Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Dec 12, 2019 Last Updated 11:10 AM, Dec 11, 2019
Pubblicato in Naturalmente dolci
Letto 101 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Probabilmente la sostanza dolce di più antico uso come dimostrano le preparazioni di pasticceria di più lontana datazione il miele è ancora oggi un elemento molto valido in cucina e che può tornare estremamente utile in molti casi se si ha la saggezza di dosarne a dovere la presenza.

Il suo eccellente profilo organolettico è dovuto in particolare alle innumerevoli varietà che è possibile far produrre dalle api e a seconda delle stagioni dell’anno trovare sul mercato, una caleidoscopio di sapori e profumi che non ha eguali nel mondo dei dolcificanti.

Se pensiamo a due estremi di esempio come il miele di acacia e quello di castagno comprendiamo molto bene quanto siano estesi i sentori che i mieli possono portare in positivo alle ricette e come sia estremamente interessante abbinare le varietà di mieli con i prodotti da cui sono stati ricavati in origine.

Miele d'agrumi o arancio con i relativi frutti, miele di castagno con la farina ricavata dal frutto, miele di timo con la corrispondente erba aromatica in piatti salati e dolci molto intriganti e coinvolgenti e così continuando a lungo.

Nell'uso pratico ciò che conta sapere è che un po' come avviene per gli sciroppi di cereali il miele ha una componente liquida (circa il 17% ) di cui tenere conto nella formulazione di un piatto, anche se rispetto agli sciroppi il suo potere dolcificante è maggiore.

Negli impasti dolci di pasticceria il miele apporta una maggiore morbidezza complessiva e riesce a conservare meglio l’umidità dei prodotti cotti limitando il caratteristico sbriciolamento che può avvenire quando si usa il normale zucchero.

Nelle preparazioni lievitate salate alla stregua dei malti il miele aiuta in maniera sostanziale la lievitazione costituendo un nutrimento di elezione per i lieviti, conferisce però allo stesso tempo una maggiore aromaticità di cui bisogna tenere conto per non influenzare in maniera eccessiva il sapore finale del prodotto realizzato.

Riguardo alla cottura in forno il miele aumenta di un poco i tempi di realizzo finali per cui è consigliabile mantenere un calore più basso, anche per evitare una doratura troppo spinta dovuta alla più rapida caramellizzazione.

Tra i dolcificanti il miele è quello che maggiormente si presta ad esaltare le preparazioni salate di cucina e in particolare le salse agrodolci che si avvantaggiano anche della sua ottima capacità di emulsionare e tenere insieme i condimenti classici come l'olio, l'aceto e il limone.

Ultimi articoli

Spirulina, un aiuto contro l'ipertensione

Spirulina, un aiuto contro l'ipertension…

04-12-2019 Ipertensione

La spirulina è un alga conosciuta da molti secoli...

Giornata mondiale del diabete 2019

Giornata mondiale del diabete 2019

14-11-2019 Diabete

Oggi 14 novembre si celebra la Giornata mondiale d...

Dieta e cucina mediterranea, attenzione a seguire il vero modello!

Dieta e cucina mediterranea, attenzione …

12-11-2019 Cucina Mediterranea

Non si contano gli studi che nell’arco degli ult...

Libri in Primo Piano

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Chicchi nuovi e antichi in cucina

Ottobre 01, 2016

Le guide di Natura e Salute La riscossa dei cerea...

La pasta fatta in casa

La pasta fatta in casa

Ottobre 01, 2013

Le guide di Natura e Salute La pasta fresca emble...

Le ricette del mese

Vellutata viola con profumo di alloro, crostini e semi di canapa

Vellutata viola con profumo di alloro, c…

11-12-2019 Minestre e Zuppe

Ingredienti per 4 persone circa: 2 cipolle ross...

Tortini ai porri e mandorle con cavolfiore alla curcuma e salsa viola

Tortini ai porri e mandorle con cavolfio…

03-12-2019 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 4 piccoli porri, 1 ...

Farro con lenticchie, verza e nocciole

Farro con lenticchie, verza e nocciole

27-11-2019 Primi

Ingredienti per 4 persone: 4 foglie di verza, ...

Invito alla Lettura

In forma dopo il parto

In forma dopo il parto

15-05-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Natura e Salute Ciò che mangiamo ci riguarda sem...

Un libro pieno d'amore, per l'olio

Un libro pieno d'amore, per l'olio

03-05-2015 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Un prezioso e imperdibile testo per tutti gli aman...