Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Mar 29, 2020 Last Updated 10:58 AM, Mar 26, 2020

L’alloro tanto caro al dio Apollo e indispensabile nell’angolo delle erbe aromatiche in cucina

Pubblicato in Erbe aromatiche
Letto 151 volte
Vota questo articolo
(3 Voti)
Etichettato sotto

Tra le belle piante aromatiche tipicamente mediterranee spicca l’albero dell’alloro che una volta introdotto in Europa dall'Asia Minore nei tempi antichi ha avuto subito in Grecia fama e notorietà divenendo protagonista di una delle più note leggende mitologiche incentrate sul dio Apollo.

Resa a lui sacra è poi passata a incoronare eroi e personaggi illustri delle arti e della società fino ad arrivare ai giorni nostri dove da essa trae origine la parola laureati.

L’alloro è ampiamente diffuso in tutta Europa sia coltivato che spontaneo come spesso succede nelle regioni mediterranee dove esistono veri e propri boschi di alloro.

Appartenente alla famiglia delle Lauracee presenta foglie lanceolate con bordo ondulato di colore lucido verde intenso, fiori primaverili giallognoli raccolti a ombrella, frutto a forma di bacca tonda verde e nero-bluastro, altezza massima di 10 metri.

Le foglie hanno un sapore tendente lievemente all’amaro e dal gusto piacevolmente pungente con profumo intenso e gradevole che si sprigiona in cottura, viene usato in numerosi piatti, in particolare per insaporire al meglio brodi, condimenti, marinate, salse, zuppe e minestre, piatti di pesce e carne, dessert e creme dolci.

Si trova facilmente nei negozi allo stato fresco nel reparto delle erbe aromatiche in forma di foglie intere, allo stato secco è spesso venduto frantumato con sapore sminuito e fastidioso sentore amaro, possibilmente da evitare.

Cresce facilmente e senza problemi anche in grossi vasi e le foglie, essendo un sempreverde, si possono staccare in tutti i periodi dell’anno, tenendo presente che quelle fresche hanno un sapore più forte e intenso rispetto a quelle secche.

L’alloro sprigiona i suoi migliori aromi in cottura o nelle marinate, dove cioè gli si concede il tempo di rimanere a contatto con gli alimenti a lungo, possiede anche un interessante sapidità molto utile quando si vuole diminuire la dose di sale nei piatti.

Per una conservazione ottimale, se non è possibile raccoglierlo fresco di volta in volta, si fanno seccare le foglie all’ombra in luoghi possibilmente ventilati e quando pronte si conservano in sacchetti di carta, quelle fresche resistono in frigorifero, avvolte da un panno umido, per un massimo di 3-4 giorni circa.

Ha anche interessanti proprietà curative, prima fra tutte una efficace azione calmante e rilassante, stimola l’appetito, aiuta la digestione, combatte i dolori di stomaco e l'inappetenza.

Attenzione: se raccolto in natura prestare molta attenzione e non confonderlo con le foglie, simili ma tossiche, del lauroceraso o dell'oleandro.

Profilo organolettico in breve

  • Caratteristiche: foglie lanceolate con bordo ondulato di colore lucido verde intenso, fiori primaverili giallognoli, frutti a forma di bacca scura, altezza massima di 10 metri.
  • Aroma: il sapore delle foglie è molto caratteristico e tende lievemente all’amaro con sentori piacevolmente pungenti.
  • Uso: il gradevole e intenso profumo si sprigiona soprattutto in cottura o nelle marinate, dove cioè gli si concede il tempo di rimanere a contatto con gli alimenti a lungo.
  • Abbinamento: E’ usato in numerosi piatti, in particolare per insaporire al meglio brodi, condimenti, marinate, salse, zuppe e minestre, piatti di pesce e carne, dessert e creme dolci.

 Assaporate il suo aroma in queste ricette

Ultimi articoli

Rosmarino, la “rugiada del mare” celebrata dai poeti dall’anima fortemente mediterranea

Rosmarino, la “rugiada del mare” cel…

24-03-2020 Erbe aromatiche

La “rugiada del mare” come poeticamente chiama...

Ipertensione, Covid-19 e sale

Ipertensione, Covid-19 e sale

23-03-2020 Ipertensione

Tra i fattori predisponenti l’aggravamento dei s...

Pasta integrale e moderna cucina della salute

Pasta integrale e moderna cucina della s…

17-03-2020 Alimentazione

La pasta integrale ha raggiunto un livello qualita...

Libri in Primo Piano

Cucina a Vapore

Cucina a Vapore

Ottobre 01, 2012

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Possiam...

Dove va il cibo? Dopo che lo abbiamo mangiato

Dove va il cibo? Dopo che lo abbiamo man…

Maggio 01, 2003

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non ci ...

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Le ricette del mese

Sformatini agrumati di catalogna con olio profumato all'arancia

Sformatini agrumati di catalogna con oli…

14-03-2020 Secondi

Ricetta presente nel nuovo e imperdibile libro del...

Indivia scarola alle olive e arancia con carpaccio di funghi all’erba cipollina in olio

Indivia scarola alle olive e arancia con…

14-03-2020 Antipasti

Ricetta presente nel nuovo e imperdibile libro del...

Riso rosso ai ceci con dressing ai carciofi

Riso rosso ai ceci con dressing ai carci…

10-03-2020 Primi

Un ottima combinazione da primo piatto in cui uno ...

Invito alla Lettura

Prevenire l'osteoporosi

Prevenire l'osteoporosi

12-02-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Le guide di Natura e Salute Argomento molto dibat...

Pasticceria naturale e macrobiotica

Pasticceria naturale e macrobiotica

04-05-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

150 ricette di dolci e leccornie da tutto il mondo...