Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Sep 23, 2023 Last Updated 9:33 AM, Sep 21, 2023

I piselli freschi sono presenti già in aprile quando quasi sempre ricade la ricorrenza della pasqua in cui magari si cercano idee nuove e gustose per portare in tavola stagionalità, bontà e prodotti sani!

Ecco allora la soluzione in questo piatto di ravioli che già nell’impasto si avvalgono della preziosa collaborazione della curcuma per poi utilizzare i piselli nella loro totale integrità!

I piselli veri e propri a costituire il ripieno con la feta e il profumo della noce moscata, i baccelli a diventare crema e salsa finale di condimento (una salsa che per altro si conserva in frigorifero per 2 giorni e si può congelare fino a 3 mesi) esaltata dal rosmarino fresco per poi concludere con le croccanti mandorle e il colorato pepe rosa!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 160 g di farina 0,
  • 80 g di farina di semola di grano duro,
  • ½ cucchiaino di curcuma in polvere,
  • 2 uova,
  • 500 g di piselli in baccello,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 1 rametto di rosmarino fresco,
  • 100 g di panna vegetale,
  • 150 g di feta,
  • 25 g di mandorle,
  • noce moscata,
  • pepe rosa,
  • olio extravergine d'oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mescolare le due farine con la curcuma, una macinata abbondante di pepe e un pizzico di sale, impastarle con le uova e la poca acqua sufficiente a formare un composto omogeneo da coprire e lasciare riposare per un'ora circa.
  2. Sgusciare i piselli conservando i baccelli e lessarli in abbondante acqua bollente salata per 10-15 minuti circa, scolarli con una schiumarola e la loro posto mettere i baccelli puliti con attenzione da tutti i filamenti cuocendoli per 20 minuti abbondanti.
  3. Tritare finemente l’aglio con il rosmarino, rosolare il battuto brevemente con 3-4 cucchiai di olio, frullare i baccelli con la panna vegetale, passare al setaccio raccogliendo la salsina in una piccola pentola e profumare con il trito al rosmarino allungando se serve con un poco di acqua di cottura dei baccelli.
  4. Schiacciare con una forchetta finemente i piselli lessati e mescolarli con la feta tritata fino a creare una farcia uniforme profumandola con poca noce moscata.
  5. Stendere la pasta in sfoglie sottili, porre su ogni sfoglia a distanza regolare un cucchiaino di ripieno, ricoprire con un'altra sfoglia e aiutandosi con un tagliapasta formare dei ravioli quadrati eliminando con cura l'aria interna.
  6. Lessarli per 3-4 minuti circa in abbondante acqua bollente salata, scolarli con una schiumarola disponendoli direttamente nei piatti, condirli con la salsina di baccelli e decorare con del pepe rosa macinato e le mandorle ridotte in scaglie.

Un semplice dessert che gioca non solo con gli aromi, i profumi e le consistenze della frutta fresca, ma anche con i suoi accesi colori che abbelliscono molto e invogliano il palato.

I protagonisti sono i kiwi in una doppia veste, l’ananas e la melagrana a cui si affiancano le nocciole e come spezia di elezione la soave vaniglia nera.

Il tocco da dessert viene poi completato dalla presenza di una minima quantità di panna vegetale montata che rende il tutto necessariamente da fare e gustare!!!

Ingredienti per 4 persone:

  • ½ ananas maturo,
  • ½ limone,
  • ½ baccello di vaniglia,
  • 3-4 kiwi,
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero,
  • 100 g di panna di soia da montare,
  • 30 g di nocciole sgusciate e tostate,
  • ¼ di melagrana

Preparazione

  1. Pulire con cura l’ananas, affettarlo molto sottilmente e metterlo in una ciotola con poco succo di limone e il baccello di vaniglia spezzettato, coprirlo e lasciarlo marinare 1 ora.
  2. Sbucciare i kiwi e schiacciare molto finemente con la forchetta la polpa più morbida formando una sorta di crema grezza da conservare al fresco, tritare finemente tutto il resto addolcendolo con lo sciroppo d’acero.
  3. Montare la panna di soia e mescolarvi la polpa tritata dei kiwi, sgranare la melagrana, tritare grossolanamente le nocciole.
  4. Stendere la crema di kiwi in 4 piattini e adagiarvi sopra le fettine di ananas private della vaniglia, nel mezzo spremere un fiocco di panna con sopra le nocciole tritate, completare decorando con la melagrana.

