuti, rigenera le cellule, dona agli organi svilup­po amplificando la loro potenzialità.

Non fumare, moderare il consumo di alcol, evitare o ridurre la cottura dei cibi, ridurre al minimo il cibo conservato, sotto sale o affumicato

prevenire il cancro a tavola

Tutti questi singoli elementi contribuiscono pezzo per pezzo a limitare al minimo il problema cancro, ad esempio potrebbe bastare a generare una profonda riflessione il fatto che chi non fuma ha una vita media superiore di circa 8 anni senza contare il maggiore benessere complessivo di cui gode.
E tutti gli altri fattori citati, cottura, conservazione sale e tecnica di affumicatura accentuano, se consumati troppo spesso, gli effetti negativi di un processo degenerativo come il cancro.

Eseguire controlli medici e indagini periodiche consigliate. Con­sultare il medico in presenza di segni di allarme

L'ultima regola non è la meno importante e presuppone un rapporto di confronto e fiducia con il proprio medico, aspetti esterni e interni in apparenza poco importanti possono rivelarsi campanelli di allarme importanti, il controllo preventivo è un ottima e saggia strategia da seguire.

 

Per maggiori informazioni e schede più dettagliate consultare il libro "Prevenire il cancro a tavola"

Ultimi articoli

Ultime statistiche, indicazioni e consigli sulla celiachia

Ultime statistiche, indicazioni e consig…

01-07-2019 Celiachia

Secondo l’ultima relazione messa a punto dal min...

L’umami nei pomodori

L’umami nei pomodori

14-06-2019 Cucina e condimenti a Crudo

Con l’arrivo dei pomodori finalmente di stagione...

L'avocado magico, oltre la polpa le virtù antiinfiammatorie nascoste del seme

L'avocado magico, oltre la polpa le virt…

21-05-2019 Reumatismi

Rimane l'avocado un frutto davvero straordinario p...

Libri in Primo Piano

I dolori Reumatici

I dolori Reumatici

Novembre 01, 2006

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Disturb...

100 cibi in conserva

100 cibi in conserva

Agosto 01, 2007

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Questo ...

Prevenire il cancro a tavola

Prevenire il cancro a tavola

Gennaio 01, 2013

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non è ...

Le ricette del mese

Paccheri con pesto delicato di rucola e pomodori al limone

Paccheri con pesto delicato di rucola e …

22-08-2019 Primi

Ingredienti per 4 persone: 2 piccole patate, 4...

Farro in insalata estiva etrusca con pomodorini

Farro in insalata estiva etrusca con pom…

20-08-2019 Primi

Ingredienti per 4 persone: 175 g di farro perla...

Insalata di rucola con emulsione alla pesca, ravanelli, zenzero in scaglie e canapa

Insalata di rucola con emulsione alla pe…

16-08-2019 Insalate

Ingredienti per 4 persone: 50 g circa di zenzer...

banner