Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Jan 17, 2022 Last Updated 9:35 AM, Jan 17, 2022

Può il riso integrale diventare un piatto di gnocchi golosi, morbidi e ricchi di benessere? Si e lo dimostriamo ampiamente con questa innovativa tecnica di lavorazione che sfrutta le capacità aggreganti tipiche del riso grazie al suo amido naturale legato con la stessa farina del cereale, opzione che consente anche di escludere del tutto il glutine.

Accompagna questi gnocchi originali una colorata salsa di barbabietole e cipolle rosse profumata intensamente con la potente salvia che a contatto con l’olio extravergine d’oliva rilascia tutto il meglio che ha dentro.

Senza dimenticare il tocco finale dei salutari e buonissimi pistacchi!

Ingredienti per 4 persone:

  • 450 di riso integrale lessato,
  • 150 farina di riso,
  • 2-3 cipolle rosse di tropea,
  • circa 12 foglie di salvia fresca,
  • 200 g circa di barbabietola rossa cotta,
  • 200 ml circa di brodo vegetale pronto,
  • 100 g di pistacchi non salati,
  • olio extra vergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mettere in un potente frullatore il riso lessato avendo cura che sia asciutto, frullarlo brevemente da solo, poi aggiungere la farina di riso e un poco di sale, continuare a frullare a intermittenza fino a formare un composto fine e omogeneo facilmente lavorabile.
  2. Trasferirlo in una ciotola e se troppo morbido unire altra farina di riso o al contrario poca acqua, dividerlo in piccole parti, arrotolarle a forma di grissino e tagliare dei gnocchetti di ½ cm circa di lunghezza da stendere in un vassoio e infarinare bene.
  3. Sbucciare le cipolle e affettarle finemente mettendole in una padella insieme alle foglie di salvia spezzettate, 3-4 cucchiai di olio e un pizzico di sale.
  4. Coprire e lasciare rosolare per 10 minuti abbondanti, aggiungere la barbabietola tagliata a cubetti e lasciarla insaporire per 5 minuti, quindi frullare finemente versando il solo brodo vegetale sufficiente a creare una fluida salsina rosso viola.
  5. Lessare i gnocchetti in abbondante acqua bollente salata e nel frattempo stendere la salsa di barbabietola calda sul fondo dei piatti.
  6. Scolare i gnocchetti con una schiumarola dopo che sono venuti a galla e rimasti a cuocere per un solo minuto, adagiarli sulla salsa e cospargerli con i pistacchi sgusciati tritati grossolanamente.

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 carote medie,
  • 2 spicchi d'aglio (o 1 solo se vi vuole un gusto più soft),
  • 1 limone,
  • 250 ml di yogurt greco o intero molto denso,
  • pane integrale,
  • olive nere,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Pulire le carote e grattugiarle mettendole in una ciotola, aggiungere l'aglio sbucciato e tritato molto finemente, in alternativa pestato in un mortaio e ridotto in crema.
  2. Unire un pizzico di sale, 1 cucchiaio d'olio e il succo del limone, coprire e lasciare marinare per 1 ora.
  3. Passare le carote in un colino a maglie fini pressandole in modo da far uscire più liquido possibile.
  4. Mescolare il ricavato con lo yogurt e aggiungere altri 3-4 cucchiai d'olio correggendo a piacere con altro sale e succo di limone.
  5. Servire la crema con fette di pane integrale tostate accompagnando con alcune olive nere.
  6. Il succo rimasto dalle carote emulsionato con olio d'oliva diventa un ottimo condimento per insalate.

