Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aug 08, 2020 Last Updated 10:18 AM, Aug 7, 2020

Il Cardamomo è una delle spezie indiane o spezie orientali più profumate e intense in assoluto, una minima dose riesce ad aromatizzare grandi quantità di cibo, si ritiene che il nome possa derivare dai monti Cardamomi in Cambogia, dove la pianta cresce allo stato spontaneo.

Se in India è considerato il re delle spezie e gli arabi lo usano per aromatizzare il caffè e rendere la bevanda ancora più intrigante, sorprende forse sapere che nei paesi Scandinavi se ne fa un largo uso in cucina, in particolare per insaporire e profumare il pane, numerosi dolci, alcuni tipi di salsicce e il bitter.

Un aspetto intrigante che dovrebbe farci riflettere su come gli insaporitori naturali non hanno confini e frontiere, gli unici ostacoli alla loro diffusione sono la fantasia e la voglia di creare e scoprire nuovi accostamenti.

Dal punto di vista botanico il cardamomo è il seme di una pianta perenne della famiglia dello zenzero, un arbusto in parte simile alle nostre canne con larghe foglie a forma di lancia che cresce spontaneo o è coltivato nelle piantagioni delle foreste tropicali.

Si presenta come piccole capsule di colore bianco, marrone o verde a seconda delle varietà, al cui interno sono presenti dei semi nerastri in numero variabile.

Ha un fresco e inebriante profumo di eucalipto misto a limone, sapore pungente, fresco, dolce e penetrante, che ricorda parzialmente quello della canfora.

Spezia estremamente versatile ottima per la preparazione del pane, legumi di ogni genere, zucche, zucchine, patate, riso, carni bianche, miscugli di spezie stile curry, dolci e dessert di frutta, gelati, pasticcini, creme al cioccolato e caffè.

Pur dovendo tener presente il suo particolare profilo organolettico di fatto non ha particolari controindicazioni e si accompagna bene con altre spezie come cannella, zenzero, cumino, curcuma, coriandolo e frutta secca in guscio come mandorle e nocciole.

Non è una spezia particolarmente economica e per questo motivo bisogna ottimizzarne l’uso, da evitare in assoluto la versione in polvere che perde rapidamente il suo aroma, meglio preferire capsule intere nella varietà verde, dal più favorevole rapporto qualità prezzo.

Una volta aperte le capsule i semini interni possono essere usati interi o ridotti in polvere con l’aiuto di un macina spezie, rilascia gradualmente tutte le sue essenze e per questo motivo si aggiunge a inizio cottura, intero quando si preparano legumi, cereali, ortaggi interi o a grossi pezzi, macinato quando serve insaporire impasti farinacei, dolci, salse e condimenti.

Per conservarlo meglio riporlo in barattoli di vetro scuro, barattoli di latta con coperchio o sacchetti di carta, lontano da umidità e calore.

Profilo organolettico in breve

  • Caratteristiche: piccole capsule di colore bianco, marrone o verde con all’interno semi nerastri in numero variabile.
  • Aroma: fresco e inebriante di eucalipto misto a limone, pungente, fresco, dolce e penetrante.
  • Uso: rilascia gradualmente tutte le sue essenze, aggiungerla a inizio cottura intera o macinata.
  • Abbinamento: spezia molto versatile ottima in panificazione, per cuocere legumi, cereali, molte varietà di ortaggi e squisiti dessert.

 Assaporate il suo aroma in queste ricette

Ingredienti per 4 persone

  • 4 semi di cardamomo,
  • 4 chiodi di garofano,
  • 2-3 rametti di prezzemolo,
  • 1 cucchiaino di pepe in grani,
  • 300 g di couscous precotto,
  • 6 pomodori medio grandi maturi,
  • 20 grandi foglie di menta,
  • 4 carote,
  • 4 cipolle,
  • 4 foglie di alloro,
  • 1-2 cucchiai di zucchero,
  • 2 zucchine,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 50 g di uvetta,
  • aceto,
  • cannella,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Parlando di lenticchie l’associazione immediata è con i preziosi legumi e subito dopo con le fondamentali proteine vegetali che rispetto a quelle animali sono in assoluto da preferire.

Le lenticchie nelle ricette proteiche all’interno dei secondi piatti recitano sempre un ruolo di primo piano, sono per lo più secondi piatti sfiziosi che meritano grande attenzione e riescono a soddisfare pienamente una dieta sana rispettando i canoni di un alimentazione corretta.

Ne è un esempio questa nostra proposta dove le lenticchie diventano un goloso tortino accompagnato dalla sempre ottima scarola e da una speciale salsa speziata!

