Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Feb 18, 2019 Last Updated 10:23 AM, Feb 16, 2019

Se non in dosi eccessive non bisogna preoccuparsi della presenza di uova nella dieta per chi ha problemi di colesterolo.

Per molto tempo si è creduto che le persone soggette a alti livelli di colesterolo dovessero evitare tassativamente una serie di alimenti ritenuti nocivi, come le uova.

Sul tema colesterolo uova si sono scritte numerose pagine e portate avanti speculazioni a non finire, in moltissimi casi prive di alcun fondamento reale e provato basandosi più che altro su supposizioni, collegamenti, ipotesi, teorie.
Questo sia in ambito medico che puramente divulgativo disorientando molto chi doveva scegliere cosa e come mangiare.

Per fortuna sulle uova negli ultimi anni sono uscite molte e interessanti ricerche che hanno ridimensionato di molto i presunti danni di questo alimento mettendo in luce le sue reali peculiarità alimentari e tracciando una strada chiara e finalmente comprensibile per tutti.

Tutto nasce dal contenuto innato delle uova in colesterolo e dalla erronea equazione fatta da molti "tanto colesterolo nelle uova tanti danni alla salute", dimenticando a priori che il colesterolo di per se non è un veleno ma una sostanza essenziale per il corpo senza la quale ci sarebbero serie conseguenze vitali.

Uova delicate con salsina di pomodorini e formaggio 700x500 CSPer altro il cibo non è l'unico modo di introdurre colesterolo tanto che il nostro intelligente organismo lo produce da se se gli serve smentendo così l'errata convinzione che quello che abbiamo nel sangue sia collegato solo a quello che consumiamo.

Ritornando alle uova un recente studio portato avanti da studiosi del Karolinska Insitutet di Stoccolma ha esaminato una serie di criteri oggettivi valutando quante uova mediamente venivano consumate in Svezia su un campione rappresentativo di ben 38 mila uomini e 33 mila donne.

Oltre al consumo di uova negli stessi soggetti si è osservato il livello di complicazioni e patologie cardiovascolari avvenute nel corso di ben 13 anni, il tutto, infatti, rientrava in altri due più grandi studi nazionali tesi a indagare vari aspetti di vita della popolazione svedese.

I due dati incrociati non hanno mostrato alcuna correlazione tra il consumo di uova e situazioni di pericolo per la salute come l'infarto o l'ictus.

Questo studio conferma le conclusioni di precedenti ricerche concordi sulla necessità di rivedere le errate convinzioni del consumo di uova rispetto all'influenza sul colesterolo e altre funzioni organiche del corpo.

È dunque necessario chiarire come la moderata presenza di uova nella dieta non porta, da un punto di vista nutrizionale, particolari problematiche nella maggioranza delle persone.

L'attenzione va piuttosto riposta sui metodi di cottura e trattamento di questo alimento come di tutti gli alimenti in generale.
A conferma di questo arriva una recente ricerca pubblicata su Food Chemistry in cui si è osservato con chiarezza che uova cotte al forno per 40 minuti a calore troppo spinto (ovviamente in composti elaborati come i classici sformati) arrivano a perdere fino al 60% di vitamina D rispetto a cotture più brevi e con temperature meno alte.

Se quindi si vogliono consumare uova per sentirne pienamente il sapore e assimilare al meglio le sue sostanze nutritive servono tecniche di cottura più attente.

Come quella presente in questa invitante ricetta dove le uova sposano una profumata e squisita salsina rossa di pomodorini!!!

Fonte: Corriere della Sera – Nutrizionista Carla Favaro

La molecola lipidica colesterolo non è una sostanza estranea che invade i tessuti dell'organismo, ma al contrario di quello che si potrebbe essere indotti a pensare è un elemento fondamentale per il buon funzionamento di molti organi, la formazione dei sali biliari, della vitamina D e di molti ormoni, tanto che il corpo ne produce di per se 1-2 grammi al giorno, un quantitativo piccolo solo in apparenza.

Il tutto avviene prevalentemente attraverso il fegato che con il contributo di altri organi contribuisce a produrre circa 2/3 del fabbisogno giornaliero (colesterolo endogeno), mentre il rimanente viene ricavato dagli alimenti (colesterolo esogeno).

prevenire il colesteroloL'eliminazione (parziale) avviene attraverso la bile, la pelle e l'intestino, ma questo meccanismo naturale non garantisce lo smaltimento completo di questa sostanza continuamente prodotta.