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di asparagi verdi,
  • 300 g di riso integrale,
  • 4 foglie di alloro,
  • 2 cipolle bianche,
  • 20-30 semi di anice,
  • 1 cucchiaino abbondante di curcuma in polvere,
  • 200 g di ricotta,
  • 100 ml di latte,
  • pepe,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mondare gli asparagi eliminando la parte più dura del gambo, lavarli con cura e dividere le punte (i primi 4-5 cm circa) dai gambi.
  2. Portare a ebollizione 1,5 l circa di acqua e lessarvi prima le punte per 2-3 minuti, scolarle e metterle in acqua fredda, lessare dopo anche i gambi per 10 minuti e scolarli disponendoli su un vassoio conservando l'acqua di cottura.
  3. Disporre il riso in una pentola insieme alle foglie di alloro lavate, bagnare con 1 l circa di acqua di cottura degli asparagi, coprire parzialmente e lessare a fuoco medio basso per circa 30-35 minuti lasciando assorbire quasi tutto il liquido in cottura e mantenendo i chicchi di riso leggermente al dente, solo verso fine cottura salare leggermente.
  4. Nel frattempo sbucciare e tritare grossolanamente la cipolla bianca, metterla in una padella con 3-4 cucchiai di olio, i semi di anice, la curcuma e un pizzico di sale, coprire e a calore medio basso rosolare per 10 minuti circa.
  5. Trasferire il soffritto in una caraffa insieme alla ricotta e al latte, frullare finemente fino a ottenere una crema gialla uniforme e profumata.
  6. Mettere il riso pronto con ancora un poco della sua acqua di cottura nella padella del soffritto, aggiungere i gambi degli asparagi affettati e la crema alla curcuma, mescolare e dare la densità di un comune risotto regolando di sale e unendo all’ultimo una macinata di pepe.
  7. Servire nei piatti decorando con la punta degli asparagi e un’altra macinata di pepe a piacere.

La croccantezza esterna accentuata di queste quennelles, un termine francese che indica una sorta di polpette o grossi gnocchi dalla consistenza molto morbida e soffice, deriva dalla presenza originale di ottimi cornflakes integrali al mais eventualmente sostituibile da un elemento simile che raccomandiamo però sempre integrale.

Si tratta di un altro ottimo modo per valorizzare quella risorsa proteica vegetale che è presente nel tofu cercando di interpretarne in maniera gustosa e interessante la sua natura di derivato di lavorazione della comune bevanda (latte se preferite pur non essendo corretto) derivata dai semi di soia.

Erba cipollina e basilico contribuiscono molto alla bontà finale come anche i freschi pomodori maturi che accompagnano la portata principale, mentre i pinoli aumentano ulteriormente la quota proteica vegetale portando altre sostanze benefiche al piatto finale!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 mazzetto di erba cipollina,
  • 350 g di tofu,
  • 3 cucchiai di pinoli,
  • 4 grandi pomodori maturi,
  • 50 g di olive nere morbide,
  • 8-10 foglie di basilico,
  • cornflakes integrali al mais per impanare,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare, asciugare e tagliuzzare finemente con una forbice l'erba cipollina, mescolarla in una ciotolina con 3 cucchiai di olio, coprire e lasciare insaporire l'olio al fresco per almeno 30 minuti.
  2. Tostare lievemente i pinoli a calore basso in un pentolino per pochi minuti, tagliare il tofu in piccoli cubetti e scottarlo in a qua bollente o a vapore per 5 minuti circa lasciandolo poi ben raffreddare.
  3. Metterlo in un frullatore insieme ai pinoli e l'olio aromatico con l'erba cipollina, frullare versando solo se necessario la poca acqua funzionale a ottenere una impasto lavorabile con le mani, dividerlo in 12 parti, arrotolarle e schiacciarle formando delle piccole bistecchine.
  4. In alternativa formare delle quenelles, impanarle delicatamente nei cornflakes sbriciolati e metterle direttamente in una teglia rivestita con carta da forno.
  5. Cuocere nel forno caldo a 210-215 gradi per 10 minuti circa, nel frattempo lavare i pomodori, dividerli a metà svuotandoli dai semi, tagliare la polpa a cubetti e condirla con poco sale, olio, le olive nere snocciolate tritate e le foglie di basilico spezzettate fini.
  6. Servire le quenelles tiepido calde con vicino la macedonia di pomodori decorando a piacere.

Malgrado le apparenze questa ricetta può essere annoverata tra gli antipasti veloci con una ricchezza di ingredienti sani e buoni notevole.