Un semplice dessert in cui gustare diversamente la tipica bevanda per ogni Italiano o quasi imprescindibile durante la giornata anche in più volte, il caffè.

Esalta il tutto l’aroma di arancia che ben si fonde con il caffè e si è volutamente indicato due alternative possibile, una versione del tutto priva di ingredienti di origine animale e una più tradizionale per chi la preferisce e gradisce meglio, il risultato è ottimo lo stesso!

L’addensante scelto è stata la maizena e le dosi non sono certo eccessive in modo da gustarsi senza tanti sensi di colpa il dessert e inserirlo anche alla fine di un pasto non troppo abbondante!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 arance,
  • 100 ml di caffè espresso,
  • 400 ml di bevanda vegetale di soia al naturale o latte intero,
  • 50 g di maizena,
  • 80 g di zucchero di canna,
  • 80 g circa di panna vegetale o fresca,
  • ½ cucchiaino di caffè in polvere

Preparazione

  1. Lavare e asciugare l’arancia più piccola e grattugiare 1 cucchiaio circa della buccia, preparare il caffè, tenerne da parte 2 cucchiai e mescolare il resto con la bevanda vegetale alla soia o il latte.
  2. Setacciare la maizena e disporla in un pentolino dal fondo triplo o doppio, versare lentamente un poco di bevanda al caffè e mescolando con una frusta stemperare e diluire l'amido.
  3. Unire la restante bevanda e se si formano grumi frullare brevemente con un frullatore a immersione, aggiungere 60 g di zucchero e la buccia d'arancia.
  4. Mettere sul fornello a calore basso, mescolare alternando la frusta con un cucchiaio e portare gradualmente a ebollizione, raffreddare, distribuire la crema in 4 stampini leggermente bagnati e conservarla in frigorifero per 2 ore.
  5. Nel frattempo sciogliere lo zucchero rimasto nel caffè tenuto da parte scaldando leggermente il tutto, aggiungere la panna vegetale e il caffè in polvere, mescolare fino a creare un cremina profumata.
  6. Tagliare in mezze fette la seconda arancia, capovolgere al centro dei piatti il dessert, ricoprirlo in parte con la cremina al caffè e circondarlo con le mezze fette di arancia decorando a piacere.

Una buona combinazione per un gustoso secondo vegetariano questa ricetta che vede protagonisti principali i potenti e salutari broccoletti verdi.

Nella composizione sono supportati da un base particolare in cui la densità viene data dal semolino ricalcando un procedimento molto in uso nella cucina Italiana regionale spesso per preparare primi piatti come i famosi gnocchi alla romana.

Quota proteica rinforzata da uova e parmigiano e una profumata e sensuale per quanto semplice salsina di funghi ad accompagnare, un condimento a dire il vero perfetto anche per un piatto di tagliatelle fresche!!!

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di broccoletti verdi,
  • 15 g di funghi secchi misti di bosco,
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 1 cucchiaino di prezzemolo tritato,
  • ½ l di latte fresco,
  • 50 g di semolino,
  • 2 uova,
  • 2 scalogni,
  • 100 g di panna vegetale,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Mondare i broccoletti, dividerli in piccoli cimette, lavarli e lessarli per 10 minuti togliendo dopo 3-4 minuti alcune cimette per la decorazione finale.
  2. Scolarli e conservare l'acqua di cottura, mettere a bagno i funghi secchi, preparare il parmigiano e il prezzemolo, frullare i broccoletti cotti.
  3. Portare a ebollizione il latte insieme a poco sale, ridurre al minimo la fiamma e aggiungere il semolino insieme ai broccoletti, mescolare bene e cuocere per circa 5 minuti sempre mescolando.
  4. Togliere la pentola dal fuoco, unire il parmigiano grattugiato e quando il tutto diventa tiepido incorporare anche le uova, distribuire il composto in piccoli stampini oliati molto bene e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 25 minuti circa.
  5. Nel frattempo sbucciare gli scalogni, tritarli finemente e rosolarli per 7-8 minuti a calore medio basso insieme a 2-3 cucchiai d'olio, aggiungere i funghi scolati dalla propria acqua e tritati, unire la panna e frullare finemente il tutto aggiungendo l'acqua di cottura dei broccoletti sufficiente a ottenere una fluida salsina.
  6. Sformare gli stampini, coprirli con la salsina ai funghi, decorare con le cimette tenute da parte e germogli servendo subito.