Quando è in eccesso succede allora che si accumula nel tessuto adiposo e a lungo andare questo deposito tende a indurire, irritare e infiammare le pareti delle arterie che perdono progressivamente la loro flessibilità, si irrigidiscono e arrivano pericolosamente ad occludersi.

Secondo la Società Europea dell'Arteriosclerosi si ritiene che i valori medi ottimali di colesterolo nel sangue siano di 200/220 mg per 100 ml per l'adulto e 160/180 mg per i bambini, ma è bene ricordare che si tratta di una media da mettere in relazione con molti altri fattori come le percentuali di colesterolo cattivo e buono e il ruolo dei trigliceridi.

 

Per maggiori informazioni e schede più dettagliate consultare il libro "Prevenire il Colesterolo"

Anche se gli studi sono in continua evoluzione, vi siano pareri contrastanti sulla problematica e sia messa in evidenza l'influenza e il condizionamento diretto che le case farmaceutiche esercitano, il colesterolo allo stato attuale è considerato un "osservato speciale" da monitorare con attenzione e, se troppo elevato, riportare a parametri potenzialmente meno problematici.

La strada per fare questo poggia sostanzialmente su due piedistalli fondamentali: l'alimentazione giusta e la corretta attività fisica.
Per completezza bisogna aggiungere che per fare in modo che il colesterolo non sia un elemento drammaticamente determinante per il peggiorare delle condizioni di salute in relazione ai fattori di aumento del rischio cardiovascolare esiste un terzo importante piedistallo, ovvero l'eliminazione degli altri fattori destabilizzanti come fumo, obesità e ipertensione.

prevenire il colesteroloL'alimentazione in questa ottica può svolgere due ruoli essenziali: fare in modo di controllare meglio la naturale produzione di colesterolo da parte dell'organismo tramite la scelta di un opportuno regime alimentare; selezionare e escludere alla fonte quegli alimenti che contengono troppo colesterolo in favore di quelli che ne contengono poco o nulla.

All'opzione farmaco si dovrebbe arrivare solo quando tutte le altre strade correttive intraprese non hanno portato ad alcun risultato valido o in presenza di una condizione fisica complessiva compromessa e la persistenza di altri fattori di rischio cardiovascolare.

Per maggiori informazioni e schede più dettagliate consultare il libro "Prevenire il Colesterolo"

Consumare mele con le loro preziose pectine aiuta a diminuire i livelli di colesterolo cattivo. 

Ci sono molti alimenti che possono aiutare l'organismo a contenere i livelli di colesterolo portando a diminuire il livello di quello più dannoso, definito spesso cattivo e conosciuto con la sigla LDL.
E spesso lo stesso alimento non si limita a diminuire il cattivo, ma aiuta anche ad aumentare la presenza di quello definito buono siglato HDL.

Uno di questi alimenti, per altro gustoso e consigliabile da consumare sempre a prescindere dia livelli di colesterolo, è la mela che è stata oggetto di un particolare studio condotto dalla Florida State University.

La chiave di tutto sono probabilmente le pectine che come altre ricerche hanno confermato fanno parte di quella massa di fibre solubili che hanno potenti effetti positivi su molti meccanismi interni dell'organismo.
E le mele sono ricche di pectine come del resto di tante Vitamine e Sali minerali, per cui con l'approssimarsi della nuova stagione di raccolta converrà farne un'ampia scorta.

Nello studio sono state coinvolte 160 donne fra i 45 e i 65 anni, a un primo gruppo sono state fatte consumare 75 g di mele secche al giorno, a un secondo gruppo lo stesso peso di prugne secche.
Tutto questo per un periodo di almeno 6 mesi superato il quale sono state controllate attraverso esami di accertamento sui livelli di colesterolo nel sangue.
Chi aveva consumato la razione di mele (in termini di frutta fresca 1-2 mele al giorno) era riuscito a ridurre il livello del colesterolo LDL del 23% arrivando anche a perdere peso malgrado teoricamente avessero assunto una discreta razione di calorie in più tramite le mele.

Perdita di peso che sembra sia dovuta ancora una volta alle pectine che aumentando il senso di sazietà bloccano gli stimoli della fame aiutata in questo anche dalle fibre presenti nelle mele in particolare se consumate con la buccia accertandosi prima, come è ovvio, che arrivino da coltivazioni biologiche.

Ecco una ricetta per consumare con gusto le mele

Un consumo continuativo mensile di fragole migliora le funzionalità cardiovascolari, riduce lo stress ossidativo e potenzia la funzionalità piastrinica.