A iniziare dall’indivia belga con la sua bella freschezza e croccantezza, per passare dai broccoletti con tutti i pregi infiniti della famiglia dei cavoli, quindi le mandorle tra la frutta secca in guscio una delle più ricche di elementi di salute e infine dal riso che malgrado sia raffinato mantiene un discreto impatto glicemico.

Senza dimenticare naturalmente la potente curcuma che insieme alle olive nere completa al meglio il quadro gustativo del piatto.

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 g di cimette di broccoletti verdi già pulite,
  • 125 g di riso indica,
  • 3-4 cespi di indivia belga,
  • ½ cucchiaino di curcuma in polvere,
  • 80 g di olive nere morbide,
  • 50 g di mandorle tostate,
  • pepe,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lessare per meno di 5 minuti in ½ l circa di acqua bollente non salata le cimette di broccoletti tenendole molto croccanti, scolarle con una schiumarola travasandola in un ciotola di acqua fredda.
  2. Sciacquare il riso e dopo averlo ben scolato condirlo con poco olio mescolando con le mani in modo da distribuirlo su tutti i chicchi, metterlo in una pentola larga, coprirlo con 250 ml di acqua di cottura dei broccoletti ben filtrata, coprirlo e cuocerlo a calore medio basso per 10-12 minuti fino a far assorbire tutto il liquido.
  3. Quando pronto stenderlo in un vassoio e sgranarlo con una forchetta lasciandolo raffreddare.
  4. Sfogliare l'indivia belga, lavarla bene, selezionare le 16 o 20 foglie più grandi asciugandole con cura e affettare finemente le restanti.
  5. Condire la belga affettata con 2 cucchiai di olio, un pizzico di sale, la curcuma e una macinata di pepe, saltarla in padella per 5 minuti e mescolarla al riso, aggiungere le olive intere o snocciolate e tritate e le cimette di broccoletti.
  6. Tritare grossolanamente le mandorle tostate, distribuire il riso sulle foglie di belga disposte in 4 piatti piani e decorare la superficie con le mandorle a proprio piacere.

Ultimi articoli

La carenza di ferro e altri nutrienti come possibile segnale di un problema con il glutine

La carenza di ferro e altri nutrienti co…

13-01-2022 Celiachia

La carenza di alcuni sali minerali e vitamine potr...

Primi vegetali delle feste 2021, alternative chic e porta fortuna!

Primi vegetali delle feste 2021, alterna…

20-12-2021 Alimentazione

La nostra selezione 2021 di primi piatti che posso...

Rafano, l’ancestrale wasabi Europeo!!

Rafano, l’ancestrale wasabi Europeo!!

15-12-2021 Erbe aromatiche

Il Rafano ha una storia di utilizzo in cucina abba...

Libri in Primo Piano

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Prevenire il Colesterolo

Prevenire il Colesterolo

Gennaio 01, 2008

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Il cole...

A tavola con il Diabete

A tavola con il Diabete

Gennaio 01, 2010

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Dietolo...

Le ricette del mese

Dessert speziato di pere con salsina di kiwi al limone

Dessert speziato di pere con salsina di …

17-01-2022 Dolci e Dessert

Un tris di buona frutta stagionale questo dessert ...

Involtini di porri gratinati al pomodoro

Involtini di porri gratinati al pomodoro

14-01-2022 Secondi

I modi di preparare degli involtini vegetali senz...

Trofie con pesto di spinaci alle mandorle e salsina aromatica di lenticchie rosse

Trofie con pesto di spinaci alle mandorl…

10-01-2022 Primi

Proprio un bel piatto di pasta questa ricetta che ...

Invito alla Lettura

Olio di lago Garda DOP

Olio di lago Garda DOP

12-10-2010 Invito alla Lettura, i libri consigliati

L’anima mediterranea abbraccia la biodiversità ...

Primo soccorso per i bambini

Primo soccorso per i bambini

03-04-2012 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Natura e Salute In apparenza un libro di questo t...