Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jun 17, 2021 Last Updated 12:00 AM, Sep 16, 2021

Un impasto particolare ci curiosi gnocchetti con la salutare e colorata barbabietola si armonizza al meglio con un gustoso brodo vegetale che raccomandiamo sia il più intenso possibile per creare il giusto contrasto.

Oltre alla barbabietola una particolarità di questi gnocchetti è che vengono legati insieme dagli ottimi semi di lino che qui svolgono un azione più meccanica che salutistica, per esaltare quest’ultima molto meglio è unirli a fine preparazione alla minestra dopo averli macinati o pestati.

Ma non dobbiamo dimenticare che a livello di benessere in questa ricetta possiamo contare sulla fantastica curcuma, mentre l’insieme della preparazione è senza glutine e con un discreto carico di altri elementi di salute!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 cucchiaio di semi di lino,
  • 50 g di barbabietola lessata,
  • 300 g di patate a pasta bianca,
  • 75 g di farina di riso,
  • 25 g di farina di sorgo,
  • 25 g di farina di grano saraceno,
  • 1 l circa di brodo vegetale intenso,
  • 1 cucchiaino raso di curcuma in polvere,
  • 1 cucchiaino di semi di sesamo nero,
  • noce moscata,
  • pepe nero,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Pestare, frullare o macinare i semi di lino mescolandoli in un bicchiere con 50 ml di acqua e lasciare riposare almeno 20 minuti, nel frattempo tagliare la barbabietola in piccoli pezzi, sbucciare le patate, lavarle, tagliarle a spicchi e cuocerle a vapore per 15 minuti circa fino a renderle tenere.
  2. Frullare finemente i semi di lino riposati con la barbabietola fino a ottenere una crema, mescolare le tre farine insieme e impastarle con la crema viola, una macinata di noce moscata e un pizzico di sale fino a ottenere un impasto uniforme, se necessario versare poca acqua.
  3. Dividere l'impasto in piccoli pezzi, arrotolarli sul tavolo dandogli la forma di un grissino, tagliarli in piccole fette e disporli ben infarinate in un vassoio.
  4. Portare a bollore il brodo pronto insieme alla curcuma mescolata prima con 2 cucchiai di olio e un pizzico di pepe nero, aggiungere le patate a vapore e frullare fino a ottenere una crema fluida da regolare di sale.
  5. Lessare le chicche viola in abbondante acqua bollente salata per 4-5 minuti, scolarle e condirle con poco olio, distribuire la crema dorata nelle fondine, adagiarvi sopra le chicche e decorare con i semi di sesamo nero.

Ingredienti per 4 persone:

  • 40 g di zenzero fresco,
  • 1 limone,
  • 1 mela piccola o ½ mela preferibilmente verde,
  • 2 cucchiai di miele o altro dolcificante,
  • 4-5 cucchiai d'olio extravergine d'oliva,
  • 150 g di rucola,
  • 2 cespi di radicchio rosso,
  • 200 g di pomodorini,
  • 2-3 cucchiai di semi di lino,
  • 2-3 cucchiai di mandorle in scaglie,
  • sale

Preparazione

  1. Grattugiare lo zenzero, sbucciare la mela, dividerla in 4 parti eliminando i semi interni, affettarla e condirla subito con il succo del limone.
  2. Mettere la mela, lo zenzero, il dolcificante, un pizzico di sale e l'olio in un frullatore, frullare velocemente il tutto fino a ottenere una fluida salsina da regolare di sale.
  3. Mondare con cura la rucola e il radicchio rosso, lavarli e affettarli o spezzettarli non troppo finemente mescolandoli insieme e disponendoli nei piatti.
  4. Lavare i pomodorini e tagliarli a spicchi, a propria scelta tostare molto leggermente le scaglie di mandorle in un pentolino a calore basso per pochi minuti.
  5. Aggiungere pomodorini e scaglie di mandorle all'insalata di base, mettere nel mezzo il condimento agrodolce e completare con i semi di lino macinati al momento.
I semi di lino non devono mai mancare nella propria dispensa di cucina, i contributi alla salute sono notevoli, arricchiscono molte ricette di cucina completando al meglio con fibre e sani grassi preziosi molte preparazioni. Vi suggeriamo un goloso uso in una buona macedonia del benessere!

