Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Oct 17, 2018 Last Updated 9:13 AM, Oct 13, 2018

Cottura e conservazione della pasta

Pubblicato in La pasta fresca
Letto 1933 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto

La cottura finale di qualsiasi pasta fresca deve avvenire in acqua molto abbondante e già salata pena il pericolo di ammassare a far attaccare insieme la pasta pronta. Inoltre una quantità bassa di acqua viene raffreddata con più facilità dalla massa da cuocere e riprende con fatica il bollore contribuendo a una errata cottura.

Nel caso di formati lunghi e stretti può essere di una qualche utilità versare nell'acqua bollente alcune cucchiaiate di olio, il tempo medio è di 3-5 minuti a seconda dello spessore della sfoglia e del tipo di impasto, i formati di gnocchi a base di farine hanno, invece, bisogno di un tempo quasi doppio.

Le paste fresche tendono ad assorbire molto le salse di accompagnamento, per questo motivo è consigliabile scolare la pasta non lasciandola asciutta o conservare un poco dell'acqua di cottura per riequilibrare la consistenza nel momento in cui si mescola alla salsa.

la-pasta-fatta-in-casaPer la conservazione l'impasto pronto da stendere o lavorare può essere conservato in frigorifero per un massimo di 2 giorni.
Per una maggiore durata è consigliabile stendere la pasta (soprattutto quella all'uovo) in sfoglie, separare i vari strati con fogli di carta da forno e riporla in congelatore, quando occorre basterà lasciare scongelare il numero di sfoglie necessario e provvedere al taglio finale.

Gli gnocchi di patate hanno una conservazione a crudo molto limitata e vanno consumati subito, in alternativa possono essere sbollentati, raffreddati e congelati.

Per non rischiare di rompere la forma delle paste ripiene come i ravioli è preferibile stendere i singoli pezzi in vassoi, congelarli così stesi e solo successivamente metterli in sacchetti per alimenti.
Analoga procedura va seguita per i gnocchi pronti a base di farine o quelli a base di ricotta.

Per maggiori informazioni e schede più dettagliate consultare il libro "La pasta fatta in casa "

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Ipertensione: curarla a tavola

Aprile 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il ruol...

Pesce e Verdure

Agosto 01, 2006

Un'unione gustosa e salutare Descrizione: 28 pes...

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

Le ricette del mese

Torta di mele con farina di azuki e cann…

13-10-2018 Dolci e Dessert

Ingredienti per 4-6 persone: 1 uovo grande, 50...

Salsa di fave secche, funghi e timo

12-10-2018 Conserve e Salse

Ingredienti per 4 persone: 150 g di fave secche...

Crespelle con farina di lenticchie e rip…

05-10-2018 Primi

Ingredienti per 4 persone 3 uova, 120 g di far...

banner