Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jan 17, 2022 Last Updated 9:35 AM, Jan 17, 2022

Il sale? Riducetelo, i piatti saranno buoni lo stesso!!!

Pubblicato in Ipertensione
Letto 199 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
Gli effetti estremamente positivi della riduzione di sale sulle patologie cardiovascolari e sull’ipertensione è una certezza verso cui si cerca di spingere sempre più sapendo che insieme alla salute si può tutelare benissimo anche il gusto a tavola!!!

L’incidenza del sale sulla salute cardiovascolare e in particolare sull’incidenza dell’ipertensione continua a essere sottolineato da molte ricerche che ormai da lungo tempo avvertono delle grammature assolutamente sovrabbondanti consumate normalmente dalla popolazione.

Le iniziative di contrasto al fenomeno sono molteplici, tra le tante ormai storiche segnaliamo quella del governo inglese che preoccupato dalle conseguenze sanitarie negative e onerose per la collettività ha provato a varare un articolato programma di stimolazione alla riduzione del sale.

Così la locale agenzia che si occupa di cibo e sana alimentazione ha stretto un’importante accordo formale con i principali attori dell’industria alimentare per la riduzione di sale in oltre 85 categorie di alimenti.

Un impegno considerevole da parte delle aziende che hanno dovuto riformulare la composizione alimentare dei loro prodotti degli alimenti cambiando l’etichettatura e promuovendone la diversa fisionomia attraverso campagne pubblicitarie.

Ma quanto è stato efficace questo sforzo collettivo tra governo e industria alimentare?

Hanno cercato di rispondere alla domanda i ricercatori della Queen Mary University di Londra pubblicando le loro conclusioni sulla rivista specializzata “Hypertension”.

Monitorando i dati riguardanti il periodo 2000-2018 si è osservato come il consumo di sale in Inghilterra si è ridotto del 15 per cento passando dai 9,38 grammi iniziali agli 8,38 grammi quotidiani.

Un dato che se confermato anche nei prossimi anni potrebbe portare nel paese entro il 2050 a evitare l’insorgenza di patologie cardiovascolari premature per quasi 200 mila persone.

Dati indubbiamente confortanti, ma ancora poco incisivi in realtà, se la soglia di riduzione arrivasse al contrario a 5 grammi di sale al giorno si potrebbero salvare più del doppio di queste persone e per quanto riguarda la sfera economica si avrebbe un costo in meno a carico del sistema sanitario inglese di circa 7 miliardi di sterline.

L’esempio dell’Inghilterra deve però far riflettere su un fatto molto importante: siamo di fronte a un’azione di tutela della nostra salute che ognuno di noi può tranquillamente portare avanti da se senza aspettare più di tanto un intervento governativo o per lo meno amplificandone al massimo l’efficacia.

Possiamo fin da subito scegliere prodotti alimentari industriali a forte riduzione di sale leggendo anche semplicemente le percentuali riportate in etichetta, più basse sono più ci possono indirizzare, sempre che l’azienda non abbia già messo bene in evidenza questo suo impegno alimentare positivo.

Ma soprattutto possiamo controllare molto bene da noi le quote di sale nel momento che cuciniamo adottando una serie di gustosi accorgimenti che con un po’ di pazienza e tempo sapranno portarci ad essere molto meno dipendenti a livello sensoriali rispetto al sodio aggiunto agli alimenti e come riportato nel titolo i piatti saranno buoni lo stesso ve lo assicuriamo!!!

Ricordiamo a tale proposito che esiste un eccellente guida che può aiutarci in maniera piacevole ed equilibrata nel seguire questa strada virtuosa, l’ottimo libro sul tema dello Chef Giuseppe Capano!

Verifica e controllo dei valori della pressione arteriosa

 ipertensione cat

 

Il controllo periodico dei valori della pressione arteriosa è la premessa fondamentale per avere consapevolezza e verifica di uno dei parametri base del proprio stato di salute. Come sottolineto nella pagine del libro: "La diagnosi di ipertensione arteriosa viene stabilita dal medico dopo aver rilevato i valori della pressione. Il medico tiene conto esclusivamente dei valori che rimangono elevati dopo una fase di riposo e dopo ripetute misurazioni.

 

Ultimi articoli

La carenza di ferro e altri nutrienti come possibile segnale di un problema con il glutine

La carenza di ferro e altri nutrienti co…

13-01-2022 Celiachia

La carenza di alcuni sali minerali e vitamine potr...

Primi vegetali delle feste 2021, alternative chic e porta fortuna!

Primi vegetali delle feste 2021, alterna…

20-12-2021 Alimentazione

La nostra selezione 2021 di primi piatti che posso...

Rafano, l’ancestrale wasabi Europeo!!

Rafano, l’ancestrale wasabi Europeo!!

15-12-2021 Erbe aromatiche

Il Rafano ha una storia di utilizzo in cucina abba...

Libri in Primo Piano

Friggere bene

Friggere bene

Maggio 01, 2009

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il frit...

La cucina a basso indice glicemico

La cucina a basso indice glicemico

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Cosa significa seguir...

La Cucina a Crudo

La Cucina a Crudo

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Siamo a...

Le ricette del mese

Dessert speziato di pere con salsina di kiwi al limone

Dessert speziato di pere con salsina di …

17-01-2022 Dolci e Dessert

Un tris di buona frutta stagionale questo dessert ...

Involtini di porri gratinati al pomodoro

Involtini di porri gratinati al pomodoro

14-01-2022 Secondi

I modi di preparare degli involtini vegetali senz...

Trofie con pesto di spinaci alle mandorle e salsina aromatica di lenticchie rosse

Trofie con pesto di spinaci alle mandorl…

10-01-2022 Primi

Proprio un bel piatto di pasta questa ricetta che ...

banner