Ingredienti per 4 persone:

  • ½ cespo circa di scarola,
  • 400 g circa di lenticchie di Colfiorito già lessate,
  • 1 cipolla medio piccola,
  • 2 spicchi d'aglio,
  • 1 rametto di rosmarino fresco,
  • 4 uova,
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 500 g di ricotta fresca,
  • 1 cucchiaio di pinoli,
  • cannella,
  • cardamomo,
  • noce moscata e zenzero in polvere,
  • 100 ml circa di latte,
  • poco burro e farina di mais,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare con cura e affettare finemente la scarola, sbucciare la cipolla e l'aglio e tritarli finemente insieme al rosmarino sfogliato, rosolarli in una padella insieme a 2-3 cucchiai di olio per 10 minuti circa a fuoco basso, unire prima la scarola e dopo pochi minuti le lenticchie cotte, cuocere per 10 minuti circa.
  2. Sbattere le uova con il parmigiano, il pepe e un pizzico di sale, aggiungere 350 g circa di ricotta e dopo averla amalgamata scarola e lenticchie intiepidite.
  3. Mettere il composto in uno stampo da plumcake da 20x10 cm circa di diametro imburrato e cosparso di farina di mais, cuocere nel forno caldo a 160 gradi per almeno 30 minuti.
  4. Nel frattempo in un mortaio pestare i pinoli con un pizzico di cannella, cardamomo, noce moscata e zenzero in polvere regolando le spezie secondo i propri gusti, frullare la ricotta rimasta con il latte fino a creare una salsina da profumare con la polvere speziata e scaldare.
  5. Lasciare consolidare a temperatura ambiente per 10 minuti circa il tortino, tagliarlo a fette e servirlo con la cremina speziata.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 semi di cardamomo,
  • 300 g di riso basmati,
  • 60 g di nocciole sgusciate e tostate,
  • 7-800 g circa di cavolo romanesco,
  • 1 cucchiaino raso di maggiorana secca,
  • 1 cucchiaino di buccia di arancia grattugiata,
  • coriandolo in grani,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Ingredienti per 8 persone:

  • 100 ml di aceto bianco,
  • 100 ml di acqua,
  • 80 g di zucchero,
  • 4 foglie di alloro,
  • 1 cipolla,
  • ½ cucchiaino di semi di finocchio,
  • 4 semi di cardamomo,
  • 8 carote medie,
  • 4 spicchi d'aglio,
  • 1 peperoncino,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Portare ad ebollizione l'aceto insieme allo zucchero, l'acqua, l'alloro, la cipolla sbucciata e affettata finemente, i semi di finocchio e quello di cardamomo precedentemente aperti, cuocere lentamente per 10 minuti.
  2. Nel frattempo pelare le carote, tagliarle in piccoli cubetti e scottarle a vapore per 5 minuti, sbucciare l'aglio e tritarlo finemente con il peperoncino.
  3. Rosolarlo velocemente in una padella con 3-4 cucchiai d'olio, aggiungere le carote scottate, salare e lasciare insaporire 10 minuti scarsi.
  4. Bagnare con l'infusione di aceto filtrata e continuare la cottura per altri 5 minuti, infine frullare e ridurre in crema grezza.

Ultimi articoli

Orzo cereale antico di sorprendente modernità

Orzo cereale antico di sorprendente mode…

21-07-2020 Mangiare sano

L’orzo è stato uno dei primi cereali ad essere ...

Basilico, la pianta regale per eccellenza

Basilico, la pianta regale per eccellenz…

16-07-2020 Erbe aromatiche

La pianta regale per eccellenza, tale è il signif...

Noci: vero elisir per la pelle

Noci: vero elisir per la pelle

13-06-2020 Mangiare sano

Le noci vantano un lunghissimo elenco di sostanze ...

Libri in Primo Piano

La cucina a basso indice glicemico

La cucina a basso indice glicemico

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Cosa significa seguir...

Cucina a Vapore

Cucina a Vapore

Ottobre 01, 2012

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Possiam...

La Cucina con la Frutta

La Cucina con la Frutta

Maggio 01, 2006

Le guide di Natura e Salute Descrizione: L'impor...

Invito alla Lettura

La saggezza del secondo cervello

La saggezza del secondo cervello

28-11-2016 Invito alla Lettura, i libri consigliati

I due cervelli strettamente collegati con l'alimen...

I colori della salute

I colori della salute

09-09-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Un utile manuale sulla sana alimentazione È un l...

banner