Un frutto spesso poco considerato dal punto di vista della salute è balzato di recente agli onori delle cronache per alcune spiccate capacità anti colesterolo.
Parliamo delle fragole, le golose e rosse fragole che fanno la gioia in cucina di molti anche se spesso vengono "sprecate" con un'aggiunta spropositata di dolcificanti e grassi, quasi sempre l'onnipresente e devastante panna montata.

Dell'importanza di consumarle il più possibile allo stato naturale o per lo meno non sommerse da altre sostanze "poco utili e opportune" per l'organismo (è sufficiente un buon equilibrio tra dolcificanti e aromi naturali stimolanti il sapore di partenza delle fragole) ci aiuta a ricordarlo e ribadirlo una recente ricerca.

Nata dalla collaborazione tra un team di scienziati italiani e spagnoli, l'Università Politecnica delle Marche insieme all'Università di Salamanca, e pubblicata sul Journal of Nutritional Biochemistry, mette in evidenza come questo frutto può portare a un concreto beneficio sul controllo del colesterolo con un influenza diretta rispetto alle patologie che ne sono collegate.

Per quanto non ci sia ancora una chiarezza di fondo sembra che gli effetti benefici siano principalmente da attribuire alle antocianine, i pigmenti che danno il colore a questo frutto, sostanze più volte messe al centro dell'attenzione grazie al loro forte potere antiossidante.

Nello specifico gli studiosi hanno lasciato consumare per un mese a 23 volontari in buona salute una specifica dieta che comprendeva giornalmente la presenza di 500 g di fragole fresche.
Sono poi stati eseguiti dei normali esami del sangue, il primo antecedente al periodo di dieta specifica, il secondo subito dopo.
Il risultato è stato una riduzione significativa della quantità totale di colesterolo, di lipoproteine a bassa densità (LDL, colesterolo cattivo) e di trigliceridi rispettivamente diminuiti dell' 8,78 %, 13,72% e al 20,8 %.

Allo stesso tempo la lipoproteina ad alta densità (HDL, colesterolo buono) è rimasta stabile e c'è stato un miglioramento del profilo lipidico generale, dei biomarker degli antiossidanti, della funzionalità piastrinica e delle difese antiemolitiche.

Benefici globali che però si mantengono solo con un consumo continuo di questi frutti, cosa impossibile vista la loro naturale stagionalità anche se purtroppo sono in commercio tutto l'anno.
Ma piuttosto che consumare finte fragole gonfiate d'acqua fuori stagione con il loro carico di veleni chimici è più saggio variare la propria dieta consumando sempre il più alto numero di porzioni di frutta di stagione.

Il "problema" colesterolo e il ruolo alimentare

 colesterolo cat

 

Anche se gli studi sono in continua evoluzione, vi siano pareri contrastanti sulla problematica e sia messa in evidenza l'influenza e il condizionamento diretto che le case farmaceutiche esercitano, il colesterolo allo stato attuale è considerato un "osservato speciale" da monitorare con attenzione e, se troppo elevato, riportare a parametri potenzialmente meno problematici.

 

Ultimi articoli

Alimentazione e aumento dei casi di cancro del colon-retto nei giovani Americani

Alimentazione e aumento dei casi di canc…

17-09-2018 Tumori

Negli Stati Uniti il preoccupante aumento della co...

L’evoluzione del percorso per una cucina a crudo

L’evoluzione del percorso per una cuci…

08-09-2018 Cucina e condimenti a Crudo

Proseguendo nel percorso di esplorazione di una st...

La frittura nelle sua veste corretta

La frittura nelle sua veste corretta

06-09-2018 Friggere bene

Con la frittura siamo di fronte alla cottura forse...

Libri in Primo Piano

Olio: crudo e cotto

Olio: crudo e cotto

Marzo 01, 2012

Le guide di Natura e Salute La multidirezionalit...

Cucina mediterranea senza Glutine

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

Ipertensione: curarla a tavola

Ipertensione: curarla a tavola

Aprile 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il ruol...

Le ricette del mese

Polpette di cavolo verza con indivia belga e salsa di pomodoro

Polpette di cavolo verza con indivia bel…

16-02-2019 Secondi

Ingredienti per 4 persone: 5-600 g circa di cav...

Clementine in insalata con radicchio rosso, broccoletti, mandorle e emulsione al pepe rosa

Clementine in insalata con radicchio ros…

13-02-2019 Insalate

Ingredienti per 4 persone: 500 g di broccoletti...

Crema densa di lenticchie rosse con tisana di finocchietto e cavolo nero

Crema densa di lenticchie rosse con tisa…

11-02-2019 Minestre e Zuppe

Ingredienti per 4 persone 2 cucchiai di semi di...

banner