Quelli di lino sono tra i semi più utili all’organismo in quanto ricchi di elementi con funzione preventiva, oltre a sali minerali e in particolare fosforo, rame, magnesio e manganese, fibre abbondanti, preziose mucillagini e diverse sostanze dotate di proprietà antiossidanti efficaci contro i radicali liberi.

Tra i tanti meriti sono anche una delle fonti principali di acidi grassi Omega 3 che nell’alimentazione moderna spesso scarseggiano se non curata con attenzione, la loro presenza e assunzione nella dieta ritorna utile per regolarizzare molti parametri vitali dell’organismo come i livelli di colesterolo nel sangue.

Ancora più interessanti sono alcuni recenti studi che mettono in relazione il loro abituale consumo con una capacità di prevenzione rispetto a diverse forme di tumori, senza dimenticare gli utili effetti contro stipsi e cistite l’influenza positiva sulla salute dei capelli.

In commercio si trovano due varietà di semi di lino, chiari o dorati tendenzialmente più grassi e con uso in cucina relativamente più performante e scuri o marroni ugualmente validi.

Dal punto di vista organolettico il sapore tende vagamente alle nocciola, il modo più semplice e efficace di usarli è macinarli solo poco prima dell’utilizzo e destinarli ad arricchire le ricette.

È quindi possibile macinarli direttamente nel piatto del giorno pronto in tavola, aggiungerli a porzioni di yogurt o kefir consumati al mattino o negli spuntini, unirli in maniera molto interessante e sinergica nell’impasto del pane.

E ancora completare al meglio le insalate semplici e composte, caricare di preziose sostanze le comuni frittate di uova o quelle alternative a base di farina di ceci, comparire alla fine nelle zuppe al posto dell’abusato formaggio o pepe, dare un tocco originale nell’impasto delle crespelle, piuttosto che in quello dei gnocchi di patate e negli impasti di pasta fresca in generale.

Sono anche ottimi nelle impanature esterne e nelle farce interne, per rendere il pesce ancora più ricco di Omega 3 o per valorizzare moltissimi ortaggi di stagione.

A sorpresa poi si sposano a meraviglia anche con una macedonia fresca a base di frutta di stagione di cui vi lasciamo un utile, sana e golosa traccia.

Preparate una macedonia con arance, mandarini e pompelmi tagliati a cubetti, profumateli con una macinata di cannella o vaniglia o zenzero per un tocco più esotico, addolcite la frutta lievemente con poco sciroppo d'acero (ma solo perché sono agrumi, se usate frutta più dolce si può anche evitare) e completate con dei semi di lino macinati insieme a una manciata di noci sgusciate al momento e tritate grossolanamente.

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 patate medie a pasta bianca,
  • 2 cipolle bianche,
  • 4 foglie di alloro,
  • ½ l di latte scremato,
  • 2 cucchiai circa di scaglie di mandorle,
  • 4 cucchiai circa di semi di lino macinati,
  • pepe bianco,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di spinaci freschi,
  • 150 g di ricotta affumicata,
  • 200 g di farina di segale,
  • 2 uova,
  • mix di lino, girasole, zucca, sesamo e bacche di goji,
  • canapa sgusciata,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Ultimi articoli

I profumi euforici dell’ottima noce moscata

I profumi euforici dell’ottima noce mo…

10-06-2021 Spezie

Imbrigliata allo stato naturale nella sua caratter...

Scarola quanto sei buona, tutti i pregi a tavola di questa eccellente indivia!

Scarola quanto sei buona, tutti i pregi …

09-06-2021 Mangiare sano

Una delle migliori verdure a foglia verde in assol...

La preziosa menta tra mito e profumati vantaggi aromatici in cucina

La preziosa menta tra mito e profumati v…

17-05-2021 Erbe aromatiche

La leggenda più diffusa e conosciuta racconta del...

Libri in Primo Piano

Ipertensione: curarla a tavola

Ipertensione: curarla a tavola

Aprile 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il ruol...

I dolori Reumatici

I dolori Reumatici

Novembre 01, 2006

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Disturb...

Dove va il cibo? Dopo che lo abbiamo mangiato

Dove va il cibo? Dopo che lo abbiamo man…

Maggio 01, 2003

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non ci ...

Invito alla Lettura

Buone, belle e naturali

Buone, belle e naturali

02-08-2014 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le preziose ricette di Cucina Naturale.  &nbs...

Gestire il (poco) tempo in cucina

Gestire il (poco) tempo in cucina

13-11-2013 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Un libro che affronta con praticità la mezz'ora c...

banner