Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Nov 15, 2018 Last Updated 9:04 PM, Nov 10, 2018

Lo stile alimentare mediterraneo più efficace di una semplice riduzione di grassi

Pubblicato in Cucina Mediterranea
Letto 3595 volte
Vota questo articolo
(8 Voti)
Etichettato sotto

Lotta alla sindrome metabolica: la dieta mediterranea pur con la relativa ricchezza di olio è più efficace e utile. 

Ancora più dei singoli stati di alterazione, colesterolo alto, ipertensione, sovrappeso, sedentarietà, ecc. che presi singolarmente potrebbero essere anche poco rilevanti rispetto a un potenziale livello di rischio complessivo è la sindrome metabolica che dovrebbe preoccupare di più chi si trova in uno stato di difficoltà legato alla salute.

Questa definizione racchiude dentro di se una somma di alterazioni funzionali dell'organismo che se arrivano a superare un determinato livello sono un inequivocabile segno di allarme.

Per la precisione si prendono a riferimento cinque parametri principali: girovita di grandi dimensioni con conseguente sovrappeso o obesità, ipertensione, scarsi livelli di colesterolo buono (HDL), trigliceridi e glicemia alti, se tre o più di questi parametri superano i livelli di normalità scatta l'allarme e si deve prontamente intervenire per evitare serie complicanze cardiovascolari, l'insorgere del diabete e nei casi peggiori il decesso.

Come evitare di arrivare a una diagnosi di sindrome metabolica?

Naturalmente evitando di superare i valori normali dei cinque parametri principali curando con attenzione lo stile di vita, l'alimentazione però e la cucina possono svolgere un ruolo determinante soprattutto se entrambi seguono gli schemi classici della dieta mediterranea.

Ne porta conferma, una conferma che va anche oltre, un nuovo studio pubblicato online sul Canadian Medical Association Journal (CMAJ) e portato avanti da dal dott. Jordi Salas-Salvado, professore di nutrizione presso l'Universitat Rovira I Virgili e l'Hospital Universitari de Sant Joan de Reus in Spagna.
Nella ricerca c'è stato un confronto diretto tra un regime alimentare a basso contenuto di grassi e uno a schema mediterraneo classico con ricchezza di cereali integrali, verdura, frutta, legumi, noci, pesce e olio extravergine di d'oliva.

Se in prima battuta le differenza sono risultate apparentemente lievi in chiave preventiva rispetto alle probabilità di sviluppare la sindrome metabolica, la dieta di tipo mediterraneo ha riservato la grande sorpresa di dimostrarsi molto efficace quando si è trattato di riportare alla normalità i valori di controllo della sindrome metabolica, in poche parole è risultata basilare per far regredire la sindrome stessa.

Chi ad esempio aveva seguito la dieta mediterranea con buona presenza di olio extravergine di oliva dimostrava di avere il 35% più probabilità di invertire la condizione rispetto a chi semplicemente riduceva i grassi complessivi giornalieri, chi poi consumava una buona dose di semplici noci (ricordiamo un frutto estremamente prezioso che non dovrebbe mani manca nelle tavole quotidiane seppur in basse dosi) si attestava al 28%.

Nel complesso la dieta mediterranea si è rivelata estremamente utile per tutte le persone affette da malattie cardiovascolari, diabete, pressione alta e appunto la sindrome metabolica.

Nella ricerca sono state coinvolte 6.000 persone, uomini e donne, con un rischio evidente di malattie cardiache oltre la metà delle quali con già una diagnosi in atto di sindrome metabolica.
Passato un periodo di cinque anni il 28% di chi aveva seguito la dieta mediterranea ha visto scomparire la sindrome metabolica e contemporaneamente ha ridotto i chili in eccesso e la pancia.

Secondo il ricercatore gli effetti benefici sulla salute sono da attribuire ad alcune sostanze presenti negli ingredienti della dieta mediterranea, primi fra tutti gli acidi grassi monoinsaturi che si trovano nell'olio d'oliva e che fra l'altro consentono di migliorare i livelli di colesterolo e la sensibilità all'insulina.

Fonte: Corriere della Sera – Nutrizionista Carla Favaro

Cucina Mediterranea, Cucina delle Verdure

 cucina medi verdure

 

E’ a partire dai primi anni del secondo dopoguerra che nell’ambito gastronomico la definizione “Mediterranea” ha generato un vortice di ricerche, teorie, tendenze alimentari e aspri dibattiti. Il termine che gli viene più spesso affiancato è “Dieta”, una definizione impropria fonte di molti equivoci e interpretazione storiche, nutrizionali e mediche contrapposte.

 

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

La Cucina per i Bimbi

Luglio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Coinvol...

Dove va il cibo? Dopo che lo abbiamo man…

Maggio 01, 2003

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non ci ...

Olio: crudo e cotto

Marzo 01, 2012

Le guide di Natura e Salute La multidirezionalità...

Le ricette del mese

Mezzelune friabili ripieni di uva fragol…

08-11-2018 Dolci e Dessert

Ingredienti per 4 persone: 150 g di farina 0, ...

Uva fragola in composta con miele profum…

03-11-2018 Conserve e Salse

Ingredienti per 4 persone: 200 g di uva fragola...

Zuppa cremosa di mais e fagioli al peper…

30-10-2018 Minestre e Zuppe

Ingredienti per 4 persone: 100 g di fagioli bay...

banner