Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jan 18, 2021 Last Updated 12:00 AM, Sep 16, 2021

Flavanoli nel piatto per allontanare l’ipertensione

Pubblicato in Ipertensione
Letto 95 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Frutta, vegetali, tè verde e alimenti ricchi di flavonoidi consumati in abbondanza con la dieta sono una potentissima barriera preventiva rispetto all’insorgenza dell’ipertensione e delle patologie cardiovascolari e tumorali

La consapevolezza scientifica che una dieta ricca di particolari antiossidanti come quelli provenienti in larga parte dalla frutta e da sostanze parallele come il tè verde sia una potente arma di prevenzione dell’ipertensione si è consolidata sempre più nel tempo.

Molti sono stati gli studi che nel corso degli anni hanno evidenziato una correlazione forte tra dieta e ipertensione con particolare riferimento al ruolo dei vegetali e con maggiore incisività quando oltre alla presenza di abbondanti vegetali vi era una contemporanea diminuzione dei quantitativi di sale consumati quotidianamente.

Tuttavia non si è mai arrivati a definire aspetti chiave condivisi e dimostrati con verifiche non solo effettuate con test e confronti, ma con controlli serrati a lungo termine.

A colmare questa lacuna ha provveduto una costola parallela del grande studio EPIC portato avanti in Europa in più filoni paralleli che affrontano nel concreto i rapporti interdipendenti tra alimentazione e salute.

La ricerca pubblicata su Scientific Reports e portata avanti dalla Reading University ha coinvolto più di 25.000 persone di tutte le età e condizioni residenti nella cittadina inglese di Norfolk di cui sono stati monitorati dal vero e con regolarità i dosaggi di alcuni metaboliti dell’organismo incrociandoli con la dieta seguita e con lo stato di salute soggettivo.

Le persone con la presenza nel loro organismo di quantità elevate di flavanoli avevano in media valori pressori più contenuti rispetto a chi non risultava ricco di queste sostanze e questo si è rivelato ancora più proficuo in chi aveva la pressione alta.

I flavanoli sono potenti sostanze naturali antiossidanti contenute in abbondanza nel tè verde, nelle mele autunnali, nei più tipici frutti di bosco estivi, nel cacao amaro e in generale in frutta la frutta fresca oltre che nel caffè.

Ruolo estremamente importante quindi quello della frutta per mantenere in valori adeguati la pressione del sangue, ma ugualmente importante è l'influenza diretta del tè verde che sia in studi passati che in alcuni recentissimi e in maniera molto marcata ha dimostrato il suo prezioso contributo, nello specifico contro il rischio di patologie tumorali e cardiovascolari e con effetti molto incisivi e significativi.

L’insieme di questi elementi già molto positivi aspetta ulteriori conferme, si punta ora soprattutto nell'individuare con più esattezza le reali e specifiche sostanze protagoniste di questi prodigi e non solo la famiglia che le raggruppa per poter allargare magari la cerchia di alimenti amici di ipertensione, tumori e malattie cardiovascolari.

Ciò che invece è già molto chiaro riguarda il ruolo determinante di una dieta con alte percentuali quotidiane di frutta, vegetali e in generale sostanze ricche di antiossidanti come freno potente alle patologie segnalate come l’ipertensione.

Verifica e controllo dei valori della pressione arteriosa

 ipertensione cat

 

Il controllo periodico dei valori della pressione arteriosa è la premessa fondamentale per avere consapevolezza e verifica di uno dei parametri base del proprio stato di salute. Come sottolineto nella pagine del libro: "La diagnosi di ipertensione arteriosa viene stabilita dal medico dopo aver rilevato i valori della pressione. Il medico tiene conto esclusivamente dei valori che rimangono elevati dopo una fase di riposo e dopo ripetute misurazioni.

 

Ultimi articoli

Secondi vegetali per le feste, bontà e salute in cucina!

Secondi vegetali per le feste, bontà e …

23-12-2020 Alimentazione

Una bella, sana e gustosa mini selezione di sei se...

Olio extravergine d'oliva Poldo Monovarietale di Picholine - campagna 2018-2019

Olio extravergine d'oliva Poldo Monovari…

22-12-2020 Olio di Oliva

Torta di cioccolato, olio extravergine d'oliva Pol...

Olio extravergine d'oliva Poldo Monovarietale di Raggia - campagna 2018-2019

Olio extravergine d'oliva Poldo Monovari…

21-12-2020 Olio di Oliva

Coppette d’uva in salsa di pere all'olio extrave...

Libri in Primo Piano

La pasta fatta in casa

La pasta fatta in casa

Ottobre 01, 2013

Le guide di Natura e Salute La pasta fresca emble...

Prevenire il cancro a tavola

Prevenire il cancro a tavola

Gennaio 01, 2013

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Non è ...

Cucina mediterranea senza Glutine

Cucina mediterranea senza Glutine

Ottobre 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: La celi...

Le ricette del mese

Terrina di carciofi, olive nere e besciamella di soia allo zafferano

Terrina di carciofi, olive nere e bescia…

16-01-2021 Secondi

I carciofi dalle tante virtù, a cominciare da que...

Dessert di ananas marinato alla vaniglia con kiwi in doppia veste, nocciole e melagrana

Dessert di ananas marinato alla vaniglia…

13-01-2021 Dolci e Dessert

Un semplice dessert che gioca non solo con gli aro...

Riso integrale con zucca al rosmarino, cavolo allo zenzero e pistacchi

Riso integrale con zucca al rosmarino, c…

12-01-2021 Primi

Tra l’autunno e l’inverno un grande carico di ...

banner