La categoria dei gnocchi è molto vasta e comprende combinazioni molteplici che vanno ben oltre la più conosciuta con le patate toccando zucche, semole, farine di vario tipo, amidi e tanto altro.

In questa ricetta protagonisti sono farina e pangrattato come da tradizione del nord Italia che vengono semplicemente legati con acqua e particolarità nella particolarità colorati con 4 elementi diversi come spinaci, zafferano, barbabietola e olive nere che ne determinano i diversi colori finali.

Al condimento ci pensano invece i finocchi che diventano gradevole salsa bianca profumata con timo fresco e zenzero per rimanere nel massimo delle buone combinazioni vegetali.

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 g di farina 0,
  • 100 g di pangrattato preparato da poco,
  • 50 g di spinaci cotti,
  • 60 g di barbabietola cotta,
  • ½ bustina di zafferano,
  • 1 cucchiaio di paté di olive nere,
  • 2 finocchi,
  • 3-4 rametti di timo fresco,
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato,
  • 100 g circa di panna vegetale,
  • pepe,
  • olio extravergine di oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Disporre la farina a fontana e porvi al centro il pangrattato mescolato a poca acqua calda, un pizzico di sale, una macinata di pepe e l'altra acqua calda necessaria ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
  2. Coprirlo e lasciarlo momentaneamente riposare, nel frattempo frullare separatamente gli spinaci e la barbabietola riducendoli in crema e sciogliere in un cucchiaio di acqua calda lo zafferano.
  3. Dividere l’impasto in 4 parti nella prima mettere il paté di olive nere, nella seconda lo zafferano, nella terza gli spinaci e nella quarta la barbabietole reimpastando il tutto e aggiungendo altra farina se necessario in modo da formare 4 basi di colore diverso da lasciare di nuovo riposare ben coperte.
  4. A parte pulire i finocchi, conservare la parte più interna per la decorazione e affettare il resto, sbucciare l’aglio e tritarlo insieme al timo rosolandolo velocemente in padella con 2-3 cucchiai di olio, aggiungere i finocchi affettati e lo zenzero, salare, pepare e cuocere per 10 minuti versando se serve poca acqua.
  5. Una volta pronti frullare finemente i finocchi con la poca panna necessaria a ottenere una salsina cremosa ben profumata.
  6. Da ogni base colorata prendere un pezzo di impasto alla volta, arrotolarlo sul tavolo dandogli la forma di un grissino, tagliarlo a piccoli pezzi di 1 cm di lunghezza e schiacciarli con il pollice.
  7. Lessarli in abbondante acqua bollente salata per 5 minuti circa, scolarli direttamente nei piatti già coperti dalla salsina di finocchi e decorare con i cuori di finocchio tagliati in fettine sottili o in altro modo a piacere.

Ultimi articoli

Buoni ortaggi da conoscere: i fagiolini Grisotti

Buoni ortaggi da conoscere: i fagiolini …

21-09-2023 Mangiare sano

Uno dei rimedi all’omologazione e all'appiattime...

Siconi, non altro che i buonissimi fichi ricchi di benessere

Siconi, non altro che i buonissimi fichi…

07-09-2023 Mangiare sano

Il fico è diffuso allo stato spontaneo in tutto i...

Tortelli saraceni ai profumi di erbe aromatiche, nocciole e olio extra vergine d’oliva Agata, Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Tortelli saraceni ai profumi di erbe aro…

19-08-2023 Olio di Oliva

Tortelli saraceni ai profumi di erbe aromatiche, n...

Libri in Primo Piano

La Cucina a Crudo

La Cucina a Crudo

Aprile 04, 2018

Le guide di Natura e Salute Descrizione: Siamo a...

Olio: crudo e cotto

Olio: crudo e cotto

Marzo 01, 2012

Le guide di Natura e Salute La multidirezionalit...

Naturalmente dolci

Naturalmente dolci

Agosto 29, 2014

Le guide di Natura e Salute Il ruolo dei dolcific...

Invito alla Lettura

Tutti dicono maremma maremma

Tutti dicono maremma maremma

31-07-2011 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Un libro curato da Luigi Caricato, “Tutti dicono...

Colesterolo, un prezioso libro per capire meglio

Colesterolo, un prezioso libro per capir…

07-11-2014 Invito alla Lettura, i libri consigliati

Interessi economici, salute e sbagliate visioni.&n...

banner